Nintendo 3DS: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Domande e Risposte dal vivo con la redazione di Everyeye
Zombie Skape > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Zombie Skape - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
Qualunque videogiocatore degno di questo nome, almeno una volta nella sua carriera ha dovuto vedersela con una folla di zombie affamati. Siamo sicuri che molti di voi abbiano fatto valere le proprie ragioni con una buona dose di piombo ed il vigore del proprio coraggio. In compagnia (Left 4 Dead) o da soli (Resident Evil), affrontare ondate di non morti regala sempre immense soddisfazioni e qualche brivido di tensione che non fa mai male.
Ma se al posto di un eroe tutto d’un pezzo ci trovassimo nei panni di una ragazzo che preferisce evitare lo scontro a viso aperto scappando a tutta birra in sella al suo skate? E' questa la prospettiva di Zombie Skape, minuscolo DSiWare sviluppato dalla sconosciuta EnjoyUp Games.
Dribblando zombie
Zombie Skape - recensione - 3DS Zombie Skape è un arcade dal gameplay piuttosto semplice e intuitivo. A bordo del vostro skate attraverserete alcune ambientazioni evitando ostacoli e orde di non morti, cercando al contempo di salvare le donzelle in difficoltà, “raccogliendole” lungo il cammino. L’azione è ripresa tramite una telecamera fissa posta alle spalle dell’avatar e tutto ciò che dovrete fare è modificare la traiettoria del mezzo che inesorabilmente seguirà il sentiero prefissato.
Lo skate si rivela un mezzo poco reattivo nei cambi di direzione e proprio per questo dovrete studiare attentamente il percorso (spalmato su due schermi) mano a mano che si rivelerà. Naturalmente i ritmi sono contenuti, ma non così tanto da permettervi troppa calma. Dovrete pensare in fretta e scegliere attentamente come dribblare i vari ostacoli, senza perdere troppa velocità. Alle vostre spalle corrono altri zombie che non perderanno occasione di affacciarsi sul bordo inferiore dello schermo, pronti a catturarvi ogni qual volta ridurrete troppo la vostra andatura. Per evitare quest’evenienza dovrete centellinare le frenate e fare affidamento ogni volta che potrete sul salto. Ogni livello si sforzerà di presentare nuovi elementi che renderanno progressivamente la vita più difficile al videogiocatore. Si comincia con arbusti in fiamme per giungere a macchine impazzite che attraverseranno gli incroci, senza dimenticare minacciose braccia putrefatte che spuntano dal suolo. Ciò ha il pregio di infondere un buon grado di varietà alla produzione, a tutto vantaggio del videogiocatore che sarà costantemente spinto a vedere cosa si sono inventati gli sviluppatori nello stage successivo.

Dopo le prime partite comprenderete anche il ruolo fondamentale delle ragazze da salvare. Oltre a farvi sentire meglio con la vostra coscienza, ogni volta che ne sottrarrete tre dall’irrefrenabile fame di cervelli degli zombie verrete premiati con una vita extra. Non essendoci checkpoint e dal momento che dopo ogni game over dovrete ricominciare tutto da capo, l’unico modo per registrare highscore degni di questo nome e affrontare tutti i livelli creati dagli sviluppatori, è quello di prestare particolare attenzione all’apparizione di una fanciulla. Senza però essere troppo precipitosi: il rischio è quello di perdere vite nell’illusione di guadagnarne una.
Il sistema di controllo si comporta sufficientemente bene. Si sente un certo ritardo nella risposta ai comandi, ma questo fa parte di una precisa scelta di design: in questo modo sarete costretti a calcolare con precisione e anticipo le vostre traiettorie, rendendo le cose più impegnative di quanto immaginato.
Nonostante una formula efficace e tutto sommato vincente per il contesto dei DSiWare, Zombie Skape ha comunque il fiato troppo corto per potervi intrattenere a lungo. Già dopo poche partite vi sentirete abbastanza tediati, anche a causa di una generale mancanza di stimoli. Nel corso delle "run" migliori, che possono durare svariati minuti, sentirete il peso di un gameplay poco profondo, che addirittura fatica a mantenere alto l’interesse dell'utente durante l’intero arco della sessione.
Grafica e sonoro rispettano i canoni 16-bit ai quali il titolo si ispira piuttosto evidentemente. Stilisticamente fanno sorridere gli zombie che si trascinano per l'ambientazione, anche se il protagonista lascia alquanto a desiderare in materia di caratterizzazione. Abbozzate le animazioni, praticamente assenti gli effetti speciali, orecchiabili i motivetti che accompagneranno le vostre fughe in skate. Niente di memorabile, ma si è visto di peggio su 3DS.
Il concept di Zombie Skape è quello di un Endless Run abbastanza classico, con la progressione in profondità simile a quella del ben più celebre Temple Run. Nonostante gli sforzi del team per vivacizzare il gameplay, il titolo resta troppo poco profondo, esasperando quello che è il difetto principale del genere: la ripetitività. Senza alle spalle una struttura che sostenga replay value, Zombie Skape risulta in ultima analisi un riempitivo simpatico e poco più.
VOTOGLOBALE5
Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

Zombie Skape

Disponibile per: 3DS
Genere: Azione
Sviluppatore: EnjoyUp Games
Distributore: Distribuzione digitale
Publisher: EnjoyUp Games
Costo Digidelivery: 1,99 €
Pegi: 7+
Lingua: Tutto in Inglese
Data di Pubblicazione: 17/01/2013
Zombie Skape
5
5
5
5
4 voti
4
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD