Anteprima Bloodstained: Ritual of the Night

Koji Igarashi finanzia tramite Kickstarter un seguito spirituale dei Castlevania bidimensionali, promettendo una lunga lista di novità tali da fondare il nuovo genere degli Igavania. La risposta? Non prima del 2017!

anteprima Bloodstained: Ritual of the Night
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

15 giorni fa fa Koji Igarashi giocava al suo Castlevania Symphony of the Night sul canale Youtube di Double Fine. Lunedì notte, a poche ore dal debutto su Kickstarter il progetto Bloodstained: Ritual of the Knight veniva finanziato in toto, in anticipo di circa un mese.
"I publisher dicono che i giocatori non sono più interessati ai metroidvania. Aiutatemi a provare che si sbagliano!" è la chiamata alle armi di Koji Igarashi, colui che più di tutti ha aiutato a plasmare la serie Castlevania nel nuovo millennio e che 2 anni fa ha abbandonato Konami, dando inizio alla tragica diaspora che in questa settimane ha coinvolto anche il ben più mediatico Hideo Kojima.
Bloodstained rappresenta dunque il successore spirituale di Castlevania, sviluppato in collaborazione con Inti Creates, che di successori spirituali già si intendono (vedi alla voce Mighty N.9). Ora che ha superato il traguardo Kickstarter inizia la spasmodica attesa, che dovrebbe concludersi nel 2017 quando la versione fisica giungerà nei negozi in versione PC, PlayStation 4 e Xbox One.
Ma visto che al momento c'è veramente poco di concreto, vediamo cosa ci sta promettendo il tenace Iga...

Che fine hanno fatto i Belmont?

C'è una protagonista femminile, Miriam, diciottenne, vittima della maledizione di un vecchio alchimista. Proprio come in Castlevania Order of Ecclesia. Pur essendo una donna, costei è taciturna; pur avendo una missione di vendetta, il suo passato da orfanella la rende compassionevole e desiderosa di donare la propria bontà.
Non è sola nella sua missione, assistita da un ex alchimista, Johannes: sarà anche un personaggio giocabile all'interno della modalità cooperativa, vista in Castlevania Portrait of Ruin, finanziata in Bloodstained dagli utenti Kickstarter al 700 millesimo dollaro.
C'è un castello, architettura gotica, archi a sesto acuto e vetrate in ferro battuto proprio come in Symphony of the Night. E speriamo che ne esista anche la versione capovolta.
Non ci sarà Dracula, sostituito piuttosto da Gebel, acerrimo rivale di Johannes, e la mitica frusta sarà solo un'arma delle tante, perchè ci sarà tantissimo spazio a magie e libri di incantesimi. A parte queste due mancanze, Bloodstained è nei fatti un Castlevania senza la famiglia Belmont: avrà pure l'ambizione di fondare un nuovo genere videoludico e plasmarlo attorno allo stile di Koji Igarashi (nemmeno Skylanders e Monster Hunter hanno osato tanto, nominando col nome dei creatori la lunga lista di cloni!), ma nelle fondamenta e nell'aspetto grafico ricorda fin troppo la saga degli ammazzavampiri di Konami.
Quale sarebbe il plus di Bloodstained quindi? Igarashi spera che la conquista dell'indipendenza creativa possa spezzare le catene che la dirigenza Konami imponeva lui, in nome del desiderio di raggiungere un pubblico più vasto. Per il momento promette varie modalità collaterali, a partire dalla già citata cooperativa, passando poi per Speed Run e Buss Rush, ma le novità e gli aggiustamenti alla formula devono passare anzitutto per il gameplay. Altrimenti Bloodstained rischia di essere una versione meno carismatica di Bloodstained (la saga dei Belmont dopotutto ha accompagnato la nostra crescita, impossibile non volere loro bene!), una copia sbiadita, una immensa occasione sprecata...

E' passata un po' in sordina un'importante questione finanziaria legata al Kickstarter di Bloodstained. In un'intervista a Gamasutra Igarashi ha raccontato di aver trovato un finanziatore, un volenteroso publisher ancora nell'ombra, che ha messo sul piatto il 90% del budget richiesto con la clausola di dimostrare che nel mercato vi sia effettivamente un interesse verso questo genere di giochi. Kickstarter, il suo isterismo verso le cause buone e giuste del videogioco passato e la chiamata alle armi che accompagna ogni ritorno sulla scena di un qualche brand passato, ha smosso molto le acque e provato l'interesse, però ora come ora Igarashi e lo sviluppatore Inti Creates si trovano tra le mani un bel gruzzolo extra, un tesoretto funzionale ad aggiungere modalità aggiuntive, coinvolgere il doppiatore David Hayter (la voce di Solid Snake fino a MGS 4) e mettere insieme un artbook.
Un tesoretto aggiuntivo che i fan hanno donato volentieri senza, però, conoscere esattamente il fatto che il progetto non aveva bisogno di Kickstarter per vedere la luce...

Bloodstained: Ritual of the Night Dopo aver aiutato a donare una seconda giovinezza alla saga di Castlevania, partendo da Symphony of the Night e proseguendo con i sequel su portatili Nintendo, Koji Igarashi si mette in proprio ed utilizzando Kickstarter come cassa di risonanza ha annunciato Bloodstained: Ritual of the Knight. Nella sostanza un seguito spirituale dell'action Konami, con una protagonista femminile che di cognome non fa Belmont, un alchimista al posto di Dracula ed uno stuolo di promesse che nelle intenzioni del team di sviluppo dovrebbero contribuire a fondare un nuovo genere videoludico, denominato "Igavania". La verità è che, come del resto la stragrande maggioranza dei Kickstarter, del gioco c'è ben poco di concreto attualmente, gli stessi screenshot sono a malapena concept art. Siamo ottimisti circa il ritorno sulle scene di Igarashi e speranzosi che ci possa essere un futuro per il genere, specie ora che Konami fa l'altezzosa verso il pubblico che l'ha portata ai vertici della scena videoludica mondiale, ma non vogliamo sbilanciarci finchè non stringeremo tra le mani una copia di Bloodstained per PC, Xbox One o Playstation 4. Di sicuro mai prima del 2017...

Quanto attendi: Bloodstained: Ritual of the Night

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 37
85%
nd