Anteprima Burnout Crash

Burnout si declina in versione Arcade: prime info dallo showcase EA di Redwood

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • iPhone
  • iPad
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Come abbiamo più volte puntualizzato, in questo periodo di magra videoludica vari team e publisher stanno spostando l’attenzione verso il mercato dei cosiddetti “Arcade”: produzioni leggere a basso budget che, grazie alla distribuzione digitale (e ad un prezzo contenuto), riescono a farsi strada in maniera nettamente più agevole, anche a dispetto di qualità non entusiasmanti. Tra le varie aziende coinvolte nel movimento non poteva certo mancare il colosso canadese Electronic Arts, che ha recentemente mostrato parte della sua line-up per l’immediato futuro ad un Summer Showcase svoltosi negli Stati Uniti.
Tra le varie notizie e curiosità giunte attraverso l’Oceano Atlantico, particolarmente interessante è risultato Burnout Crash, nuova iterazione del famoso brand dedicata al mercato digital delivery.

Back to Basics

Il concept alla base di Burnout Crash è lo stesso che, alcuni anni fa, introdusse il team tramite una delle molte modalità secondarie (chiamata Crash) annoverate nella lunga serie. Le dinamiche vengono quindi riprese ed ampliate per formare un trittico di nuove game mode; due delle quali sono state svelate tramite il recente showcase. La prima si chiama Rush Hour e prevede una strutturazione piuttosto semplice: si tratterà di compiere il maggior numero di nefandezze possibili e di causare il maggior numero di danni possibili a bordo della propria autovettura in soli novanta secondi di tempo. Non ci saranno condizioni particolari da rispettare ne tantomeno tragitti particolari o regole a cui sottostare. Decisamente differente la seconda delle modalità di gioco, denominata Road Trip. In questo caso non vi sarà alcun limite di tempo ed avremo dunque la possibilità di girovagare liberamente per l’intera ambientazione (una tipica cittadina statunitense di periferia, da quanto mostrato). Schiantandoci contro la varie strutture o i veicoli presenti potrebbero attivarsi dei particolari “Trigger Event” che, se manipolati a dovere, faranno salire vertiginosamente il punteggio. Demolendo un furgoncino di consegna delle pizze, ad esempio, otterremo per qualche istante il controllo della grossa insegna a forma di pizza, che potremo sfruttare per seminare distruzione lungo le strade ed incrementare lo score. Ma non è finita qui: i veri bonus si otterranno progettando in maniera rigorosamente folle i propri disastri. Impattando contro le strutture verremo infatti sbalzati in maniera a dir poco spettacolare, a tal punto da avere nuovamente il controllo del veicolo (in aria) e scegliere un secondo bersaglio con il quale entrare in collisione. Ci verrà in aiuto, in questo caso, un nuovo sistema di controllo introdotto tramite la periferica di movimento Microsoft. Kinect consentirà ai giocatori di spostarsi, in queste fasi come durante le altre, semplicemente attraverso il movimento delle braccia, tentando così di creare un gameplay più immediato ed immersivo.
Per quel che riguarda il comparto tecnico non c’è molto da dire, al momento, se non che il titolo prevederà tutta una serie di roboanti effetti grafici (esplosioni, frantumazione e chi più ne ha più ne metta) ad accompagnare una visuale piuttosto atipica per produzioni di questo genere, sistemata verticalmente al di sopra dello scenario, come nei primi episodi di Grand Theft Auto.

Burnout Crash Le poche notizie sino ad ora trapelate bastano a fare di Burnout Crash un divertente riempitivo per i lunghi pomeriggi senza titoli degni di essere giocati. La spensieratezza del gameplay, unita all’accessibiltà estrema dei motion control, dovrebbero poi giocare a favore della produzione, destinata come non mai al mass marker.

Che voto dai a: Burnout Crash

Media Voto Utenti
Voti totali: 37
6.6
nd