Anteprima Castlevania Lords of Shadow 2

Nuove informazioni per il seguito di Lords of Shadow

anteprima Castlevania Lords of Shadow 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
 Roberto de Luca Roberto de Luca scopre il meraviglioso mondo dei videogame quando nel 1996 suo padre gli regala una Playstation nuova fiammante. Grande appassionato di qualsiasi cosa riguardi gli zombie, adora gli sparatutto in soggettiva, i tatuaggi ed il buon vino. Lo potete trovare su Facebook e su Google Plus.

Il primo Lords Of Shadow fu accolto piuttosto calorosamente dalla stampa internazionale e dal pubblico, chiaramente colpito da come MercurySteam fosse riuscita a riportare in auge il nome di Castlevania, storica saga videoludica che più volte aveva fallito nel tentativo di ripetere in 3D il successo dei primi episodi. Dall'annuncio del tanto atteso seguito -con un teaser di pochi secondi che non lasciava spazio ad alcun tipo di speculazione- le notizie al riguardo sono state centellinate dalla compagnia a capo del progetto. Dopo le 20 e più ore di gioco necessarie per terminare Lords Of Shadow, avevamo lasciato un Gabriel totalmente corrotto dalle tenebre e diventato a tutti gli effetti "Dracul", il signore supremo dei vampiri. Ma con Satana che nuovamente minaccia i mondi terreni e ultraterreni, il nostro protagonista sarà costretto a accettare una difficile alleanza con Zobek, per riuscire a scacciare il male una volta per tutte.

Un seguito rinnovato

Nonostante Lords Of Shadow sia stato una delle sorprese più piacevoli del 2010, non è esente da difetti. Il titolo MercurySteam è stato più volte accusato di avere un sistema di combattimento ripetitivo, che alla lunga poteva stancare il giocatore, oltre che una trama delle volte confusionaria, complice forse l'estrema complessità di certi passaggi. La casa di sviluppo spagnola ha diligentemente annotato tutte le critiche mosse al gioco e si è messa subito all'opera per cercare di smussare tutte quelle piccole imperfezioni che potevano fare la differenza tra un buon gioco ed un capolavoro assoluto. L'approccio a questo secondo capitolo è leggermente differente: in svariate occasioni si cercherà di venire incontro ai giocatori, facilitando alcune delle azioni che alla lunga risultavano fastidiose ai più, come trovare gli appigli giusti per saltare o arrampicarsi, che nel nuovo capitolo di Castelvania saranno evidenziati automaticamente per permettere al giocatore di capire all'istante in che direzione muoversi (selezionando la difficoltà massima invece, questo tipo di aiuto non sarà presente). Provenendo da una serie storicamente improntata sull'esplorazione e sul backtracking, anche Castlevania: Lords Of Shadow 2 manterrà questa impostazione, semplificando però alcuni aspetti rispetto al primo episodio. MercurySteam ha pensato bene di inserire dei pratici teletrasporti per concludere le missioni incomplete muovendosi con rapidità o più semplicemente per tornare indietro in posti non del tutto esplorati, magari riuscendo a raggiungere zone segrete grazie all'ausilio di poteri o oggetti ottenuti successivamente. Aspramente criticate anche le battaglie con i Titani che, seppur intrise di una spettacolarità decisamente fuori dal comune, spesso si rivelavano più ostiche del previsto. In caso di morte durante una fase avanzata dello scontro, ad esempio, il giocatore era costretto a ripetere dall'inizio l'intera battaglia. Non è ancora chiaro (anche se plausibile) se saranno inseriti dei checkpoint per rendere questi scontri meno frustranti; sicuramente ne verrà incrementata la varietà, sfruttando elementi che non faranno più da semplice contorno, ma che per la prima volta diventeranno parte attiva della battaglia. Ad esempio i guerrieri della Confraternita, impavidi e loschi individui che non esiteranno ad intralciare i vostri piani, attaccandovi, se necessario, anche a mani nude.

Ma gli sviluppatori non hanno operato esclusivamente su questi dettagli minori: la concezione stessa dell'open-world tridimensionale del primo episodio è stata riconsiderata, andando a correggere in primis la telecamera di movimento posta dietro il protagonista. Finalmente potrete osservare Gabriel da più angolazioni, muovendo liberamente l'inquadratura da tutti i punti di vista e godendo quindi di una visione più precisa del mondo che vi circonda. Ovviamente ogni qual volta vi muoverete, la telecamera tornerà dietro le spalle del protagonista e si orienterà secondo precisi schemi, proprio come nel primo Lords Of Shadow. "E' un'esperienza completamente diversa a quella a cui i giocatori sono stati abituati con il primo capitolo" dice Enric Alvarez, sviluppatore a capo del progetto. "Spesso nei videogiochi capita di avere dei problemi con la telecamera; è un aspetto importantissimo in un videogioco e proprio per questo abbiamo duramente lavorato per eliminare il problema e fornire piena libertà ai giocatori su come muovere l'inquadratura". La storyline principale, al contrario del resto, è stata resa più complessa e articolata, dato che in questo sequel (che Alvarez ha specificato essere l'ultimo, almeno di questo filone narrativo) la storia seguirà due strade temporalmente differenti: la prima ambientata ai giorni nostri, dove impersonerete Gabriel, e l'altra ambientata in un non ben definito passato, dove impersonerete il principe dei vampiri in persona. Presumibile che queste due linee temporali si incrocino, dando il via a risvolti intriganti e ricchi di colpi di scena; non è da escludere infine che il protagonista sarà portato a compiere delle scelte nel passato che potrebbero ripercuotersi sul presente.

Buon sangue non mente

Aldilà di tutti questi miglioramenti, il sistema di combattimento è rimasto pressoché identico. La Combat Cross è stata sostituita dalla Blood Whip -la storica frusta che ha accompagnato Gabriel durante tutte le sue avventure- ma essenzialmente i comandi sono gli stessi. Gabriel avrà la possibilità di colpire anche i nemici più lontani, scagliando diversi tipi di attacchi, da quelli pesanti e quelli più leggeri, alternandoli per creare combo devastanti ed infliggere ingenti quantità di danni. La Magia è stata sostituita dall'nergia vitale di ogni vampiro che si rispetti: il Sangue. Sarete costretti a nutrirvi di sangue ogni qualvolta vorrete effettuare degli attacchi speciali, ma esso non si rigenererà automaticamente come l'essenza magica: dovrete bensì assimilarlo uccidendo i vostri avversari o raccogliendone le fiale sparse in giro per il mondo di gioco.

"Il sistema di combattimento è rimasto pressoché identico. La Combat Cross è stata sostituita dalla Blood Whip ma essenzialmente i comandi sono gli stessi"

Non si sa come e quanto questa nuova feature influirà sul gameplay, ma sarebbe interessante se fosse stata sfruttata per creare delle situazioni inedite, come scegliere se uccidere facilmente innocenti succhiandone il sangue, ma facendo sprofondare ancor di più l'anima di Gabriel nell'oblio; o affrontare esclusivamente i nemici, rischiando però di restare senza linfa vitale. Una speciale barra chiamata "Focus" è stata poi aggiunta all'interfaccia principale: una volta riempita (grazie alle schivate e alle parate) permetterà l'assorbimento del prezioso sangue ad ogni colpo andato a segno; se verrete colpiti, però, perderete tutto il Focus accumulato e dovrete ricominciare daccapo. Come già detto in precedenza, il sangue raccolto potrà essere utilizzato per attivare due poteri distinti: Void e Chaos. Attivando il primo potrete utilizzare la fantomatica Void Sword, un'arma potentissima in grado di succhiare energia dai nemici ad ogni colpo; il Chaos vi darà invece la possibilità di distruggere le protezioni e gli scudi avversari attraverso un robusto paio di artigli. Anche il personaggio di Dracula avrà dalla sua una serie di interessanti abilità per sottomettere le schiere nemiche, ad esempio entrando nella mente dei mortali per controllarne i movimenti o vaporizzandosi per diventare invisibile ad alcune tipologie di nemici o passare attraverso determinati oggetti. Entrambi i personaggi potranno salire di livello e ottenere, grazie ai punti Maestria, nuove capacità e potenziamenti.
Osservando le immagini sino ad ora pubblicate, graficamente Castlevania: Lords Of Shadow 2 appare in ottima forma: i modelli poligonali sono nitidi, hanno una certa solidità ed appaiono ricchi di particolari. Lo stile visivo segue il precedente capitolo, con un'architettura dark-gotica che traspare anche dagli ultimissimi screen. Resta da vedere se il gioco in movimento riuscirà a dare le stesse positive impressioni e valorizzare quanto di buono è stato fatto in questi mesi.

Castlevania Lords of Shadow 2 Le nuove informazioni su Lords Of Shadow 2 lasciano pienamente soddisfatti e carichi di sano hype. Nonostante manchino dettagli a livello narrativo, è evidente che sono stati fatti dei grossi passi in avanti rispetto al prequel: MercurySteam si è impegnata per correggere i difetti che affliggevano Lords Of Shadow, rendendo il secondo capitolo più vicino alle esigenze dei fan, ma senza alterare un’identità così importante come quella di Castlevania. La possibilità di controllare due personaggi che seguono una strada parallela ma in due epoche diverse appare davvero interessante, sempre che si riesca a mantenere una certa coerenza concettuale e si eviti di scadere nel ridicolo. Non resta che attendere un’effettiva prova con mano, magari proprio alla kermesse losangelina del prossimo mese.