Q&A Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo in diretta a tutte le vostre domande e curiosità

Anteprima Clouds Below

Un platform/puzzle dai colori sgargianti che profuma di volo, desiderio d'esplorazione, Pilotwings e Zelda... Un progetto fiabesco e dall'atmosfera magica, che potrebbe riservare ben più di una sorpresa.

anteprima Clouds Below
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

Clouds Below è un neonato progetto indipendente a cui sta lavorando da circa due mesi un gruppo di sviluppatori con anni di esperienza alle spalle, riuniti sotto il nome di Tree of Life. Il gioco, che il team sta realizzando con Unreal 4, è un puzzle-platformer votato all'esplorazione. Il giocatore si ritrova a vestire i panni di un'esile figura che ha il potere di spiccare il volo dopo un poderoso balzo da terra e di controllare il vento per risolvere vari enigmi ambientali e raggiungere luoghi che ad un primo sguardo potrebbero apparire troppo distanti. Tutto questo in un meraviglioso mondo dai colori sgargianti che, come avremo modo di vedere meglio tra poco, profuma di volo, desiderio d'esplorazione, Pilotwings e Zelda...

Ricordali

Del volo e delle cadute videoludiche abbiamo già parlato in occasione della recensione di quel piccolo capolavoro che è Gravity Ghost, sviluppato da Ivy Games. Eppure conviene tornare sull'argomento, visto il titolo di cui ci interessa parlare in questa sede. Clouds Below, infatti, permette di controllare un giovane alato all'interno di un meraviglioso mondo immerso nelle nuvole (ed ecco subito Zelda! Come non pensare a Skyward Sword?). È un mondo di picchi che si ergono da un mare di nubi bianche e candide come la neve, di alberi rigogliosi e minuscole tende chiuse (almeno per ora) abitate da personaggi (sempre al momento) completamente addormentati. È un oceano di "isole" tratteggiato con una sorta di "toon shading" strabiliante e capace di riportare subito alla mente l'indimenticabile mondo di Wind Waker, anche per certi aspetti di gameplay, come vedremo... Prima di tutto, però, è bene dire che le meccaniche riguardanti il volo fanno pensare a un particolare incrocio tra due "veicoli" di Pilotwings, ovvero il deltaplano (poiché in Clouds Below il protagonista ha l'abilità di spiegare le ali e lasciarsi "cadere" perdendo lentamente quota) e il Birdman, esclusiva del secondo episodio per Nintendo 64, sbloccabile accumulando medaglie d'argento e d'oro nella altre modalità. Un altro elemento che fa pensare a Pilotwings, inoltre, è il fatto che, nella build approntata dai ragazzi di Tree of Life, vi sono alcune correnti d'aria in grado di sollevare e aiutare l'eroe a riprendere quota, soprattutto nella sezione finale della "demo".
Un ulteriore aspetto in comune con l'uomo-uccello presente nel classico di Nintendo è la possibilità di esplorare più o meno liberamente una vasta zona, arrivando anche in luoghi non necessariamente "utili" ai fini del completamento del gioco: è il piacere di vagare liberamente e di scoprire i confini di un mondo luminoso e aperto, che invita il giocatore a lasciarsi andare.

Non importa, poi, se arrivare su una piattaforma lontana costringe a sbattere con i muri invisibili ancora presenti o a trovare un'area senza le piume che costituiscono l'oggetto principale da collezionare durante l'avventura, perché il piacere del volo è tutto lì, nella virate e nelle discese in picchiata verso un luogo che pare distante e che si fa sempre più vicino, mostrandosi man mano fin nei dettagli più minuti. Volare è saltare con tutte le proprie forze da terra, uscire per un momento dall'inquadratura della telecamera (che si comporta già molto bene), e ritrovarsi sospesi nel vuoto con le ali spalancate, pieni di brividi e vertigini. E l'unico modo per "morire" (in modo provvisorio, senza conseguenze) è scivolare, cadere troppo in basso, per ricomparire poi ancora una volta, con i piedi ben piantati per terra.

Profondità

I punti di contatto tra Clouds Below e un episodio importante come Wind Waker nella serie di Zelda, si potrebbe pensare, si esauriscono a due componenti: quella visiva e quella musicale. Eppure anche nel lavoro di Trees of Life è possibile vedere le nubi come un mare, al di sotto del quale non è possibile andare, proprio come in WW. È pur vero che la componente verticale è particolarmente rimarcata, qui, ma anche in Wind Waker non mancavano sezioni sviluppate in "altezza" (basti pensare a tutti i passaggi da affrontare planando, per l'appunto, con la foglia Deku). Ma c'è un'altra profondità, che di-rado viene presa in considerazione, ed è quella che va verso l'orizzonte. Quella che porta "dentro" lo schermo. Ed è forse per questo tipo di profondità che è interessante confrontare i due titoli: buona parte del divertimento sta lì, nel vedere apparire pian piano sagome appena accennate, che diventano dettagliate montagne piene di cascate, alberi e ponti. Che si tratti di fluttuare nell'aria o di galleggiare sull'acqua, il gusto di questo tipo di esplorazione è tutto nel senso di vastità e scoperta che riesce a trasmettere: poco importa che l'isola all'orizzonte non sia altro che una porzione di terra con qualche ciuffo d'erba da falciare per ottenere una manciata di rupie o una montagna con qualche roccia che permette di sperimentare una divertente variante del salto a parete (in Clouds Below sono presenti massi levigati che segnalano la possibilità di lanciarsi in una direzione precisa). Rimane incredibile voltarsi di nuovo verso il mare e cercare il punto di partenza, perso da qualche parte all'orizzonte.

E poi c'è il vento, che anche qui viene utilizzato come elemento di gameplay per risolvere determinate situazioni, come lo spostamento di un pesante masso o... Altre sorprese su cui è meglio sorvolare, per non rovinare lo spettacolo a nessuno. In definitiva, Clouds Below stupisce e incanta, anche per merito di un uso sapiente di Unreal: il gioco, pur così "giovane", riesce a restare sempre fluido e senza cali di frame rate. Il che fa ben sperare in vista dell'ottimizzazione e dell'effettivo completamento del titolo. Non ci sono ancora date certe, e non resta altro da fare che attendere con trepidazione una nuova build del gioco...

Clouds Below Clouds Below è un prototipo realizzato in appena sette settimane dal neonato team indipendente Tree of Life. In breve, si tratta di un'avventura improntata all'esplorazione e incentrata sul volo, con elementi platform e puzzle. Volare sopra un mare di nuvole è già meraviglioso, anche grazie all'uso magistrale dell'Unreal engine, e scoprire nuove isole che si stagliano tra le nubi trasmette un brivido d'avventura che ricorda quello provato solcando i mari di Wind Waker. Anche perché il vento è un vero e proprio elemento di gameplay, da sfruttare e controllare per affrontare le varie situazioni, proprio come nel classico di Nintendo. A tutto ciò si aggiungono un ottimo design degli ambienti e del mondo di gioco, ma anche un sistema di controllo funzionale, semplice e divertente che riporta alla memoria la serie di Pilotwings. Il lavoro è completato da una straordinaria colonna sonora “avventurosa” (con i suoi flauti e le sue chitarre al limite del commovente) e da una resa grafica che è già in grado di lasciare a bocca aperta. Ora non resta che aspettare con ansia i prossimi aggiornamenti...

Quanto attendi: Clouds Below

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 3
87%
nd