Captivate

Anteprima Dead Rising 2 Off The Record

Capcom riscrive il secondo capitolo di Dead Rising

anteprima Dead Rising 2 Off The Record
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Miami - Dobbiamo ammettere che non era l'annuncio che ci saremmo aspettati. Avevamo pensato piuttosto a qualche titolo per la nuova portatile Nintendo. Invece, al Captivate 2011 una delle due novità presentate (assieme a Dragon's Dogma) è stato il nuovo capitolo della serie Dead Rising. Il titolo, lo diciamo fin da subito, può ingannare. Dead Rising 2: Off The Record potrebbe far pensare ad una sorta di spin off, ad un nuovo DLC: niente di più sbagliato. La nuova fatica dello studio di Vancouver è invece un videogioco fatto e finito, ricco e corposo. La volontà di non ricorrere alla numerazione progressiva è legata al fatto che le nuove avventure “non-morte” saranno ancora ambientate a Fortune City, e correranno parallele a quelle di Chuck Greene. Ma non fatevi ingannare: in Off the Records cambia davvero tutto. A partire dal protagonista.

Cheese!

“Frank is Back in the Game!” Si conclude così il breve trailer con cui comincia la presentazione. Ed è inutile girarci intorno: il ritorno di Frank West, il fotografo più irriverente dei videogame, non può che farci piacere. A noi come a milioni di fan, rimasti orfani del loro “attore principale”. Non succede spesso che il main character di una nuova IP riesca ad entrare d'un colpo nel cuore dei videoplayer, ma Frank aveva compiuto l'impresa. Materialista, a tratti cinico e distaccato, e sempre pronto a contrappuntare la tragedia del contagio con una battuta tagliente, West era davvero la star onnipresente dell'action game targato Capcom. Comprensibile la volontà di andare oltre, con il secondo episodio: forse per infondere un po' del proprio carattere in una proprietà intellettuale così “famelica”, Blue Castle Game ha pensato di voltare pagina, raccontare un'altra storia, trasmettere altri valori. Però la reazione degli aficionados non è stata proprio gentilissima: del resto, Dead Rising era bello anche per la sua capacità di essere uno Zombie-Game politicamente scorretto, che andava oltre le tragedie umane e personali. E questo suo disimpegno si incarnava proprio nell'impeccabile completo di Frank, nei suoi capelli impomatati. Così, ecco che il suo ritorno è un segnale chiarissimo, una limpida dichiarazione d'intenti. Ad essere tornato non è solo lui, ma anche il suo carattere. Ed il suo modo di vedere le cose: attraverso l'obiettivo di una macchina fotografica.

Chop and Shoot

Off The Records comincia a mostrare il suo carattere sopra le righe fin dai primi minuti. Le sequenze iniziali sono quelle di uno show televisivo con un ospite d'eccezione. L'eroe di Willamette, il giornalista che ha rivelato la verità sul contagio. Ma il format a cui assistiamo non è proprio quello che ci si aspetterebbe. Frank sale infatti su di un ring, vestito con un'attillatissima calzamaglia da Wrestler, che mette in mostra -impietosamente- qualche chilo di troppo. Sembra proprio che il nostro protagonista sia caduto davvero in basso: esaurita la notorietà e i fondi accumulati grazie all'incidente dello Shopping Mall, adesso ha un disperato bisogno di liquidità. E questo pazzo Show in cui si guadagnano soldi affrontando schiere di zombie famelici, sembra proprio fare al caso suo. Nonostante l'umiliazione.
L'incipit sembra quasi un'occasione per tornare a misurarsi con il sistema di controllo, o per sottolineare una volta di più che il massacro indiscriminato del mare di Non-Morti va preso stavolta con molta più leggerezza, assaporando tutte le sue esagerazioni.
Poco più avanti, incassato il premio, si continua con questo “tour guidato” delle caratteristiche principali del gameplay. Mentre si aggira non visto per i corridoi del grosso centro sportivo, Frank si imbatte nelle losche attività del conduttore, ed è un attimo perchè torni ad impugnare la sua fida macchina fotografica. L'istinto del Reporter non muore mai: una nuova storia va inseguita ad ogni costo. Grazie a questo espediente narrativo (ma il team di sviluppo non vuole darci altri informazioni sul plot), ecco che viene (re)introdotto il sistema di punteggio legato agli scatti di Frank. In ogni momento il protagonista potrà impugnare la sua fotocamera, e documentare la sua avventura. A seconda dei soggetti inquadrati accumulerà “Punti Esperienza”, che faranno gradualmente aumentare il suo livello (potenziando in automatico alcune caratteristiche, fra cui quantità di salute, mobilità ed efficacia del colpi). L'occhio attento dell'utente dovrà ovviamente concentrarsi sulle scene più accattivanti, cercando di inquadrare soggetti che stuzzichino i lettori. Ed allora ecco che il Gore più spinto, la Tragedia, ma anche qualche dettaglio osé o o le scene più comiche possono garantire un discreto quantitativo di punti bonus. E non dimenticate di fotografare gli eventi importanti, documentando tutte le losche attività che si svolgono in quel di Fortune City. Magari, per spezzare la monotonia, potete persino divertirvi ad abbracciare qualche Zombie, per fotografarvi con un autoscatto improvvisato e la più ebete delle espressioni da “PhotoBomber”.
Ovviamente, ad accompagnare le dinamiche legate al ruolo del Fotoreporter, tornerà poi l'esuberanza del combattimento corpo a corpo, le armi improvvisate, il dosato button mashing: una formula che gli appassionati del primo capitolo conoscono piuttosto bene, e di cui apprezzeranno nuovamente il ritorno.
Chiarissimo è dunque l'intento del team di sviluppo: lavorare attorno al più sincero e spietato Fan Service. Ma un Fan Service apprezzabilissimo, in fatto di cura e qualità. Certo, i detrattori della formula originale, o chi già sentiva troppo pesante la stanchezza concettuale del secondo capitolo, avranno davvero pochi incentivi a calcare nuovamente le strade di Fortune City.
A meno che le nuove rivelazioni, previste per l'E3, non svelino qualcosa di seriamente sconvolgente. Il team di sviluppo afferma infatti che Off the Record sarà un titolo molto più vasto di Dead Rising 2 anche sul fronte delle ambientazioni e delle modalità. Ci sarà un'intera nuova area completamente esplorabile e, soprattutto, una modalità che il producer non ha dubbi a definire “la più importante aggiunta di questa nuova edizione”. Possiamo solo lanciarci in spericolate illazioni, ma di certo un Endless Mode organizzato con cura o -perchè no?- un multiplayer cooperativo che superi le limitazioni di Case West, rappresenterebbero davvero un valore aggiunto inestimabile.

Prima di concludere registriamo anche qualche ottimizzazione sul fronte tecnico. La scena globale sembra più pulita, con meno aliasing a funestare i margini dei modelli poligonali. Certo, il colpo d'occhio è quello di sempre, ma il lavoro di ottimizzazione ha senza dubbio giovato, anche in quanto a spettacolarità degli effetti speciali e fluidità generale. Ridotti ai minimi termini anche i caricamenti: Capcom Vancouver ha lavorato davvero bene per ridurre le criticità riscontrate dalla community, con l'intento di consegnargli un prodotto curato quanto mai.

Dead Rising 2 Off The Record Off The Record è più che una riedizione del secondo capitolo. Con una nuova trama, un altro protagonista, ed il ritorno delle dinamiche legate agli scatti fotografici, rappresenta davvero una “traccia alternativa” per la serie firmata Capcom. Questa smaniosa attenzione per le richieste dei fan, e la volontà di non scomodare la numerazione progressiva, sono forse un'ammissione di colpa? Scartato il “nuovo corso” non troppo gradito agli appassionati, meglio riproporre un titolo divertente, leggero e ironico come il carattere di Frank West. L'operazione, inutile ribadirlo ulteriormente, fa illuminare gli occhi dei tanti che hanno apprezzato il titolo da cui tutto ha avuto origine. Anche se ovviamente non convincerà chi non ha apprezzato il lieve immobilismo del gameplay. Soddisfatti per nostro conto, attendiamo le rivelazioni che ci faranno scoprire questa nuova modalità. I fan tengano le orecchie drizzate e restino connessi su Everyeye.

Che voto dai a: Dead Rising 2 Off The Record

Media Voto Utenti
Voti totali: 73
6.6
nd