Q&A Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo a tutte le vostre domande e curiosità!

E3 2010

Anteprima Dead Space 2

Isaac Clarke sta per tornare.

anteprima Dead Space 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc

EA nella conference di quest'anno ha preferito consolidare la sua posizione anziché scoprirsi con materiale d'avanguardia. Grande enfasi è stata posta su titoli che reinventano brand storici (il Need for Speed dei Criterion, o il Medal of Honor di DICE + EA Los Angeles), o su sequel molto attesi, come questo Dead Space 2, nuovo capitolo di una delle IP più promettenti lanciate da EA negli scorsi anni.

Isaac Clarke torna a vestire la sua tuta corazzata, pronto ad affrontare i Necromorfi stavolta non in una solitaria nave alla deriva nello spazio profondo, ma su una vera e propria stazione spaziale, dove i seguaci della Unity Church hanno ricominciato i loro folli esperimenti. La demo inizia proprio in una Chiesa, dove Isaac deve vedersela con decine di bambini demoniaci, usando sia la classica lama - laser, che armi più pesanti, come una nuova applicazione del modulo cinetico che blocca i nemici e poi li risucchia in un vortice di energia. Dopo aver affrontato i primi, relativamente inoffensivi, mostriciattoli, nell'abside della chiesa ci si pareranno davanti necromorfi decisamente più aggressivi, da uccidere con un colpo ben piazzato di balestra, che li inchioderà al muro mentre cercano ancora di dimenarsi con le ultime forze che gli rimangono. L'HUD (o meglio, la sua mancanza totale) è molto simile a quello visto nel primo episodio e, da tradizione, permette al giocatore di immedesimarsi totalmente nell'avventura, evitando ogni informazione non necessaria che può distogliere dall'azione.
Una volta fuggito dalla chiesa, Isaac può dare, per la prima volta, uno sguardo alla "Sprawl", fatiscente colonia spaziale -un po' cyberpunk, un po' incubo Orwelliano- che dovremo salvare. Il colpo d'occhio è impressionante, ogni singolo edificio è costruito con moltissimi poligoni e la luce plumbea degli anelli di Saturno che si riflette sul vetrocemento dona a tutto l'ambiente una tonalità opprimente e malata. Il momento di relativa pace, tuttavia, dura lo spazio di un secondo perché, immediatamente, una nave spaziale non meglio identificata si piazza davanti alla vetrata e comincia a mitragliarci, facendo saltare l'atmosfera artificiale e costringendo Isaac ad appendersi ad ogni lamiera per non finire risucchiato nel vuoto cosmico. A questo punto scatta, per il giocatore, un piccolo quick time event, che permette al nostro protagonista di trascinarsi a fatica verso una botola e buttarcisi dentro, in modo tale da sfuggire ai suoi misteriosi assalitori. Tuttavia la situazione non migliora per niente, in quanto finiremo in un corridoio pieno di macchie di sangue, scricchiolii e urla terrificanti, proprio davanti a un enorme Necromorfo dalle forme simili a quelle di uno scorpione. Qui la demo si chiude e per vedere il seguito dovremo aspettare l'uscita, fissata per il prossimo 25 Gennaio, quanto Dead Space 2 sarà disponibile sia su Xbox 360 che Playstation 3.

Complessivamente, anche se sapremo darvi opinioni più approfondite nei prossimi giorni, grazie agli Hands On, il gioco sembra leggermente più action-oriented del suo predecessore. Non ci sono corridoi bui e silenziosi, niente necromorfi che appaiono dal nulla, niente scritte insanguinate sui muri, il senso di terrore sarà veicolato dalla drammaticità della trama più che da trucchi da cinema di genere. Il motore grafico, tecnicamente identico a quello del primo capitolo, sembra aver ricevuto qualche rifinitura, le texture sono più definite e anche il nostro Isaac è più "denso" di poligoni, mentre alcuni passi avanti fondamentali sono stati fatti nella complessità delle architetture. Evidentemente i designers, non più costretti agli stereotipi classici della "nave spaziale alla deriva" ispirata più o meno velatamente al Nostromo di Ripley e Co., hanno dato libero sfogo alla loro immaginazione, mischiando il post-gotico alla fantascienza decadente degli anni '80. Dal punto di vista del single player siamo, dunque, abbastanza tranquilli, tuttavia nulla è stato mostrato della vociferatissima componente multy, ancora avvolta nel buio, proprio come le spire di un necromorfo pronto ad assalirci la dove nessuno può sentirci urlare.

(L'articolo continua a pagina due con un'analisi della presentazione a porte chiuse)

Durante la presentazione a porte chiuse che EA ha allestito per la stampa qui all'E3, abbiamo potuto approfondire alcuni aspetti di Dead Space 2 che, per forza di cose, durante la conferenza stampa erano stati tralasciati. In particolare abbiamo constatato che, nonostante l'aumento delle sezioni adrenaliniche, il gioco mantiene tutto il suo appeal claustrofobico e malato. I corridoi sono meno lunghi e tortuosi di quelli della Ishimura ma, nonostante in teoria la Sprawl fosse una stazione spaziale abitata e fiorente, il senso di desolazione che percepiamo e' opprimente, quasi morboso. I tubi si staccano dalle pareti, le porte cigolano, e dietro a ogni singolo mobile potrebbe nascondersi un necromorfo pronto a farci la pelle. Come nel primo titolo, infatti, i nostri nemici cercano di coglierci impreparati, uscendo anche dalla piu' piccola fessura e arrampicandosi anche dove pensiamo di essere al sicuro. La sezione di livello che ci hanno mostrato conteneva anche una sequenza a gravita' zero, in cui, dopo aver disattivato un motore, siamo usciti dall'area spingendoci lungo i muri e utilizzando i piccoli retrorazzi di cui dispone la nuova tuta da combattimento di Isaac. Successivamente abbiamo continuato la demo esattamente come nel trailer mostratoci durante la press conference, con il nostro protagonista trascinato nel vuoto cosmico insieme ad una mostruosita' scorpionesca a quanto pare poco sensibile sia al cambiamento di temperatura che alla mancanza d'ossigeno. Qui, per tentare di salvarci siamo stati costretti a ingaggiare una furiosa battaglia cercando al tempo stesso di non staccarci dal nostro (precario) supporto, in modo tale da non perderci nello spazio profondo. Dopo un paio di spari abbiamo colpito un serbatoio di benzina, e la demo s'e' conclusa senza farci sapere se e come siamo sopravvissuti. Appuntamento al prossimo Gennaio dunque, con nuovi nemici, una nuova storia e tantissimi nuovi incubi.

Dead Space 2 Dead Space 2 non tradisce le sue origini ma cerca di dare alla produzione un taglio decisamente più action, dove il dramma vada di pari passo con la paura, senza che le classiche urla da “porta sbattuta” sovrastino l’approfondimento psicologico del protagonista, perennemente in bilico fra la pazzia e il desiderio di fare del bene. I primi playtest hanno confermato le nostre aspettative, in attesa dell’uscita il prossimo Gennaio.