(Dis)Comfort Zone: Outlast 2 Adesso online

Nuovo episodio della (dis)Comfort Zone dedicata ad Outlast 2

GCom12

Anteprima Defiance

Il primo serio progetto cross mediale fra Videogame e Serial TV

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Trion Worlds è indubbiamente uno dei protagonisti di quest'edizione 2012 di Gamescom, con numerosi giochi in fase di sviluppo, tanti buoni propositi per i mesi a venire e per il 2013. Uno dei progetti più intriganti del publisher californiano è senza dubbio Defiance, uno sparatutto in terza persona che intende cambiare profondamente l'attuale concezione di videogame, nonché istituire un rapporto crossmediale profondo tra videogame e televisione, due medium che condividono poco ma che potrebbero avere molto di più da raccontarsi. Trion ha infatti avuto la geniale trovata di un gioco online di stampo science fiction, legato a doppio filo ad una serie televisiva che possa modificare in tempo reale quanto avviene tra le fazioni di gioco e le missioni cooperative.

LA RESISTENZA E' TUTTO

Il gioco Defiance viene spesso additato come tie-in, ma non c'è nulla di più sbagliato a inserirlo in tale contesto. Il titolo appena presentato da Trion è un TPS che si presenta sotto forma di massive game, nella sempre più popolare formula free-to-play. La storia ha luogo in un futuro non molto lontano, dove diverse razze aliene raggiungono il pianeta terra dopo la fuga dal loro lontano sistema stellare ormai estinto. Le sette razze impiegano poco a scoprire di non essere le benvenute sulla terra, pianeta già afflitto da sovrappopolazione, inquinamento e intolleranza razziale; ecco perché ha inizio una sanguinosissima battaglia per la sopravvivenza e per il predominio, una lotta che finirà sconvolgendo il mondo intero, distruggendo città e nazioni. La terra ormai non è più il posto di un tempo, così umani e alieni stipulano una tregua e trovano un accordo per sopravvivere. Ma dopo anni di guerra è difficile non ricadere nell'astio e nella rivalità, ed è proprio qui che inizia la nostra avventura in Defiance. Il gioco sarà intrecciato a doppio filo con il serial televisivo al momento in lavorazione. In collaborazione con Syfy channel e sotto l'egida di NBC Universal, Trion ha prodotto una serie dal titolo omonimo che racconterà ai giocatori gli eventi che sconvolgeranno la regione di San Francisco. Gli eventi della serie televisiva si ripercuoteranno direttamente in gioco, modificando in maniera più o meno visibile la mappa, le missioni e la potenza delle varie fazioni sul campo di battaglia.
L'idea è senza alcun dubbio intrigante: raccontare attraverso un serial televisivo, una storia che non potrebbe mai essere raccontata in un videogioco, per ovvie motivazioni logistiche ed economiche. Certo ci sono anche delle cose da tenere in considerazione affinché il tutto funzioni, ovvero che i due prodotti siano sì connessi, ma non tanto da impedire la visione della serie tv a chi non ha modo di giocare e vice versa. Un vincolo eccessivo tra i due medium rischierebbe di portare ad un insuccesso globale, motivo per il quale è necessario trovare un equilibrio tra i due prodotti.

Abbiamo avuto il piacere di vedere un breve gameplay del gioco nello stand dedicato al gioco alla manifestazione di Colonia: ci è stata mostrata una mappa ambientata appunto a San Francisco, in un porto pieno di cargo e container, rugginosi e dall'aspetto futuristico. L'ambientazione naturalmente è quella del post apocalittico classico e intramontabile, con atmosfere a cavallo tra un Fallout e un Borderlands tanto per intenderci. Lo stile grafico non va in cerca di un realismo eccessivo, ma ammicca ad una grafica stilizzata e cartoonesca. Il gioco promette un'azione dinamica e frenetica su mappe di ampio respiro con possibilità di ospitare migliaia di giocatori per volta. L'impostazione del gioco infatti è infatti quella dell'open world persistente, caratterizzato da eventi che si ripercuoteranno sulla base di quanto avviene nella serie tv in onda sull'emittente televisiva americana. Le modalità di gioco spazieranno dai classici multiplayer deathmatch a squadre, fino alle missioni cooperative contro l'intelligenza artificiale. Il team di sviluppo promette tonnellate di armi e la possibilità di customizzare il proprio equipaggiamento in maniera del tutto simile a quanto avviene in molti shooter online: quel che ci è stato brevemente illustrato durante la presentazione ci ha fatto pensare nuovamente a Borderlands, ma riserviamo un'analisi dettagliata se mai avremo modo di provare il gioco in una futura beta. Naturalmente avremo diverse fazioni tra umani e alieni, con la possibilità d'interpretare diverse classi per ricoprire ruoli sempre differenti all'interno del proprio team. Rubando al gioco di ruolo, i personaggi saranno customizzabili e aumenteranno di livello, migliorando quindi le proprie abilità e skill. Il gioco in sé è stato mostrato molto rapidamente, senza soffermarsi sui dettagli che ci sarebbe piaciuto poter approfondire. Il titolo è ancora in alpha, quindi non è riuscito a mostrarci il vero potenziale. Graficamente parlando abbiamo avuto l'impressione di osservare un titolo un po' privo di carattere, con un tono e un'ambientazione di stampo che sa di già visto, ma considerando l'intero progetto e la buona volontà degli sviluppatori che dirigono Defiance, confidiamo in un buon risultato.

E' doveroso precisare che la serie televisiva vanterà una qualità degna d'una produzione come Falling Skies o Visitors, tanto per citare un paio delle più importanti serie sci-fi degli ultimi anni. Il cast scelto per interpretare i personaggi del serial vanta dei nomi conosciuti in ambito televisivo, così come gli sceneggiatori all'opera sono figure rodate ed esperte in ambito televisivo. La serie seguirà il solito format in voga gli ultimi anni, con una prima stagione composta da dodici episodi da 45 minuti ciascuno. La continuità della produzione sarà ovviamente garantita dagli ascolti e dal successo della stessa, anche se l'idea alla base è quella di un progetto che possa durare diversi anni. La registrazione degli episodi è iniziata a fine aprile a Toronto ed è tuttora in corso.

Defiance Tanta carne al fuoco per Trion Worlds, in quello che risulta essere uno dei progetti più ambiziosi mai concepiti in ambito videoludico (e televisivo), sul quale però è molto difficile fare previsioni di sorta. Se tutto procede come è stato pianificato, videogame e serie dovrebbero vedere la luce ad aprile 2013, con un lancio contemporaneo che metterà in mostra le vere potenzialità di questo mirabolante progetto crossmediale. Siamo sicuri che questo Defiance farà presto parlare di sé e ci darà modo di essere provato con mano, magari prima del prossimo natale.

Che voto dai a: Defiance

Media Voto Utenti
Voti totali: 44
6.2
nd