Nomination Oscar 2017 Oggi alle ore 21:00

Impressioni e commenti sulle nomination agli Oscar!

Anteprima Donkey Kong Country: Tropical Freeze

Nintendo presenta un nuovo personaggio giocabile ai VGX 2013

anteprima Donkey Kong Country: Tropical Freeze
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

La conferma della presenza di Nintendo per la prima volta ai VGX aveva messo sull'attenti i fan di lunga. I criptici cinguettii di Reggie Fils-Aime, nei giorni che hanno preceduto la serata, avevano fatto sperare in qualche novità: magari nuovi dettagli sullo Zelda per Wii U, o l'annuncio di un Metroid o, come avevamo accennato nel nostro articolo di presentazione, in qualche dettaglio in più su quello Yoshi's Epic Yarn apparentemente svanito dai radar. Invece Nintendo si è presentata con due livelli inediti di Donkey Kong Country: Tropical Freeze, conditi da un nuovo personaggio giocabile e dal reveal della data di uscita ufficiale -21 Febbraio- per il territorio americano.

Cranky Kong

A tenere banco durante la demo di sabato notte è stato il vecchio Cranky Kong, antenato di tutti i Kong nonché "padre" dell'intera serie (negli anni '80 era lui a lanciare barili ad un ancora sconosciuto Mario). Il buon vecchio Cranky torna in gran forma in Tropical Freeze, caratterizzato dal suo classico look design "da nonnetto": lunga barba bianca, calvizie pronunciata, schiena ricurva ed un pratico bastone da passeggio che potremo utilizzare come principale strumento d'offesa e non solo nel corso dell'avventura. Si tratta di un vero e proprio pogo stick alla Paperon de' Paperoni nel mitico Ducktales, grazie al quale avanzare agevolmente lungo i rami spinati che hanno per tanti anni fatto rischiare la scomunica ai videogiocatori. Premendo con il giusto tempismo il tasto dedicato potremo far saltellare il buon Cranky dove nessun altro potrà, permettendogli inoltre di spiccare balzi più alti alla ricerca di nuove aree segrete. Ma non è tutto, perché Cranky potrà modificare anche la traiettoria dei balzi di Donkey Kong, salendo sulle sue robuste spalle ed utilizzando ancora una volta il fidato bastone. Un arnese veramente "tuttofare", da sfruttare anche per eliminare i nemici più coriacei, saltellandogli ripetutamente in testa o, più semplicemente, bastonandoli energicamente. E se ancora non bastasse ecco arrivare le Kong Pow, mosse speciali da sfruttare in multigiocatore combinando le caratteristiche dei quatto Kong. In questi casi le banane riempiranno una speciale barra che, consumata, consentirà di eliminare tutti i nemici presenti nella schermata. Le Kong Pow differiranno (in termini di ricompense ed animazioni) da coppia a coppia, portandoci a sperimentare tutte le combinazioni per agevolare il cammino nei livelli più complicati.
Si aprono quindi tante nuove possibilità, che portano il giocatore a ragionare in maniera leggermente differente pur a fronte di ambienti familiari come quelli di Tropical Freeze, caratterizzati in larga parte dal mix di elementi che ha reso celebre la serie. Tutto è sostenuto dal solito ed encomiabile level design, convincente anche nei due nuovi livelli. Il primo, più classico, ha visto il duo Cranky-Donkey alle prese con i soliti pericoli: liane, barili, qualche piattaforma semovente ed una gran quantità di animaletti più o meno pericolosi da sconfiggere. Un'ambientazione che troverà sicuramente la sua collocazione nei primissimi stadi dell'avventura, utile soprattutto per prendere confidenza con il nuovo personaggio. Decisamente diversa la conformazione del secondo stage mostrato ai VGX: un livello che mostra come Retro Studios si sia sbizzarrita grazie alle maggiori potenzialità dell'hardware Wii U. Ambientato sempre in una giungla, il livello ha mostrato fondali dinamici, piattaforme in costante movimento ed un evolversi del level design direttamente dipendente dalle azioni del dinamico duo. Il team ha voluto a questo proposito sottolineare la volontà di creare stage che diano la sensazione di braccare i protagonisti, avvolgerli e stringerli in una subdola morsa: una mossa ideata senz'altro per aumentare la tensione ed incrementare i ritmi di alcune porzioni dell'avventura.

Le trovate dei level designer sono apparse efficaci, e capaci almeno in parte di smentire quel senso di eccessiva facilità che, dopo il fantastico (e difficilissimo) Country Returns, aveva smorzato l'entusiasmo dei nostri primi hands-on con Tropical Freeze. I pochi minuti di demo hanno infatti dato del filo da torcere anche agli stessi membri del dev team deputati alla dimostrazione, mostrando come anche in questo sequel i "game over" saranno all'ordine del giorno.
Non mancherà, trattandosi di Wii U, la facoltà di sfruttare in maniera completa il Tablet-controller, per giocare lasciando libera la televisione oppure interagire sfruttando il touch screen. Tra i sistemi di controllo, in ogni caso, non si è voluto lasciare a bocca asciutta nessuno, implementando anche l'accoppiata Wii Mote e Nunchuck nonché il Pro Controller tanto amato dai giocatori più navigati.
Prima di chiudere si è voluto porre l'accento anche sull'aspetto puramente grafico della produzione, apparso assolutamente in linea con i più recenti -e bellissimi- first party Nintendo. La qualità dello streaming della presentazione non ci permette di dare giudizi precisi sul nuovo materiale, ma, anche alla luce del recente hands-on, non ci sembra esagerato confermare la bontà dell'azione a schermo, soprattutto in termini di pulizia, quantità di dettagli e qualità di animazioni ed effetti particellari. In linea di massima possiamo insomma dirci sicuri che Donkey Kong Country: Tropical Freeze sarà, visivamente, uno dei top title della primavera Nintendo.

Donkey Kong Country: Tropical Freeze Donkey Kong Conutry: Tropical Freeze rappresenta una naturale evoluzione del suo predecessore: il titolo perfetto per i fan dello scimmione. Il nuovo personaggio mostrato ai VGX 2013 inserisce quel pizzico di novità in termini di gameplay che in un sequel non può mancare, rinfrescando in parte anche il level design, sempre stratosferico. Il resto del lavoro lo fanno tutto la classe di Donkey Kong Country e le sue intramontabili ed immortali meccaniche bidimensionali, condite nel caso di Tropical Freeze da un comparto tecnico e ancor più bello e raffinato. Non resta dunque che contare i giorni che ci separano dalla release prevista per la fine di Febbraio!