Anteprima Endless Ocean 2

Ritorna il simulatore di immersioni made in Nintendo: impressioni post-E3

anteprima Endless Ocean 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Presentato e mostrato al pubblico per la prima volta durante l'E3 di quest'anno, Endless Ocean 2 è il seguito dell' originale "simulatore" di sub-diving uscito nel 2007 sulla console casalinga Nintendo. Un titolo che riusciva, pur senza una grossa struttura ludica alle spalle e con una modesto livello grafico, a trasmettere forti emozioni, grazie all'accurato lavoro nella ricostruzione le ambientazioni, alla fedeltà con cui riproduceva la flora e la fauna sottomarine, ed all' uso sapiente di musiche d'atmosfera adattissime nel contesto del gioco. Il "Mare senza fine" quindi ritorna, prendendo coscienza dei difetti del passato, in una nuova versione migliorata grazie all'introduzione di alcuni elementi, di cui effettivamente si sentiva la mancanza nel precedente episodio.

"Il mondo è la tua ostrica"

Nell'impersonificare il ricercatore marino di turno, Endless Ocean 2 ci darà la possibilità di navigare con la nostra imbarcazione in numerosi fondali, allo scopo di catalogare ed ottenere informazioni sulle più famose e conosciute specie marine.
Non mancherà anche in questo capitolo la presenza di una sotto-trama che ci impegnerà nel ricercare artefatti sommersi e scoprire la storia che si cela dietro di essi.
Rispetto al primo capitolo, non ci sarà solo un arcipelago da esplorare: potremo infatti navigare lungo tutto il globo terrestre, avendo a disposizione numerose location differenti. Una scelta che finalmente ci darà la possibilità di vedere con i nostri occhi le varietà più diverse di fondali: dai profondi abissi oceanici, dove sarà facile incontrare i giganti del mare, alle torbide acque del Rio delle Amazzoni, dove vivono pericolosi alligatori, fino ad arrivare alle fredde acque dell'Antartide. Non mancheranno poi grotte, fosse marine e antiche costruzioni esplorabili, appartenenti a chissà quali antiche civiltà. E con questa varietà di ambienti è naturale aspettarci una maggior numero di pesci e mammiferi acquatici che si mostreranno ai nostri occhi, e con cui potremo interagire tramite l'utilizzo del Wiimote durante le nostre sessioni di immersione.
Un'altra ricca novità di Endless Ocean 2 è l'aver introdotto alcuni elementi di gioco, che sicuramente daranno maggiore spessore al gameplay. Se il titolo originale era incentrato principalmente sull'osservazione delle creature marine, e permetteva di rilassarsi ascoltando i suoni e i rumori del mare, il seguito cerca di rendere l'esperienza di gioco molto più realistica e varia. Le aggiunte -in questo senso- sono molte: le nostre scorte di ossigeno ad esempio non saranno illimitate, ma un indicatore su schermo ci avviserà del livello di aria disponibile; anche un profondimetro ed una bussola saranno presenti, per aiutarci a orientarci meglio nell'immenso blu del mare.
Oltre a questo, anche l'interazione con le specie animali si farà più profonda: avremo infatti la possibilità tramite un sonar di tranquillizzare le creature, permettendone l'avvicinamento, oppure soccorrere con un kit veterinario i pesci malati o in difficoltà. Dovremo stare attenti anche alle specie più pericolose come squali e alligatori, che in questa versione di gioco ci attaccheranno mettendo a rischio la nostra incolumità.
Non mancheranno poi diverse attività di contorno, già presenti in nel titolo passato, come il poter fare amicizia con un delfino e insegnarli i più famosi trucchi acrobatici, oppure creare un nostro personale "acquario" dove poter inserire le diverse specie incontrate nelle immersioni, comprando i vari elementi utilizzando il denaro ottenuto scoprendo vari tesori sommersi.

Acqua in Bocca

Anche nella modalità multiplayer c'è una grossa novità. Nel riconfermare la possibilità di nuotare insieme ad un nostro amico tramite la Nintendo Wifi Connection, Endeless Ocean 2 è abilitato all'uso del Wii Speak, in modo da poter comunicare in maniera chiara ed immediata con il nostro compagno di immersioni. Proprio la comunicazione era uno dei grossi difetti del titolo precedente: praticamente assente, caratterizzata solo dal poter scrivere nell'acqua pochi simboli. Ora finalmente l'uso della parola diretta renderà l'esperienza multiplayer molto più interessante e coinvolgente, permettendo di condividere tutte le emozioni che un titolo come Endless Ocean sa trasmettere.
Sotto il profilo grafico Endless Ocean 2 sembra essere migliorato non di poco. I personaggi umani sembrano essere più realistici per quel che riguarda le espressioni facciali e le animazioni. Le creature marine, già magnifiche nel primo capitolo, sembrano ancora più vere grazie ad una maggiore ricchezza nei dettagli, e i fondali, grazie all'uso di texture migliori e di numerosi elementi su schermo, sembrano essere molto più realistiche e varie: un esempio su tutti è la presenza di fondali con acque torbide oppure la magnificenza dei fondali di barriera con i loro coralli e l'acqua cristallina.
In campo audio il titolo sembra magistralmente riproporre i motivi che ben si sposano con l'ambientazione di gioco, anche se al momento non ci risulta l'utilizzo di una importane licenza nella scelta nei brani (nel precedente titolo con la presenza di una colonna sonora composta dai brani cantati dalla cantante Neo Zelandese Hayley Westerna era un valore aggiunto notevole). Non ci è dato ancora sapere, inoltre, se ci sarà data la possibilità di utilizzare -tramite scheda SD- i propri brani musicali.

Endless Ocean 2: Avventure negli Abissi Endless Ocean 2 sembra essere una perfetta evoluzione della neo serie made Nintendo. L'introduzione dei nuovi elementi e degli aspetti ludici con cui confrontarci durante le nostre escursioni sembra dare nuova linfa al modo di giocare conosciuto con il titolo originale. Il lavoro fatto per migliorare l'estetica del prodotto e renderlo ancora più suggestivo sembra essere ben riuscito, con una più vasta scelta di ambientazioni ed un motore grafico migliorato, per riprodurre più fedelmente pesci e fondali. L'utilizzo del Wii Speak per comunicare a voce durante le immersioni poi è l'ultimo dei tanti motivi per seguire con attenzione lo sviluppo di Endless Ocean 2, in arrivo approssimativamente durante i primi mesi del 2010.