Vanquish (PC) Adesso online

Giochiamo in diretta con la versione PC di Vanquish!

Anteprima Etrian Odyssey III

Prime informazioni sul terzo episodio del Dungeon Crawler Atlus

anteprima Etrian Odyssey III
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS

Il genere dei dungeon crawler è uno di quelli che meglio si prestano ad essere considerati “di nicchia”, vuoi per le meccaniche su cui si basa, decisamente avulse da qualsivoglia forma di linearità, vuoi per la pazienza e la costanza richieste in un approccio con un gioco del genere. Se, infatti, da un lato, l’estrema libertà dataci scardina liberamente i temi ricorrenti dei canonici RPG, dall’altro è innegabile che l’autonomia concessa nella creazione dei dungeon e delle location di gioco, possa spesso confondere e deludere le speranze di chi avrebbe sperato di trovarsi di fronte ad un classico gioco di ruolo di stampo giapponese.
Un gioco come Etrian Odyssey - di cui in questa sede esamineremo le prime informazioni riguardanti il terzo capitolo - infatti, si colloca più dal lato dei giochi di ruolo cartacei, che non di quelli digitali, in cui la libertà di personalizzazione si è andata perdendo - o meglio, non si è mai avuta - a favore di impronte più guidate e lineari, che se da una parte aiutano il giocatore inesperto a familiarizzare velocemente con le formule di gioco, dall’altra scoraggiano e deludono chi invece ama il coraggioso mestiere del dungeon crawling.

Le origini

Le linee guida su cui si basano i primi due capitoli della serie, più che da una trama preimpostata dagli storyboarder Atlus, fanno dell’immaginazione e della creatività del giocatore il loro punto di forza, perfettamente slegato da quei canoni che invece vanno ad influenzare (non si veda il verbo necessariamente nella sua accezione negativa) le produzioni di stampo più classico. Creare i personaggi, farli evolvere, impostarne implicitamente emozioni e rapporti, sono tutti fattori che si avvicinano alla lampante voglia di creatività di chi gioca, lasciando ben poco spazio al resto. L’intelaiature narrative, infatti, per quanto servano a tracciare sommariamente i larghi binari del gioco, cedono il posto ad un’incalzante prosieguo ben nascosto nelle profondità della fantasia di chi ha in mano il Nintendo DS, ed è intento a tracciare col pennino un nuovo passo della propria personale avventura, (quasi) mai incline ad influenze esterne, se non per necessari fini narrativi.
Introducendo a grandi linee i primi due capitoli, per chi non conoscesse o non avesse ancora ben compreso le formule di gioco, come già detto ci troveremo di fronte a modesti spessori narrativi, che richiederanno una volta (nel primo episodio) di esplorare una foresta misteriosamente apparsa attorno alla città di Etria, e l’altra (nel secondo), con più decise impronte descrittive, di visitare il maestoso albero Yggdrasil per sfatare o confermare il mito che lo vorrebbe portale di un misterioso ed affascinante castello volante.
I lati che invece ricordano più da vicino le caratteristiche portanti degli RPG (per quanto diverso, si tratta pur sempre di un gioco di ruolo), sono sicuramente quelli legati alle creazioni ed evoluzioni dei personaggi. Classi, punti esperienza, punti abilità, livelli, tutti fattori familiari anche a chi abbia giocato di sfuggita un episodio di Final Fantasy, che con Etrian Odyssey condivide soltanto la definizione universale; e tutti fattori, peraltro, ben inseriti in un contesto libero e dinamico che cambia, si modella e si trasforma in base alle mosse del giocatore, che richiederanno sempre precisione e pensiero pregresso, pena precoce fallimento di ogni buon proposito esplorativo.

La terza odissea

L’Odissea per antonomasia, fra isole, misteri, mostri e maghe dalle virtù tutt’altro che nobili, impostava l’immenso mare al centro di un’eterna navigazione che faceva della scoperta il suo fine ultimo e pressoché indefinito, disseminato di variabili influenzate direttamente dall’agire umano. Proprio come nella sopracitata opera epica, in Etrian Odyssey III il mare rivestirà un compito fondamentale: fare da sfondo e caratterizzare i numerosi viaggi di cui saranno protagonisti i nostri personaggi, impegnati in una vastissima e difficoltosa ricerca di una città perduta, quella dell’isola di Amroad, fiorente civiltà del passato devastata da un terribile terremoto che ne ha fatto sprofondare gran parte negli oceani, che saranno proprio le basi della nostra esplorazione. Il mare, quindi, come immensa location su cui collocare i nostri viaggi e disegnare i luoghi e gli ambienti percorsi dai protagonisti, tra cui isole, grandi o meno, con cui inframezzare i tempi di navigazione, peraltro toccati di tanto in tanto da qualche originale subquest che richiederà la collaborazione dei membri del party.
Una virata del genere verso location più marine che terrene, ricorda da vicino i lunghi viaggi di Link nel colorato The Wind Waker, in cui gli elementi esplorativi si sposavano perfettamente con le meccaniche action/RPG su cui si basava il titolo. Il discorso è un po’ diverso - o perlomeno, suscita maggiore curiosità, vista la penuria di informazioni - parlando del terzo capitolo di Etrian Odyssey: non sappiamo quanta sarà l’effettiva importanza data agli oceani, né se il mare costituirà solo un elemento di sfondo o se invece sarà legato strettamente al fattore narrativo.
Oltre alla novità - comunque abbastanza importante - rappresentata dall’elemento marino, è da citare un ampliamento sia nel numero delle classi che nelle caratteristiche di quelle già presenti, che si imposta comunque come naturale evoluzione della serie, così come lo è stato tra il primo ed il secondo capitolo della saga di Atlus.

Etrian Odyssey III Etrian Odyssey III sembra avere tutte le carte in regola per migliorare ed ampliare l’esperienza di gioco offerta nei primi due capitoli. L’aggiunta del mare come elemento esplorativo contribuisce a dare alla serie nuovo vigore e potenzialità, supportati da un prevedibile aumento delle opzioni disponibili (parlando di creazione dei personaggi) e dalla solita dose di complessità e difficoltà che caratterizza la saga ed il genere tutto. Restiamo in attesa di ulteriori informazioni.

Quanto attendi: Etrian Odyssey III

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 69
58%
nd