Anteprima Fire Emblem Awakening

Un nuovo capitolo dell'RPG più Hardcore in arrivo ad Aprile su Nintendo 3DS

anteprima Fire Emblem Awakening
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS

E’ riuscito a sopravvivere alle tirate dei peggior menagrami, e si appresta ad entrare in quello che prevedibilmente, secondo l’ampiamente verificato ciclo di vita delle console, sarà un periodo (il "secondo anno") caratterizzato da un largo numero di uscite. L'hardware a cui ci riferiamo è ovviamente il 3DS di Nintendo, macchina data per spacciata dopo le clamorose vaccate della casa di Kyoto ma che negli ultimi mesi ha iniziato a fare registrare i soliti numeri da capogiro, quelli più attinenti a qualunque cosa sia uscito dal quartier generale della compagnia nipponica negli ultimi 7 anni. Se è quindi al titolo di miglior console portatile che il 3DS vuole aspirare, una degna line-up di prodotti vari e di qualità è assolutamente necessaria: né deve mancare il richiamo alle grandi saghe, quelle storiche, interne ed esterne. The Legend of Zelda, Super Mario e Star Fox son già arrivati, Metroid sicuramente è in sviluppo (chissà in quali forme e presso chi). E in attesa che Nintendo resusciti F-Zero, e di poter dire la nostra sull’analoga operazione effettuata con Kid Icarus, è alla prossima incarnazione di Fire Emblem che vogliamo rivolgere la nostra attenzione.
La saga è forse considerata quella più hardcore tra quelle Nintendo, ed è sempre stata amata in maniera totalmente incondizionata dai fan, non avendo praticamente sbagliato un colpo in una tradizione ormai ventennale. Con una simile tradizione alle spalle, ed un impianto ludico rimasto praticamente immutato, è normale che sia giunto il momento di mutare qualche elemento di importante rilievo all’interno della struttura di gioco, in maniera tale da arricchirla senza snaturarla. Con queste premesse, e con la promessa di fare del titolo Intelligent Systems il primo veicolo dei contenuti scaricabili a pagamenti made in Nintendo, nasce Fire Emblem: Awakening, previsto in Giappone per il prossimo 19 aprile.

Un nuovo inizio?

Il continente è quello di Iris, i personaggi principali tali Krom e Liz (nomi che verranno sicuramente cambiati nella localizzazione), la trama presumibilmente legata ai poteri della lama Falchion, capace di imprigionare il male (no, non è la Master Sword), già vista in possesso dell’ormai noto Marth nell’ultimo capitolo della serie giunto da noi, Shadow Dragon per Nintendo DS, nonché in Super Smash Bros. Brawl.
Non c’è continuità nella serie, alcuni episodi sono ambientati in universi totalmente diversi, ed è possibile che lo stesso avvenga anche in questo titolo, magari per far attecchire la serie anche in Europa, con l’ennesima ripartenza. E’ ugualmente possibile che la presenza della Falchion suggerisca legami con il passato, se non con il futuro, ma questi sono tutti elementi che rimangono nell’ambito delle ipotesi, nonché dettagli tutto sommato di contorno ed ai quali potrebbero essere interessati più i fan che i giocatori occasionali.
Ciò che invece potrebbe interessare entrambi, magari in virtù di una leggera semplificazione e di un maggior dinamismo delle meccaniche tipiche della serie, potrebbe essere l’introduzione di alcuni elementi potenzialmente in grado di consentire un lungo balzo in avanti rispetto ad un gameplay classico, estremamente tradizionale ed ugualmente rigido nella sua struttura portante.
Partendo dal presupposto che snaturare Fire Emblem sarebbe per Nintendo un delitto imperdonabile, ce la sentiamo di appoggiare in pieno la coraggiosa scelta di diminuire gli schematismi delle battaglie a favore di un approccio un po’ più vario. All’atto pratico: possibilità di attaccare un nemico con più di un personaggio all’interno della stessa fase di attacco, beneficiando presumibilmente della sua collocazione in battaglia. Se c’è qualcosa che è mancato alla serie è sempre stata una visione più globale del campo di battaglia, luogo nel quale lo schieramento tattico delle proprie unità e fondamentale ma non produttivo in termini di gameplay. Il pensiero che piazzare ora i personaggi secondo un determinato disegno possa permettere bonus d’attacco, nonché la possibilità di utilizzarne più alla volta, ci manda sinceramente in brodo di giuggiole. A maggior ragione se pensiamo poi ad elementi di titoli della serie che in un simile contesto potrebbero trovare facilmente inserimento, come il curatissimo sistema dei rapporti tra i membri della propria schiera di Path of Radiance. Ma rischiamo di andare un po’ troppo oltre, al di là di quello che è stato mostrato e nel bel mezzo dell’ideale (speriamo non utopico).
Quella che invece possiamo salutare, anche qui, con totale apprezzamento, è l’introduzione di una mappa all’interno della quale muovere il proprio esercito, alla ricerca della prossima battaglia, probabilmente in maniera non lineare, secondo un approccio che dovrebbe permetterci di selezionare ora l’una, ora l’altra soluzione bellica. Possibile che vi s’inseriscano anche degli eventi casuali, che sarebbero utilissimi all’interno di un sistema che, pare, dovrebbe consentire una crescita più accurata delle proprie unità, recuperando da Sacred Stones l’utilizzo degli oggetti (non sappiamo ancora se saranno necessari per promuovere le unità), e consentendo lo sviluppo di particolari abilità da parte delle proprie unità, come annunciato dagli sviluppatori.
Ad una struttura di gioco che pare unire in maniera precisa il vecchio al nuovo, s’aggiunge un lavoro sulla parte tecnica che già da ora appare assolutamente buono, in virtù della solita splendida direzione artistica e di una realizzazione grafica che promette di consegnarci il Fire Emblem più bello di sempre.

Fire Emblem Awakening Per un fan Fire Emblem: Awakening sembrerebbe poter essere tutto quello che ha desiderato ma che Intelligent Systems ancora era riuscita a condensare in un unico titolo. Le premesse paiono esserci tutte, insieme alla coraggiosa scelta di rinnovare senza stravolgere una struttura di gioco che denunciava già il peso degli anni. L’uscita in Giappone è prevista per il prossimo aprile, speriamo che le lungaggini in fase di localizzazione tipiche della serie non ci rendano avvilente l’attesa.

Che voto dai a: Fire Emblem Awakening

Media Voto Utenti
Voti totali: 20
8.9
nd