Overwatch Oggi alle ore 15:00

Giochiamo in diretta con l'acclamato sparatutto Blizzard!

Anteprima Forza Motorsport 5

Dan Greenawalt ci racconta la nuova impostazione della carriera e le altre feature inedite di Forza 5

anteprima Forza Motorsport 5
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox One
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Guardando alla Next Gen, Forza Motorsport 5 è senz’altro tra i titoli più pronti da lanciare sul mercato. La stretta collaborazione tra Turn 10 e Microsoft anche nella progettazione della console ha permesso a Dan Greenawalt e i suoi di ottenere in anticipo tutti gli strumenti necessari per iniziare a lavorare. Il risultato è stato sotto i nostri occhi sia nel corso dell’E3 di Los Angels sia alla recente Gamescom, dove Forza 5 ha veramente impressionato.
Abbiamo raccontato del playtest nel nostro primo articolo, durante la giornata che ha preceduto la fiera. Siamo poi stato invitati anche all’interno del booth privato Microsoft, per assistere ad una presentazione guidata di alcune interessanti novità. In questo nostro pezzo di corredo ad uno dei più importanti titoli della Line Up Microsoft ci concentreremo dunque su queste novità, rimandandovi al precedente articolo per la prova con mano.

Carriera tutta nuova

Solo recentemente mi sono reso conto che Forza 4, evento dopo evento, finiva per sfiancarti”. Con queste parole Dan Greenawalt ci introduce a quella che sembra essere una delle più importanti novità in Forza Motorsport 5, sicuramente tra quelle di cui agli studi Turn 10 vanno più fieri. La carriera è stata completamente riscritta mantenendo il focus su tre parole chiave: flessibilità, varietà e dinamismo.
Anziché trovarci di fronte la mastodontica serie di eventi che caratterizzavano Forza Motorsport 4, la schermata principale della carriera ci darà immediatamente la possibilità di effettuare delle scelte. Dovremo scegliere, ad esempio, in quale categoria automobilistica gareggiare. Siamo più portati per le auto sportive oppure preferiamo la comodità delle berline di lusso? Un primo passo verso l’ulteriore stratificazione successiva, che permette a Turn 10 di indirizzare l'esperienza di gioco verso le esigenze e le preferenze del giocatore. “Ho capito solo dopo che stavamo obbligando i giocatori a guidare auto che non volevano guidare” -sottolinea Greenawalt- quando una schermata successiva mostra un’ulteriore suddivisione in finestre, ognuna delle quali sembra quasi rappresentare una mini-carriera. Trazione anteriore, posteriore, 4WD, monomarca, asiatiche o europee: ogni macro-categoria presenta suddivisioni per tutti i gusti. Tutto per consegnare al giocatore una progressione capace di coccolarlo costantemente, inseguendone i gusti senza privarlo della varietà necessaria a rendere sempre interessante e stimolante la prosecuzione.

A tal proposito Dan e il suo team vogliono sottolineare che ognuna di queste mini-carriere sarà corredata da eventi generati casualmente a seconda della vettura selezionata. A bordo di una Ferrari o di un Lamborghini, dunque, piste, avversari e richieste differiranno, conferendo a Forza 5 un’elevata rigiocabilità. Un punto a favore anche per i meno avvezzi al completamento totale, dato che per ottenere le auto migliori non sarà necessario portare a termine ogni evento sulla scacchiera virtuale. Basterà infatti ottenere crediti, semplicemente esplorando il gioco in ogni sua parte: online o offline non farà alcuna differenza.
Naturalmente anche i cosiddetti “completisti” avranno pane per i loro denti, dato che gli eventi disponibili si contano sull’ordine delle centinaia e che sin dal principio saranno accessibili senza alcuna costrizione. Potremo dunque “saltare” da una parte all’altra del “tabellone” senza soluzione di continuità, per progredire in una carriera quanto mai personalizzabile.
Ma Forza Motorsport, come tutti sappiamo, non è un videogame per soli amanti della corsa: più che altro per appassionati di automobilismo a tutto tondo. Tra questi, ad esempio, ci sono anche quelli che da un titolo del genere vogliono una vera e propria enciclopedia dell’auto. Turn 10 non li vuole deludere, implementando in Forza Motorsport 5 Forzavista, evoluzione di quello che fu, lo scorso anno, Autovista. Molte più opzioni e la presenza di tutte le vetture del pacchetto all’interno di questo autosalone digitale faranno la felicità degli appassionati, che potranno vedersi raccontata una breve storia della vettura in questione, focalizzata su pochi ma incisivi punti chiave. Il tutto sottolineato ovviamente da una realizzazione a dir poco spaventosa, tanto da dare la sensazione di poter accarezzare le vetture presentate.


Forza 5 vede tanti meccanici tra i suoi fan più sfegatati: a loro Turn 10 ha pensato sviluppando il nuovo modello di gestione delle sospensioni. Prima della difficile spiegazione Dan Greenawalt ha voluto sottolineare il suo disappunto per non aver potuto sfruttare questo stesso metodo già nel predecessore, che perdeva così parte dell’utilità di essersi rivolti a Pirelli per quanto concerne la gestione degli pneumatici. La console (Xbox 360) semplicemente non lo permetteva. Con Xbox One, dunque, il team ha voluto dare il massimo, accordandosi con un’importante società statunitense (che effettua test anche per la NASA) per ottenere i valori necessari. Turn 10 ha inviato centinaia di pneumatici di ogni tipo ed ha ricevuto talmente tanti dati -ci confessa Dan- da non sapere cosa farsene. Piano piano hanno iniziato a sviluppare un nuovo modello, arrivando, secondo quanto ci dicono, ad un livello tale che nemmeno le simulazioni su PC possono al momento ambire. Pur coinvolti dalle tecniche oratorie del numero uno di Turn 10, non siamo in grado di avanzare alcun parere a riguardo. Ci è stata semplicemente mostrata una sessione in game nella quale si vedevano perfetti trasferimenti di carico, usura gomme localizzata e dipendente dalla temperatura, dalle curve e dalle condizioni dell’asfalto, ed una resa concorde della vettura in pista (migliore o peggiore in seguito a riscaldamento ottimale ed usura eccessiva). Basandoci solamente su quanto osservato e sulle parole dei membri del team, il risultato sembra strabiliante. Unendo le conquiste di Forza Motorsport 4 e la potenza delle nuove console, questo Forza 5 pare poter raggiungere vette prima d’ora inimmaginabili, offrendo ai giocatori un’esperienza tutta nuova.
Purtroppo però non è tutto oro ciò che luccica e, anche se la presentazione si chiude con un’efficace dimostrazione pratica di Drivatar (di cui abbiamo già abbondantemente parlato), a restare scolpite a fuoco nella nostra mente sono le lapidarie risposte di Greenawalt a tre nostre specifiche domande. Forza 5 dice “no” alle gare Endurance, alle gare in notturna e alle condizioni climatiche, variabili. Un duro colpo per tutti gli appassionati di automobilismo.
Si aspetta Forza 6 e si spera, dunque, consapevoli comunque che questo autunno saremo alle prese con uno dei migliori Driving Simulator mai creati.

Forza Motorsport 5 Forza Motorsport 5 è un sogno per tutti gli appassionati di automobilismo e racing game. Averlo provato con mano già ci era bastato per definirne le qualità ma dobbiamo dire che, durante questa presentazione privata, l’hype è salito ancor di più. Peccato, davvero, per l’assenza di gare in notturna o in condizioni climatiche difficili, così come per l’assenza delle Endurance (da giocare solo creando i propri eventi custom). L’amarezza passa subito osservando il meraviglioso salone di Forzavista e immaginando quali potranno essere le conseguenze di un sistema di gestione delle sospensioni e dei consumi gomme totalmente nuovo, dipendente da tantissime variabili prima incalcolabili. Un Forza Motorsport tutto nuovo e pronto ad entusiasmare!

Che voto dai a: Forza Motorsport 5

Media Voto Utenti
Voti totali: 28
7.6
nd