The Last Guardian Oggi alle ore 17:00

Giochiamo in diretta con il nuovo gioco di Fumito Ueda!

Hearthstone: I Bassifondi di Meccania - Tutte le novità annunciate al Blizzcon

Come da tradizione, al Blizzcon arriva l'annuncio di una nuova espansione per il Gioco di Carte delle meraviglie. Cosa ci aspetta a Meccania?

anteprima Hearthstone: I Bassifondi di Meccania - Tutte le novità annunciate al Blizzcon
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
Tommaso Tommaso "Todd" Montagnoli è un maniaco e devoto videogiocatore da più di vent'anni, feroce appassionato di RPG, strategici e tutto il resto. Le poche ore che non spende giocando le passa fra fumetti, cinema, brit rock e snowboard. Lo trovate su Facebook, Twitter e su MORLU TOTAL GAMING.

Vicoli bui, risse da bar, loschi figuri armati di Thompson e tirapugni dorati: è Meccania (o se preferite "Gadgetzan"), la città portuale che non dorme mai, situata ai confini del deserto di Tanaris. Una miniera d'oro in mano ai contrabbandieri e alla Mala, fotografata all'apice del suo boom economico e sempre cullata dal sibilo martellante di un charleston swing-eggiante! Sembra di stare ai tempi di Al Capone, o in una delle canzoni del grande Fred Buscaglione, dove gli affari si risolvono a piombo e pugni (e qualche pozione alchemica).
Questo è il pazzo setting scelto da Blizzard per la nuova espansione di Hearthstone, prevista per gli inizi di dicembre, che aggiungerà al nostro scintillante grimorio ben 132 nuove carte e tante succose novità. È compito dell'Executive Producer Hamilton Chu salire sul palco di questo BlizzCon 2016, accompagnato dagli iconici accordi della locanda, per svelarci la buona novella: "i giocatori di Hearthstone ne hanno passate tante quest'anno, perciò abbiamo pensato di mandarli in vacanza giù alla tranquilla Meccania!". Neanche il tempo di mostrare qualche nuova carta che il pubblico di Anaheim e tutto il web impazziscono, e noi non siamo da meno; lì in prima fila, a urlare dalla gioia...

SHUFFLE, GIN E PROIETTILI

Il BlizzCon di quest'anno sta andando benone, con tante novità interessanti, anche se, è innegabile, non ci sono stati annunci di enorme calibro come nei precedenti: una corposa patch, ma niente espansione per Diablo III, ad esempio; due nuovi personaggi e tuttavia niente rivoluzioni per HoTS. Insomma, a conti fatti, se dovessimo stilare un'ipotetica classifica, va a finire che è proprio Hearthstone, con la sua "Mean Streets of Gadgetzan" a far da padrone.
Il gioco di carte targato Blizzard sta vivendo uno dei suoi periodi migliori: il meta, dopo un periodo di stagnazione piuttosto evidente (dovuto soprattutto agli strascichi di Naxxramas e GvG), sta riprendendo lentamente a carburare. I grandi cambiamenti introdotti da Whispers of The Old Gods hanno portato una ventata di aria fresca ai deck, e i nerf periodici stanno lentamente colmando i normali sbilanciamenti dovuti alle mode.

La nuova espansione, a parer nostro, avrà più che altro il compito di sistemare qualche cosuccia nonché di ampliare la proposta dai mazzi, e a quanto abbiamo visto sino ad ora (sono state mostrate poco più di una trentina di carte) le potenzialità sono altissime. Prima di parlare di carte nello specifico, però, c'è un'altra questione molto importante da sviscerare: le fazioni. Queste ultime, molto attese dai fan, potrebbero davvero cambiare il volto di Hearthstone, aggiungendo un nuovo livello di profondità al gameplay. Le fazioni sono tre e si traducono in altrettanti clan che ingloberanno rispettivamente le nove classi già presenti. Prima di tutto ci sono Gli Sgherri Torvi, stilisticamente simili alla malavita Americana anni '20, che asserviranno a sé le classi del Paladino, del Cacciatore e del Guerriero. C'è poi la Kabala, ovvero una cricca di delinquenti praticanti la magia e l'alchimia, che infatti racchiuderà il Mago, lo Stregone e il Sacerdote. Per finire, ci sono gli assassini stealtheggianti del Loto di Giada, non poco ispirati alla triade Cinese, le cui fila sono composte -ovviamente- dal Ladro, dal Druido e dallo Sciamano.

A cosa serve tutto ciò? Ovviamente per variegare e diversificare ancora di più la composizione dei mazzi. Molte delle nuove carte neutrali, infatti, attiveranno una certa abilità solo se utilizzate da un eroe appartenente ad un clan specifico (ad esempio, una carta dei Kabala, appena calata, permette di pescare con la meccanica "Rinvieni", un'altra carta della stessa fazione). Questo significa che la partita non solo girerà in modo ancora più veloce, ma che le carte che otterremo saranno assai più coerenti alla nostra classe e al nostro stile di gioco, riducendo così l'odiata componente RnG. Alcuni servitori inoltre, come il Delatore Famigerato (2/1/1), i Corrieri della Kabala (3/2/2) e gli Agenti del Loto (5/5/3), potranno essere inseriti solamente nei mazzi di una specifica fazione, come mostrerà un apposito logo presente sulle carte. La nuova meccanica è senza dubbio interessantissima e divertente, peraltro perfettamente completare a quanto già stabilito dalla precedente espansione, ora non resta da capire quante e quali saranno le abilità di fazione, e se ci saranno restrizioni di qualche sorta.

SACERDOTE IS THE NEW BLACK?

È vero, le carte mostrate fino ad ora sono pochissime, ed è ancora presto per parlare, ma come possiamo tacere dinnanzi a tutto questo ben di Dio? Eccovi infatti quali sono, sempre secondo il nostro parere, le facce più interessanti provenienti da Meccania. Il Paladino vedrà sicuramente un ritorno, o una modifica, dell'archetipo aggro-sciame, grazie all'arrivo di carte come "Nuove Reclute" e al segreto "Kodo da Fuga", nonché una curiosa leggendaria da 3/2/2, ovvero "Bronin Trincafiamme" che, oltre al costo invitante, alla provocazione e allo scudo divino, permetterà di curare il proprio eroe ad ogni attacco.

Ottime notizie anche per il Rogue, che non potrà più fare a meno della "Moneta Contraffatta", e perché no, anche del nuovo "Assassino del Loto". La prima faciliterà le combo a dismisura, mentre con la seconda ci pare di scorgere un nuovo mazzo Rogue-control all'orizzonte: sarà vero?
Il Warrior sembra procedere sulla strada del Taunt, grazie alla carta "I Know a Guy", che permette di rinvenire un servitore con provocazione, mentre chi ci guadagna di più fino ad ora è sicuramente il Sacerdote. Per Anduin ci sono grosse novità infatti, soprattutto per quanto riguarda la difesa dai mazzi aggro: "Pozione della Follia" è una magia da 1 mana che permette di controllare per un turno un servitore nemico con 2 (o meno) di attacco, mentre "Pint-Size Potion" impone un -3 danni a tutti i nemici per un turno. Sempre per i Kabala, è impossibile non citare la leggendaria di fazione, ovvero "Kazakus" (4/3/3) che, a parte un body leggermente sconveniente, permette di craftare una pozione potentissima (con effetti simili a quella di Rafaam) scegliendone il costo (1,5,10) e ben due effetti devastanti; mica male eh?

Hearthstone: I Bassifondi di Meccania Questa nuova espansione promette assai bene, dunque, e l'appuntamento con gli sgherri di Meccania è al momento solo rimandato, giacché il prossimo 7 Novembre verranno annunciate nuove carte. Restate a farci compagnia qui su Everyeye.it, pare che l'Ogre Don Han'Cho stia per farci un'offerta che non possiamo rifiutare...

Quanto attendi: Hearthstone: I Bassifondi di Meccania

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 4
85%
nd