GamesCom 2015
GamesCom 2015 Dal 05/08/2015 al 09/08/2015

Tutte le notizie, gli articoli ed i video comodamente organizzati nella pagina evento

Gamescom 2015

Anteprima Hitman

Alla Gamescom abbiamo potuto assaporare un piccolo assaggio di quanto ci riserverà il nuovo gioco dedicato all'Agente 47, in arrivo su PC e console current-gen il prossimo 8 dicembre.

anteprima Hitman
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Dario Bianchi Dario Bianchi Accanito videogiocatore dall'età di 6 anni, Dario adora le emozioni e le forti suggestioni trasmesse dal mezzo videoludico. Quando non impugna un pad si dedica alla lettura, alla birra e al rock, accompagnato dalla sua amata Fender Telecaster! Lo trovate su Facebook e Twitter.

L'attesa per il ritorno dell'Agente 47 alla Gamescom 2015 è tanta e palpabile: lunga è infatti la fila di giornalisti presenti allo stand di Square Enix, desiderosi di sapere di più sul simil-reboot di una delle saghe stealth più amate di tutti i tempi. Il nuovo episodio del brand firmato IO interactive promette di recuperarne la formula originale, con una grande attenzione dedicata alla libertà di approcci concessi al giocatore. Nella saletta preparata da Square-Enix abbiamo potuto assaporare un piccolo assaggio di quanto la release finale del titolo ci riserverà, in arrivo su PC e console current-gen il prossimo 8 dicembre, con la promessa che i contenuti al day-one saranno molto corposi, nonostante l'esperienza di gioco sia stata concepita per essere costantemente espansa nel tempo.

Sulle tracce di Victor Novikov

Nel filmato proposto durante la presentazione l'Agente 47 si trova a Parigi, in una splendida location situata sulle rive della Senna: l'oligarca russo Victor Novikov, proprietario della casa di moda Sanguine, ha organizzato un incredibile party in una lussuosissima quanto enorme villa parigina. Un'occasione da cogliere al volo per il nostro assassino, il quale conosce la vera identità dell'uomo, legato alla IATO, misteriosa agenzia di spionaggio: Novikov ha infatti organizzato l'evento per vendere informazioni segrete, e sarà nostro compito tappargli la bocca per sempre. Il focus della presentazione si concentra espressamente sulla grande libertà concessa al giocatore, il quale potrà scegliere come approciare l'obiettivo nel modo che ritiene più opportuno: il servizio di sicurezza nella magione è altissimo, e lanciarsi contro il bersaglio ad armi spianate assolutamente sconsigliato. Victor è inoltre seguito costantemente da una guardia del corpo personale, elemento che rende ancora più difficoltoso lo svolgimento del nostro lavoro. Una buona dose di pensiero laterale da parte del giocatore risulterà quindi un ingrediente fondamentale per una buona riuscita della missione: potremo tentare di infiltrarci al party attraverso un ingresso laterale, esplorando gli immensi giardini che circondano la costruzione, oppure mimetizzarci nella folla e avvicinare una delle guardie addette al servizio di sicurezza, così da eliminarla e rubarle l'uniforme. La quantità di NPC presenti a schermo è notevole, con un numero pari alle trecento unità massime possibili; un bel passo in avanti se si pensa ai precedenti episodi, fermi a quota cinquanta. Tali risultati sono stati raggiunti solo grazie alla potenza di calcolo delle macchine della corrente generazione, e non solo favoriscono una notevole immedesimazione da parte del giocatore, ma influenzano in maniera decisa anche le dinamiche del gameplay. La folla può infatti tramutarsi in un ottimo diversivo qualora venga allarmata con un colpo di arma da fuoco, oppure costituire un ulteriore ostacolo nel caso in cui cercassimo di mettere K.O. una guardia cercando di non attirare l'attenzione. Gli NPC risultano importantissimi anche per la fase di pianificazione della nostra missione: gli sviluppatori hanno mostrato come spesso il buon Victor interagisca con alcuni tra i presenti intrattenendo con loro brevi dialoghi, origliando i quali sarà possibile carpire importanti informazioni sui suoi spostamenti o su avvenimenti dinamici specifici. Nella sezione mostrata il magnate russo appariva particolarmente inquieto a causa di alcune lamentele mosse dallo stilista presente alla festa, motivo per il quale deciderà incontrarlo per parlargli: qualora riuscissimo ad essere abbastanza veloci da anticiparlo potremo mettere fuori gioco il petulante interlocutore, decidendo di assumerne l'identità. Ma il team decide di seguire un'ulteriore strada, saltando direttamente ad una sequenza nella quale l'Agente 47 è riuscito a recuperare un'uniforme da cameriere: il successivo step consiste nel raggiungere i piani alti della villa portando con noi una pistola. Una vera e propria impresa, dato che le guardie del multimilionario limitano l'accesso alle scale. Tuttavia, già da alcuni minuti una parte del personale addetto al servizio catering trasporta casse di frutta senza che i vigilanti battano ciglio: il nostro assassino nasconde allora la propria arma da fuoco in uno dei contenitori, così da non destare alcun sospetto, per poi lasciarsi perquisire e ottenere l'accesso ai livelli superiori. Recuperata la fidata pistola ci avviciniamo alle balconate che si affacciano direttamente sulla passerella allestita per le sfilate, ottimo punto dal quale appostarsi per freddare il nostro bersaglio.

Non prima però di aver trucidato un Enforcer, nuova tipologia di nemico capace di smascherare i nostri travestimenti all'istante, impedendoci di poter contare sull'effetto mimetizzazione. La presentazione si chiude così, proponendoci un montaggio di spettacolari sequenze alternative, durante le quali viene mostrata la possibilità di far saltare in aria l'intero soffitto della sala dove ha luogo la sfilata, in una pioggia di bianchi cristalli. Hitman sembra promettere bene, ma è ancora troppo presto per poterci pronunciare: gli sviluppatori hanno deciso ancora una volta di proporre una sequenza di gioco corposa ma comunque presentata in forma esclusivamente filmata, impedendoci di poter realmente valutare la profondità e la varietà del sistema di approcci, descritto come fiore all'occhiello dell'intera produzione. Peraltro, il profilo tecnico della versione PS4 del titolo ci ha convinti solo a metà: da un lato abbiamo potuto osservare una buona implementazione delle varie fonti di luce, utilizzate per creare scorci molto suggestivi e di forte impatto. Innegabile è anche l'effetto di meraviglia derivato dall'enorme quantitativo di personaggi non giocanti a schermo; peccato che però la modellazione poligonale di questi ultimi non faccia gridare al miracolo, con una varietà dei singoli modelli attualmente piuttosto limitata. Un aliasing marcato e un comparto animazioni solo discreto completano un quadro non entusiasmante, in parte giustificato dagli enormi spazi messi a disposizione del giocatore, visitabili senza venir interrotti da alcun caricamento.

Hitman Square-Enix non ci ha ancora convinto del tutto con questo ritorno dell'Agente 47: il progetto IO Interactive sembra molto ambizioso, e se riuscirà a mantenere tutte le promesse fatte sul versante della libertà decisionale concessa al giocatore potrebbe certamente lasciare il segno. Purtroppo sino ad ora non abbiamo potuto testare in prima persona, pad alla mano, quanto proposto dal team di sviluppo, limitandoci ad osservare sequenze di gameplay pre-registrate, attraverso le quali è impossibile valutare e comprendere sino in fondo il livello di profondità dell'offerta ludica. Quando mancano ormai poco più di quattro mesi al lancio, speriamo di poter conoscere presto nuove informazioni su Hitman, magari con un'approfondito hands on che ci consenta di formulare un giudizio più completo.

Che voto dai a: Hitman

Media Voto Utenti
Voti totali: 59
7.6
nd