Anteprima Il Libro degli Incantesimi

La realtà aumentata fra le pagine di un libro

anteprima Il Libro degli Incantesimi
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
 Roberto de Luca Roberto de Luca scopre il meraviglioso mondo dei videogame quando nel 1996 suo padre gli regala una Playstation nuova fiammante. Grande appassionato di qualsiasi cosa riguardi gli zombie, adora gli sparatutto in soggettiva, i tatuaggi ed il buon vino. Lo potete trovare su Facebook e su Google Plus.

Presentata con entusiasmo alla conference Sony dell’E3 2012, la “periferica” Wonderbook è stata annunciata come una rivoluzione nel campo dell’intrattenimento dedicati ai videogiocatori più piccoli, capace di creare -attraverso una tecnologia all’avanguardia che sfrutta la realtà aumentata- un mondo immaginifico in cui chiunque potrà immergersi per vivere le proprie avventure. Si tratta di un vero e proprio libro di 12 grandi pagine (liberamente ispirato ad un tomo intriso di magia in perfetto stile Potteriano) su cui sono impressi dei QR Code che possono essere letti e interpretati dal Playstation Eye, che farà poi apparire sullo schermo vivide immagini ed elementi interattivi. Grazie al PS Move il giocatore può interagire in svariati modi con gli oggetti di gioco, modificando il flusso della narrazione, attardandosi ad esplorare gli ambienti, ma anche venendo coinvolto in piccole attività ludiche. Nessun limite di longevità imposto dalle poche pagine del libro, che potranno infatti essere decifrate una seconda, terza o quarta volta per far proseguire la storia, ma non solo: Sony ha promesso il rilascio di numerosissimi software che supporteranno il prodotto e consentiranno una durevole varietà di esperienze interattive. Il primo -e anche unico- ad essere annunciato durante la conference californiana è stato “Book Of Spells

Abra-Cadabra

Book Of Spells porterà il giocatore direttamente all’interno del magico mondo di Hogwarts attraverso 5 capitoli principali, più precisamente nell’enorme biblioteca della scuola di magia più famosa al mondo, dove si potranno imparare tutti gli incantesimi visti nei sette film della saga cinematografica, e non solo. Una volta aperto il Wonderbook e lasciato che il PS Eye abbia svolto la decifrazione, ci si rende conto di come le parole scritte sulle antiche pagine del libro di magia prendano improvvisamente vita, illuminandosi e uscendo dai fogli sbiaditi, per essere poi lette da una voce narrante che spiegherà passo per passo ogni istruzione utile ai fini di imparare i segreti di ogni formula incantata. I giusti movimenti saranno eseguiti con il PS Move, trasformato dal Wonderbook in un’apposita bacchetta magica, dopo che una breve dimostrazione visiva apparirà sullo schermo. Le animazioni sono splendide e le creature fantastiche che pian piano prendono vita tra le facciate del libro si muovono con naturalezza, caratterizzate da texture all’avanguardia e riflessi di luce realistici: il drago che si alza in volo, staccandosi dalla rigidità bidimensionale della cellulosa e soffiando fuoco dalle narici è davvero spettacolare. Ma tutto ciò non è un semplice spettacolo passivo in computer-grafica: il ruolo del giocatore sarà sempre quello protagonista e in ogni momento si può intervenire sul proprio libro e -di conseguenza- sul mondo di gioco, ad esempio spegnendo velocemente le pagine bruciacchiate dal fuoco del drago e pulire quelle che sono state oscurate dalla cenere. Gli scenari che si espandono sotto gli increduli occhi dei presenti sono finemente realizzati, donando spessore e originalità ad ogni pagina, con un tripudio di colori e ambientazioni uniche, che coinvolgono il giocatore e lo immergono nel favoloso mondo fantasy partorito dalla mente di J.K. Rowling. Una volta presa la giusta confidenza con l’incantesimo, il gioco ci proporrà una piccola sfida finale che ci farà mettere in pratica ciò che abbiamo imparato in precedenza. Sullo schermo apparirà un piccolo portale dimensionale che trasporterà il giocatore in alcune zone specifiche di Hogwart,s dove dovrà risolvere spiacevoli inconvenienti: bruciacchiare gli insetti che invadono la sala comune dei Grifondoro o spostare i delicati ortaggi con la levitazione appena fuori le mura del complesso scolastico. Le magie ci sono tutte: “Incendio”, “Alohomora” e “Wingardium Leviosa” sono solo quelle visionate nella lunga demo presentata, ma la bontà contenutistica di Book Of Spells fa ben sperare in tanti altri sortilegi che verranno ufficializzati nei mesi a venire.
Tuttavia la nuova periferica Sony ha mostrato qualche difficoltà nel riconoscere le esatte movenze del PS Move, obbligando a far ripetere più e più volte i movimenti corretti al giocatore. Niente di grave, ma non è chiaro se il problema affligge l’attuale prototipo di Wonderbook, dipende dalle condizioni di luce oppure ancora dalla fretta del giocatore. Sta di fatto che i gesti richiesti da Book Of Spells sono tutti molto semplici e basilari, pensati soprattutto per un pubblico molto giovane che non vede l’ora di provare con le proprie mani gli incantesimi del maghetto Potter. Anche le sfide di fine livello rappresentano più una semplice verifica di apprendimento che un ostacolo da affrontare con tenacia, confermando l’idea che perlomeno il primo software in uscita sia pensato per i più piccoli fan di Harry Potter. C’è da considerare anche il prezzo del Wonderbook, che negli Stati Uniti non sarà superiore ai 39.99$; non dimentichiamo però, che sarà necessario acquistare o perlomeno possedere il Playstation Eye e il PS Move affinché tutto possa funzionare, e l’insieme d’acquisto non è certo dei più economici in circolazione. Aldilà dell’ottimo lavoro svolto dal punto di vista estetico e concettuale, il Wonderbook per ora rappresenta un’incognita che può rivelarsi un grande successo -coadiuvato dall’uscita di titoli vincenti- o un grande passo falso, a causa del mancato supporto delle terze parti e dello scarso entusiasmo dimostrato dal pubblico.

Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi Il device mostrata alla conference Sony è fortemente incentrato sull’utilizzo sfrenato della realtà aumentata, feature che può senz’altro incantare gli utenti più piccoli. L’orientamento verso il bacino d’utenza casual, formato per lo più da giovani e occasionali giocatori, è una buona mossa strategica da parte di Sony per allungare le mani su quella fetta di mercato controllata da sempre dagli hardware Nintendo. Le numerose possibilità che ha spalancato “The Book Of Spells” sono allettanti e siamo molto curiosi di sapere cosa ci riserveranno i prossimi titoli che -speriamo- verranno presto annunciati. La data d’uscita ufficiale è fissata per dicembre 2012, ma non si conosce il giorno preciso, né tantomeno il prezzo europeo.

Che voto dai a: Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi

Media Voto Utenti
Voti totali: 5
7.2
nd