Resident Evil VII Adesso online

Eternal Backlog: giochiamo a Resident Evil 7!

Anteprima Knights Contract

Presentato alla conference di Barcellon un nuovo Action Game

anteprima Knights Contract
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3

Ispirarsi ad alcune delle leggende più affascinanti della nostra storia può a volte rivelarsi una scelta vincente. Nel caso dei giapponesi di Bandai-Namco le mire voltano verso il Faust, mitico protagonista di un racconto popolare tedesco che si credeva fosse disposto a vendere l’anima al diavolo per avere la conoscenza assoluta.  Un incipit che tinge di oscuro le vicende di Knights Contract, che narra la storia di Heinrich, maledetto assassino di streghe, e della bella Gretchen, reincarnazione di una strega uccisa dal protagonista stesso che lo maledì proprio prima di essere trucidata.

Caccia alle Streghe

Il background ambientale è quindi quello dell’Europa medievale, impaurita dalla minaccia delle streghe. E' cosa nota, che dall'XI al XV secolo migliaia di donne furono sterminate e mandate al rogo per l’incomprensibile timore del maleficio e dell'adorazione del diavolo. Diffidenza, paura e dubbi riempivano le strade del vecchio continente, ma -almeno nell'universo pensato dai game designer- la minaccia da temere non sarà tanto la piaga dell'inquisizione popolare, bensì l'erompere di una nuova minaccia oscura, pronta a scatenarsi nei villaggi e nelle città. Di fronte a questa non meglio precisata forza malefica, Gretchen, nonostante l’odio verso il suo assassino, decide di aiutare Heinrich per respingere il nemico. Dona così al protagonista dei poteri sovrannaturali, forniti -ironicamente- dalla stessa maledizione a cui lo aveva precedentemente legato.
 
Gli sviluppatori utilizzano questo stratagemma come una sorte di ponte tra la sceneggiatura e il gioco stesso. Knights Contracts si presenta, basilarmente, come il più classico degli action, lo stesso genere che ha creato le fortune di saghe come Devil May Cry e God of War. Di fronte quindi a meccaniche, almeno a questo stadio, che non sembrano presentare rivoluzioni di grande rilievo, si erge una particolare complementarità tra i due protagonisti, che sarà utile al giocatore nel corso dell’avventura. Heirinch è infatti immortale. Non può morire, e di conseguenza sarete praticamente imbattibili. Il “game over” sarà però direttamente proporzionale allo stato di salute della giovane strega, la cui esistenza è inevitabilmente fondamentale per il prosieguo nell’avventura. E’ lei a fornire appunto l’aura di protezione al guerriero, ed è chiaro che una volta venuta meno, ci sarà davvero poco da fare durante i combattimenti. Oltre a fare a pezzi le centinaia di avversari pronti a rendervi cara la pelle, avrete così anche il compito di proteggere Gretchen e curarla nel caso venisse ferita. Questa attiva collaborazione regala a Knights Contract un approccio non proprio canonico per il genere al quale appartiene. Si crea un rapporto di simbiosi tra i due protagonisti raro a vedersi in un titolo d’azione.

Dal punto di vista della capacità d'attacco, il duo è semplicemente formidabile. Heinrich farà largo uso della forza bruta e ad essa, Gretchen combinerà le fantastiche arti del combattimento magico, per un risultato largamente spettacolare. Insieme si arriverà infatti a creare combo strepitose, spettacolari sia nell’esecuzione che per quanto concerne il mero aspetto visivo, rendendo la “povera” protagonista molto di più di un semplice peso “supplementare” da portarsi in giro. Bisogna fare attenzione però a come deciderete di utilizzare le capacità della compagna. Ricordate, come detto in precedenza, che ella sarà praticamente la vostra unica fonte di vita mentre siete intenti a completare i livelli di gioco. Occorre quindi fare attenzione durante gli scontri. Le sue abilità possono sovvenire particolarmente utili ad esempio negli scontri a distanza, ma non provate mai e poi mai a coinvolgerla in scontri di mischia con numerosi combattenti: non uscirebbe viva dal confronto. Funzionerà? Tutto dipende da come il team nipponico riuscirà a sfruttare questa possibilità. Perché, c’è poco da dire, già dalla prima demo mostrata, pare evidente che l’impianto ludico puzzerà probabilmente di già visto. C’è da sperare allora che gli sviluppatori non si perdano in un bicchier d’acqua, che riescano a plasmare nella bella Gretchen (che fa tanto Final Fantasy, artisticamente!) un'intelligenza artificiale che non sia mai d’intralcio al giocatore bensì risulti un valido aiuto.
 
L'ambientazione del titolo fornisce peraltro l’assist agli studio per realizzare delle atmosfere particolarmente cupe, testimoni consapevoli dell’altrettanto oscuro periodo attraversato dal nostro continente in quei secoli, e non è un caso che il comunicato stampa fornitoci dalla compagnia parli a chiare lettere di un action adventure horror. Forse una nomenclatura esagerata, ma che fa capire in pieno le intenzioni degli sviluppatori. Per quel che riguarda il bagaglio tecnico, diciamolo subito, Knight Contracts non sarà certamente il nuovo metro di paragone per gli action game, ma stilisticamente pare funzionare. Città distrutte, mostri dall’aspetto terrificante, cieli oscuri e quella sgradevole sensazione di trovarsi in un posto da cui voler fuggire immediatamente. Le basi sono gettate, adesso bisogna vedere cosa Namco-Bandai riesce a costruire nel lungo periodo che ci divide dalla data di commercializzazione.

Knights Contract Avremo tempo per parlare di Knights Contract, dato che è previsto solo per il prossimo anno. In ogni caso, con questa prima e veloce anteprima, proviamo a farvi capire come funziona essenzialmente il nuovo titolo d’azione di Bandai-Namco, la cui forza pare essere rappresentata più dal singolare rapporto tra i due protagonisti, dalla trama e dall’ambientazione oscura della vecchia Europa medievale che da una rinnovazione del genere a cui appartiene. Ulteriori approfondimenti davanti ad una prova giocata, magari proprio all’imminente E3 di Los Angeles.

Che voto dai a: Knights Contract

Media Voto Utenti
Voti totali: 78
4.9
nd