Pit People Oggi alle ore 17:00

Provo il nuovo gioco degli autori di Castle Crashers!

GCom10

Anteprima La Guerra del Nord

Un nuovo RPG Cooperativo dedicato al Signore degli Anelli. Presentato a Colonia

anteprima La Guerra del Nord
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc

Durante l'ultimo giorno di Gamescom dedicato esclusivamente ai giornalisti ci siamo intrufolati negli stand Warner Bros della Business Area della Koelnmesse per dare una prima occhiata a The Lord of the Rings: War in the North, Action-RPG sviluppato da Snowblind e previsto per il 2011 su Playstaton 3, Xbox 360 e PC. Qui di seguito le nostre prime impressionni.

Un party multirazziale

The Lord of the Rings: War in the North ha come protagonisti tre personaggi appartenenti ad altrettante razze: un uomo, una elfa e un nano. A detta di Dayne McClurg, responsabile del titolo, sarà inoltre possibile scegliere a quale classe appartenere e personalizzare il proprio alter ego digitale con armature, oggetti e armi. Ogni razza, inoltre, godrà di proprie peculiarità che andranno a beneficio dell'intero party. L'elfa, ad esempio, è in grado di vedere sul terreno le tracce del nemico per poterlo così scovare quando meno se lo aspetta. L'uomo, invece, conosce tutte le erbe ed è in grado di combinarle per preparare tisane e decotti da utilizzare per curarsi oppure da vendere. Il nano, infine, ha la capacità di scovare vene aurifere dalle quali ricavare pepite e scagliuzze d'oro.
Viste le differenti abilità dei componenti del party, il team di sviluppo ha deciso di dare forte rilievo al gioco in cooperativa. “Ovviamente includeremo una modalità per giocatori singoli - ha affermato McClurg - ma l'esperienza di gioco è fatta per essere gustata in multiplayer. A tal proposito sarà possibile condividere l'avventura online oppure in split screen, combinando contemporaneamente le capacità di due o più giocatori”.

Un RPG occidentale di stampo classico

La demo ha visto il pary impegnato in diversi scontri con goblin, orchi e troll di montagna. Ognuno dei personaggi può eseguire attacchi da lunga e breve distanza: l'uomo lancia delle magie con il proprio bastone e adopera la staffa negli scontri ravvicinati, l'elfa sfrutta il proprio arco per poi sfilare (all'occasione) due lunghi coltelli mentre il nano sfodera una grossa balestra o una solida ascia. Il giocatore, pertanto, può cominciare a decimare le truppe nemiche da lontano per poi esibirsi in mosse tanto coreografiche quanto letali. Il rischio, tuttavia, risiede nella ripetitività di queste azioni quando si tratta di abbattere decine di nemici che fanno uso della stessa tattica offensiva e difensiva.
Al momento dell'attacco, sullo schermo appare una barra che rappresenta lo stato di salute del nemico e permette al giocatore di riconoscere subito su quale avversario è meglio concentrare le forze prima di spostare gli attacchi verso un altro obiettivo. In caso di morte di uno dei tre personaggi, i comprimari potranno avvicinarsi (orchi permettendo) per ristabilire la sua salute grazie a magie o oggetti curativi. In caso di successo, invece, il party si suddividerà equamente un tot di punti esperienza da investire arbitrariamente per migliorare un'abilità specifica legata all'attacco oppure alla difesa.
Come si può dedurre da questa breve descrizione, War in the North rispecchia tutti i canoni del genere con una giocabilità fatta di esplorazione e scontri all'arma bianca. “Ci siamo concentrati molto sulla realizzazione degli scontri - ha assicurato il responsabile - per rendere le battaglie il più verosimili possibili. Dal punto di vista delle ambientazioni, comunque, abbiamo voluto sviluppare sia grandi spazi aperti per le battaglie campali sia spazi più angusti e claustrofobici quali miniere e cave”. Un RPG occidentale in salsa tolkeniana, insomma, con tutti i pregi e i difetti del caso.
Dal punto di vista tecnico, il gioco era ancora in piena fase di sviluppo. Possiamo comunque dire che le texture dei personaggi principali lasciavano ben sperare per dettaglio e qualità. Per il resto, dovremo aspettare una versione più sviluppata per poter esprimere un giudizio esaustivo.

Il Signore degli Anelli: La Guerra del Nord The Lord of the Rings: War in the North interpreta in chiave tolkeniana il genere dell'RPG occidentale senza strafare troppo, almeno per il momento. Oltre alle peculiarità che caratterizzano la razza di appartenenza del nostro alter ego digitale, infatti, non abbiamo ancora avuto l'opportunità di apprezzare ulteriori 'atout' del titolo. Siamo comunque sicuri che nei prossimi mesi potremo mettere le mani su una versione più aggiornata del gioco. Rimanete sintonizzati.