L'Ombra della Guerra Adesso online

Giochiamo in diretta con il sequel de L'Ombra di Mordor!

E3 2014

Anteprima Mortal Kombat X

La nuova incarnazione della leggendaria e violentissima saga di picchiaduro fa bella mostra di sé alla fiera losangelina

anteprima Mortal Kombat X
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Andrea Porta Andrea Porta è un fanatico, divoratore (e occasionalmente critico) di videogame, serie TV, cinema, letteratura sci-fi e fantasy, progressive rock, comics, birre belga, rolling tobacco e molto altro ancora. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Quando le luci del piccolo cinema si abbassano e il PR di Warner smette finalmente di parlare a raffica, riusciamo a pensare ad una cosa sola: le Fatality. Poche sono le particolarità del mondo dei videogiochi che godono di un tale culto, e ogni nuovo capitolo della saga di Mortal Kombat non può non osare più del predecessore in tal senso. Prima di arrivarci, tuttavia, i ragazzi di NetherRealm ci hanno tenuto per un po' col fiato sospeso. Forse un po' per il gusto di farlo, o forse perché Mortal Kombat X di novità ne presenta un quantitativo di tutto rispetto, a partire da molteplici set di mosse per ogni personaggio del roster, dalle vecchie conoscenze sino alle new entry.

Sub-Zero vs Scorpion

La presentazione dell'E3 2014 si è aperta con il più classico degli scontri tra combattenti della vecchia guardia, ma non prima di aver sviscerato una delle principali novità del gameplay, ossia la possibilità di equipaggiare ogni combattente con tre diversi set di mosse destinati a cambiare notevolmente l'andamento degli scontri. Scorpion, ad esempio, può dotarsi del set Hellfire, e godere di mosse speciali che comportano l'evocazione di un demone, in grado di scatenare attacchi di fuoco contro gli avversari o di trattenerli temporaneamente sul posto. Equipaggiato invece con un diverso set, il combattente potrà godere di un proiettile di fuoco da scagliare contro il nemico, e di diversi attacchi dalla distanza. Lo stesso vale per Sub-Zero, che con il set Cryomancer basa il suo stile di combattimento sulla creazione istantanea di armi di ghiaccio, come una daga doppia o un martello da guerra, mentre Grandmaster gli permette di sfruttare in modi diversi una propria sagoma di ghiaccio. Interessante come i costumi dei personaggi subiscano lievi variazioni a seconda del set scelto, così da permettere a un giocatore navigato di riconoscere ad una sola occhiata quale scelta sia stata fatta ad inizio match. Durante il primo scontro al quale abbiamo assistito, ambientato nella suggestiva Snow Forest, abbiamo visto all'opera diversi dei set citati qui sopra, riscontrando un ottimo lavoro da parte di NetherRealm nel creare mosse non solo fantasiose, ma anche estremamente fisiche. Lontani sono i tempi (d'oro) in cui i personaggi di Mortal Kombat si muovevano a fulminei scatti. La velocità è quella di sempre, ma l'impatto di ogni colpo pesa come un maglio, respingendo l'avversario in maniera credibile. Durante lo scontro abbiamo visto all'opera diversi stili di combattimento grazie all'intervento degli sviluppatori, i quali ci hanno tuttavia tenuto a far presente che, nella versione finale del gioco, lo stile verrà scelto all'inizio di ogni match, e non potrà più essere cambiato sino alla conclusione. Altra particolarità emersa dal primo scontro è la natura interattiva degli scenari, che permettono di sfruttare alcuni punti sensibili, evidenziati da un leggero contorno luminoso, come armi improprie o per proiettarsi contro il nemico. Una catena penzolante, ad esempio, può essere utilizzata per dondolarsi brevemente e scagliarsi verso l'avversario, mentre un pezzo di legno può essere sfruttato come arma impropria. Nonostante la breve durata della presentazione, ci hanno colpito anche gli utilizzi creativi di alcune mosse speciali, che possono essere sfruttate in più di un modo. La sagoma di ghiaccio evocata da Sub-Zero, ad esempio, può essere letteralmente tirata in faccia all'avversario, oppure essere lasciata in mezzo all'arena nella speranza che l'altro combattente la sfiori, trovandosi intrappolato nel ghiaccio. A questo punto Sub-Zero potrà teletrasportarsi all'interno della propria sagoma, frantumarla e afferrare l'avversario congelato, per poi sbatterlo furiosamente a terra. Soprattutto in prossimità di queste mosse speciali, fa il suo ritorno la telecamera X-Ray, già vista nel predecessore, che permette di gustarsi le orribili fratture inflitte al nemico da distanza ravvicinata.

New entries

Con l'arrivo di un nuovo capitolo della saga, i nuovi ingressi nel roster sono immancabili. Mortal Kombat X ne presenterà in tutto quattro, di cui due sono stati mostrati durante la presentazione. D'vorah è un ibrido tra umano e insetto, che può sfruttare due arti chitinosi per ferire il nemico, oppure per darsi la spinta e caricare. Le sue mosse speciali sono tutte a base d'insetti, come nel caso dello sciame che può essere utilizzato per infastidire il nemico, mentre le braccia permettono di tenere gli avversari a grande distanza, grazie al reach sopra la media. Completamente diverso è invece Ferra/Tor, ossia due nemici in uno. Si tratta infatti di un gigante imbufalito e imbrigliato, tenuto sotto controllo da una donna completamente psicotica. Ad attaccare è quasi sempre il colosso, ma all'occasione i due possono anche dividersi. Una mossa speciale, ad esempio, vede il gigante afferrare il nemico e stringerlo in un abbraccio mortale, mentre la donna attacca senza pietà con due daghe.

Mortal Kombat X Le Fatality sono arrivate, ma solo alla fine. E noi, che siamo più perfidi di NetherRealm, non ve le raccontiamo. In realtà lo facciamo perché vi vogliamo tanto bene, e non è nostro desiderio rovinarvi alcune delle sorprese più disgustosamente sanguinolente che Mortal Kombat X può offrire. Quello che conta è che questa prima presentazione ci ha messo una gran voglia di provare con mano questo nuovo capitolo della saga, capace di un notevole impatto grafico (nonostante la gestazione cross gen si noti) e di un set di mosse completamente rinnovato, oltre ad alcune interessanti novità relative al gameplay. I set di mosse selezionabili ad inizio match diversificano molto il roster, e aggiungono ulteriori scelte strategiche a un gameplay già molto ricco. In altre parole, non vediamo l'ora di saperne di più, soprattutto sul comparto online, che si preannuncia come uno dei punti di forza della produzione. Di qui al 2015 di tempo ce n'è, e di sicuro avremo modo per tornare a parlare molte volte del ritorno della saga di picchiaduro più sanguinolenta di sempre.

Che voto dai a: Mortal Kombat X

Media Voto Utenti
Voti totali: 41
8.7
nd