Anteprima NBA Jam

Il remake di un classico arcade pronto a far canestro su Wii. Primi dettagli

anteprima NBA Jam
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • iPhone
  • iPad

I più “anziani” tra voi che state leggendo questo articolo, ricorderanno senz’altro l’omonimo titolo di Midway per SNES, che fu l'apripista per una serie di prodotti non realistici dedicati al mondo della National Basket Association, il campionato di pallacanestro più importante d’America e del globo. NBA Jam seppe divertire, all’epoca, grazie al suo innato spirito goliardico, capace di cogliere la filosofia videoludica dei primi anni ’90 tipica di produzioni realizzate unicamente allo scopo di divertire con spensieratezza, da soli o in compagnia di amici. Ed anche in tempi in cui il medium è inevitabilmente cresciuto e con esso anche le ambizioni dei singoli videogiochi, c’è lo spazio per un remake di questo storico sportivo arcade, finito adesso nelle mani di Electronic Arts e sviluppato dagli studi canadesi del publisher. E similarmente a quanto accadde con Punch-Out, saranno gli utenti Wii a vivere l’essenza del nuovo NBA JAM, per quanto non si escluda anche una versione in alta definizione.

Quando Kobe Bryant e LeBron James se le danno sul serio

Il fatto che Mark Turmell, creatore originale del gioco, stia partecipando attivamente allo sviluppo assieme al team di Vancouver ci lascia ben sperare riguardo la qualità del remake, che speriamo allontani gli spettri degli ultimi, poco fortunati o meno, rifacimenti. In realtà, se volessimo essere davvero pignoli, ci sentiremmo di bocciare in pieno la decisione degli sviluppatori di lasciare totalmente invariata la struttura di gioco prospettata ormai quasi vent’anni fa, con tanti saluti ai vantaggi dell’evoluzione tecnologia.

Ironia a parte, sorge palese pensare che realizzare un NBA Jam nel 2010 non sia necessariamente un’operazione da quattro spiccioli. Sarebbe rischioso, in entrambi i casi, rivoluzionare totalmente le modalità di gioco o mantenerle invariate al 1993. EA Canada ha comunque preferito mantenere la via della tradizione, ornandola però delle peculiarità fornite dall’accoppiata Wii-mote e Nunchuck, con i giusti accorgimenti su come interagire con le caricature virtuali dei migliori atleti dell’NBA. Lo schema di gioco prevede ancora una volta partite per quattro giocatori in campo, divisi chiaramente in due squadre da altrettanti componenti. Non esistono regole, e come sarebbe facile intuire dal titolo di questa produzione, l’unico dettame voluto dal gioco è quello di divertirsi e vincere la partita anche nella maniera più subdola. Il basket di NBA Jam accoglie infatti, in prima linea, lo spettacolo puro del basket “poco legale”: spintoni per rubare la palla, schiacciate che sfidano le semplici leggi della fisica, stoppate con elevazioni incredibili ed altro ancora. Le funzionalità del controller Wii vengono sfruttate così nei momenti cruciali della partita. Ad esempio, muovendo verso il basso il controller, ci troveremo, in prossimità del canestro, ad effettuare la spettacolare schiacciata precedentemente citata. I sensori saranno peraltro utilizzati per gli spintoni volti al furto della palla mentre i pulsanti si occuperanno al contrario delle giocate basilari, quali passaggi, movimento e l’attivazione del turbo (che da al giocatore controllato una incredibile spinta in avanti).
E' opportuno adesso porsi numerosi interrogativi riguardo alle ambizioni del titolo. Un'ombra di sospetto potrebbe portarci a pensare che NBA Jam, in fondo, voglia solo ad arricchire la già notevole schiera di party game sportivi lanciata al tempo dall’ormai celebre Wii Sports. Chiariamo: non temiamo sul divertimento - che riteniamo anzi certo - al quale punta la produzione, ma speriamo vivamente che le modalità di gioco siano organizzate in maniera sensata. Molto probabilmente si muoveranno il più possibile in direzione del multiplayer (scontate le sfide con gli amici!), ma speriamo che il titolo possa risultare perfettamente autonomo e ben sostanzioso per tutti gli utenti. A tal proposito l’azienda non si è al momento sbilanciata sul contorno proposto da NBA Jam, ma è certo comunque che ci saranno ben due tipologie di gioco dedicate al single player. La prima, denominata “Remix Tour”, dovrebbe proporre una sorta di piccola carriera con tanto di background storico a scelta. L’altra invece ci permetterà di sfidare le più grandi leggende di questo sport attraverso apposite sfide.

Per finire, il comparto tecnico abbraccerà chiaramente lo stile umoristico e caricaturale dell’originale episodio. Vedrete quindi i vostri idoli trasformati in incredibili pupazzi in tre dimensioni con il gigantesco volto reso invece in 2D, animato peraltro da divertenti espressioni facciali, specialmente in prossimità dell’ennesima schiacciata. In generale, per quanto di poco ci sia necessariamente da vedere in un gioco del genere, è garantito il massimo della fluidità (e ci mancherebbe, visti i ritmi delle partite!) mischiata a dei colori sempre sgragianti ma mai disturbanti.

NBA Jam Almeno dalle prime impressioni, NBA Jam sembra destinato a diventare, in questa nuova rivisitazione per Wii, l’ennesimo titolo dedicato al divertimento in compagnia, tipologia di prodotti a cui la console giapponese ci ha ormai da tempo abituati. Un gioco del genere, come del resto l’originale episodio, che nasce principalmente per coinvolgere famiglia ed amici, non solo ha senso d'esistere e prosperare, ma fin da adesso solletica gli appetiti dei tanti fan di vecchia data. Il suo incredibile stampo arcade, lontanissimo dalle mire realistiche di NBA 2k10, è la chiave di volta per divertire ed entusiasmare. Daremo comunque un parere meglio approfondito quando riusciremo a provare una versione in anteprima, magari in occasione del prossimo E3.