Anteprima Need for Speed: Hot Pursuit

Alla GamesCom tornano gli inseguimenti del Need For Speed di Criterion

anteprima Need for Speed: Hot Pursuit
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • iPhone
  • Pc
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Tra le conferenze di preparazione alla GamesCom a cui stiamo per assistere in quel di Colonia, particolare interesse ha suscitato l'evento organizzato da Electronic Arts: uno spettacolare showcase di alcuni tra i titoli di punta che il colosso statunitense sta per portare sugli scaffali di tutti i negozi tra l'autunno del 2010 e la primavera del 2011.
In questa schiera s'inserisce fiero anche Need For Speed: Hot Pursuit, ultima declinazione del brand legato ai folli inseguimenti automobilistici tra forze dell'ordine e piloti clandestini che, grazie a Criterion (responsabile dello sviluppo), pare voler tornare al piu' glorioso passato.
Il titolo, mostrato in un succulento video in game nel corso della conferenza, si appresta ad approdare nei negozi europei il 18 Novembre 2010.

Guardie e Ladri online

La dimostrazione odierna e' stata sin dal primo istante focalizzata su una nuova feature della quale il team, a ragione, va particolarmente fiero: Autolog.
Si tratta sostanzialmente di una modalita' multiplayer completamente nuova nel genere, in grado di integrare nel mondo delle corse i servizi offerti da uno qualsiasi dei social network che noi tutti conosciamo.
In tempo reale, dunque, questo sistema ci avvertira' -tramite gradevoli notifiche- delle scorribande compiute online dai nostri amici (nonche' rivali); nel corso della sessione odierna, ad esempio, il giocatore e' stato avvisato dell'abbattimento di un record sul giro da parte di un amico, con relativo invito di autolog stesso a cimentarsi subito in una succulenta rivincita.
E' venuto dunque il momento di estrarre dal garage una fiammante Porche 911 GT3 e scendere in pista su uno dei molti tracciati urbani che compongono il mondo aperto di Hot Pursuit.
Sin dalle prime sgommate il gameplay e' parso si' fedele al passato (dunque molto legato alla canonica corsa “guardie e ladri”) ma anche pesantemente influenzato dall'ottima mano di Criterion, che ha reso Hot Pursuit -come vedremo a breve- un perfetto mix tra gli storici Need For Speed ed il leggendario Burnout Takedown.
La guidabilita' risulta, in primo luogo, spiccatamente arcade con la possibilita' di effettuare spettacolari derapate ed appoggiarsi senza troppi problemi sia alle auto avversarie sia ai lunghi guard rail che costeggiano parte dei tracciati.
Il ritorno del traffico permette inoltre agli spericolati piloti di ottenere bonus tramite i quali riempire un'apposita barra, utile, nelle appropriate circostanze, per scatenare un potente turbo o una serie di feroci “attacchi” come il radar jam nei confronti della polizia.
Se molte delle situazioni ammirate quest'oggi erano gia' materiale pienamente assodato ce ne sono state diverse completamente inedite: nel corso della gara, infatti, le intrusioni degli agenti di polizia si sono susseguite in maniera sempre diversa, dal semplice speronamento al piazzamento di veri e propri blocchi stradali.
Tra un ostacolo e l'altro abbiamo potuto ammirare anche alcuni degli attacchi speciali che potranno mettere in campo le forze dell'ordine: si tratta, ad esempio, della possibilita' di piazzare una striscia chiodata sull'asfalto o chiamare in soccorso un elicottero, capace di seguire con maggiore efficacia la fuga del malvivente e gettare esso stesso le suddette strisce taglia-copertoni.
Nella modalita' mostrata, in ogni caso, non bastera' schivare il traffico ed evitare le incursioni della polizia in quanto sara' necessario posizionarsi primi tra tutti i concorrenti in gara (battendo il fantasma dell'avversario d'inizio paragrafo); concorrenti che potremo speronare per produrre quelli che risultano a tutti gli effetti i takedown declinati secondo il nuovo credo di Hot Pursuit.
La tipologia di gara qui descritta, chiaramente, va ad aggiungersi a tutte le altre che sono state gia' descritte.
Dal punto di vista tecnico il titolo mostra un impatto grafico decisamente importante, forte di un'ottima modellazione poligonale per quel che concerne le autovetture ed, in generale, per gli elementi che compongono i tracciati.
Sapiente anche l'implementazione dell'effettistica particellare e dell'illuminazione, che contribuiscono, specialmente nelle sezioni al rallenty, a donare al titolo un tocco di spettacolarita' in piu' che non guasta mai.
Un ulteriore boost alla vena cinematografica viene dal comparto audio, capace, grazie ad un'eccellente campionatura ambientale ed un particolare focus sulle basse tonalita', di coinvolgere il giocatore a trecentosessanta gradi.

Need for Speed: Hot Pursuit Need For Speed World ha confermato ancora una volta le buone impressioni delle prove precedenti, lasciando sempre piu' ben sperare sia i fan della serie sia quelli di Burnout che potrebbero veder realizzati i loro sogni questo Novembre, con una produzione in grado di mescolare l'adrenalina degli inseguimenti da strada al groviglio di lamiere dei takedown.