Anteprima Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold

Anche su console casalinghe il seguito del picchiaduro con i lottatori di Persona 3 e 4

anteprima Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Nella giornata in cui Atlus ha fatto tanto felici i fan di Persona annunciando il quinto capitolo in esclusiva Playstation 3, sono arrivati altri tre annunci che vedono la serie debuttare su Nintendo 3DS (Persona Q), darsi al ballo (Persona 4: Dancing All Night) e infine menare duro all'interno di un picchiaduro 1 contro 1.
Quest'ultimo assume il graffiante titolo di Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold, ma al contrario degli altri tre videogiochi il suo annuncio non è giunto inaspettato. Sia perchè qualche mese fa abbiamo potuto godere anche sulle nostre console europee del primo picchiaduro a firma Arc System Works (Guilty Gear, Blaz Blue) con i personaggi della serie Persona (Persona 4: Arena), sia perchè un seguito con nuovi personaggi e una nuova trama è già in location test da svariati mesi nelle sale giochi nipponiche e debutta proprio in questi giorni in tutto il Sol Levante.
Atlus si è limitata ad annunciarne una conversione per Playstation 3, la quale dovrebbe essere pronta per la prossima Estate sempre in Giappone. Viene da chiedersi perchè non ipotizzare una conversione anche su Xbox 360 come il predecessore oppure pensare ad un porting sulle console next gen. Magari più avanti...

Carta, penna e mosse di Wrestling

Persona 4: Arena non era un titolo destinato solo agli amanti dei picchiaduro, ma risultava indispensabile anche per i fan del JRPG Atlus. Tra un combattimento e l'altro, infatti, proseguivano gli eventi di Persona 4 per un ammontare di altre 40 ore.
Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold rincara la dose, aggiungendo altre sfaccettature narrative e linee di dialogo tra gli studenti della Yasogami High School, coinvolgendo pure i ragazzi di Persona 3 in un cross over ambiguo tanto quanto quello intravisto in Persona Q.
Pochissimi giorni dopo il torneo P-1 Grand Prix, l'emittente Mayonaka TV registra un'impennata di ascolti e non ci pensa due volte a replicare l'evento. Si ricontattano i vecchi lottatori, se ne coinvolgono di nuovi, e una manciata di giorni più tardi ecco alzarsi il sipario sul nuovo torneo di arti marziali: il P-1 Climax.
Trailer d'annuncio e opening sono volutamente criptici sulla trama del picchiaduro. L'immagine più scioccante è Mitsuru, il leader della Shadow Operatives, crocifisso in diretta televisiva: è il momento per unire le forze e dare inizio ad una collaborazione tra S.E.E.S. e Special Investigation Squad con l'obiettivo di risolvere il mistero che si cela dietro il lucroso torneo.

Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold, così come il predecessore, Street Fighter IV e The King of Fighters XIII, gira sulla scheda arcade Taito Type X-2. Inutile attendersi passi avanti sul fronte grafico rispetto alla precedente incarnazione picchiaduristica Atlus e Arc System Works.
D'altra parte ci aspettiamo una simile formula relativa al battle system, anche se il team di sviluppo promette qualche modifica al bilanciamento dei personaggi che dovrebbero variare in parte gli approcci dei giocatori a ciascun lottatore.
Le basi del sistema di combattimento vedono l'utilizzo di quattro tasti alla Tekken: due gestiscono gli attacchi del lottatore umano, mentre gli altri due quelli del Persona associato. Il gioco è slanciato maggiormente verso l'offesa: non solo è possibile colpire violentemente il nemico quando è in parata, ma le combo più semplici si effettuano premendo ripetutamente il medesimo tasto in sequenza. L'All-out-attack richiede una maggiore abilità in quanto prevede la pressione di un tasto associato al personaggio e poi la subitanea evocazione del proprio Persona: una questione di tempismo più che di smanettamento sullo stick, visto che di mezzelune ancora non se ne parla. Quest'ultime entrano per la prima volta nel discorso in occasione dell'esecuzione delle Special, legate ad una intuitiva barra nella parte bassa dello schermo.

Per quanto possa non sembrare, le novità ci sono eccome, soprattutto sul fronte personaggi giocabili. Junpei Iori è il fiore all'occhiello delle aggiunte al roster. Lo sportivo visto in origine in Persona 3 sguazza a proprio agio nelle arene bidimensionali non tanto per il cognome pericolosamente uguale a quello di un beniamino SNK, ma anche per via della mazza da baseball rossa che stringe saldamente tra le mani. Interessante il sistema di punteggio legato a doppio filo a una serie di bersagli che compaiono sullo schermo: se il colpo va a segno e l'avversario cozza contro tale bersaglio, Junpei marca un punto e la potenza dei suoi attacchi cresce vertiginosamente.
La sua Special è la Big Explosion! Turnaround Goodbye, che spedisce il povero tapino oltre l'atmosfera terrestre per poi atterrare dritto sul tabellone segnapunti.
Sho Minazuki è una new entry assoluta per la serie. Questo pel di carota è un tipo taciturno e solitario, apparso misteriosamente nella cittadina di Inaba assieme alla "nebbia rossa". Essendo un lottatore completamente nuovo Arc System Works lo ha scolpito con i tratti caratteristici dei propri Guilty Gear e Blaz Blue, ovvero lo stile di combattimento all'arma bianca: Sho impugna 2 spade, evolvendo difatti in maniera acrobatica il modo di combattere in entrambe le saghe.
In qualche immagine si intravede una rappresentazione più malconcia e dark di Sho: è possibile che tale volto nuovo abbia un ruolo cruciale nella trama, oscillando costantemente tra il bene e il male.
Sempre da Persona 3, ecco arrivare la combattiva Yukari Takeba nel suo completino rosa da supereroina dei Pink Argus. Arc System Works voleva a tutti i costi un personaggio letale dalla distanza, che rifiutasse il corpo a corpo per scoccare frecce potenti come saette. Yukari risponde a questa esigenza, anzi presenta una elevata facilità d'approccio tant'è che viene consigliata come personaggio con cui iniziare ad allenarsi per scalare il ranking online.

Persona 4 Arena Ultimax Persona 4: The Ultimax Ultra Suplex Hold è un picchiaduro molto peculiare che nasce dall'incontra tra lo stile esagerato e semplice da padroneggiare di Arc System Works, con le molteplici velleità narrative dei JRPG Atlus. La trama riveste un ruolo molto importante, dal momento che porta avanti le vicende di Persona 4 e le fa collimare con l'epilogo di Persona 3. Un cross over che speriamo vivamente risulti coerente e appetitoso in ogni suo aspetto! Il sistema di combattimento vedrà minimi accorgimenti volti a ribilanciare il roster di lottatori e preparare il terreno per 3 new entry come Junpei Iori e Yukari Takeba direttamente da Persona 3, più il nuovo personaggio debuttante assoluto Sho Minazuki, pel di carota, spadaccino, solitario e alquanto dark!

Che voto dai a: Persona 4 Arena Ultimax

Media Voto Utenti
Voti totali: 6
8.2
nd