GDC 2012

Anteprima PixelJunk 4Am

Una piccola perla inattesa

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

La serie Pixel Junk ha saputo trovare una propria, fruttuosa dimensione su Playstation Network, grazie a titoli immediati, minimalisti nello stile ma mai parchi di soddisfazioni per gli amanti di questo o quel genere particolare. Fossero racing game con visuale top-down, scrolling shooter o tower defence, i prodotti di questa eclettica saga videoludica hanno sempre avuto buona presa sul pubblico. Con 4 A.M. la serie esplora però panorami davvero insoliti. Il nuovo titolo non è infatti un videogioco vero e proprio, quanto un programma per la creazione di affascinanti performance musicali, che assume i tratti di un sequencer basilare controllato però con gli input motori di PlayStation Move. Al di là delle modalità che permettono di interagire con musica e suoni, è l'infrastruttura che sorregge la produzione a risultare moderatamente geniale e affascinante. Noi di Everyeye.it l'abbiamo scoperta assieme agli sviluppatori, nel corso di questa GDC ricca di piccole perle nascoste.

Musica in movimento

4 AM è un software per fare musica. All'interno del menù principale è possibile sostanzialmente selezionare uno dei molti "eventi" disponibili, che ci daranno accesso ad un set di sample musicali. Quello che il team si propone di offrire è un sistema di interazione sonora basato sul movimento, che sfrutti in maniera intuitiva il PlayStation Move. I quattro pulsanti della periferica servono sostanzialmente per selezionare le quattro differenti tracce che compongono un brano: abbiamo il basso, il motivo musicale principale, il sottofondo ritmico della batteria. Una volta selezionata la traccia possiamo scegliere quattro diversi riff da trascinare fisicamente all'interno del nostro brano: è sufficiente muovere il controller verso uno dei quattro angoli e poi spostarlo in diagonale verso il centro, come se "afferrassimo" uno dei sample per metterlo in mezzo alla nostra scena musicale.
Una volta scelta la traccia che fa per noi, tenendo schiacciato il tasto "Move" potremo ruotare e spostare il controller nello spazio: questo aggiungerà differenti effetti alla traccia per distorcerla o variare il ritmo di base, oppure per attutirne il suono o incrementare il riverbero. Starà alla nostra curiosità trovare le combinazioni che più ci piacciono, magari cambiando in corsa questo o quel riff per avere un impasto musicale in costante evoluzione.
E' anche possibile però entrare nel vivo della performance: ognuna delle quattro tracce di cui sopra possiede altrettanti effetti campionati che si possono ascoltare con un colpo secco del controller. Inoltre, tenendo premuto il trigger dorsale si entrerà in modalità registrazione: tutte le sequenze di suoni che produrremo potranno dunque essere mandate in Loop.
Attivare o disattivare le tracce è facile quanto premere un bottone, mentre per "isolarne" una in particolare, lasciandola unica protagonista del nostro "live" basta una pressione ripetuta.
Per amor di varietà ogni "evento" ha tuttavia diversi preset: schiacciando "start" si può cambiare preset, mantenendo però il sottofondo appena creato. Ogni ulteriore modifica al substrato sonoro sarà automaticamente eseguita dal software in maniera fluida e naturale, mentre la nostra performance continuerà a mutare costantemente.
Esemplare ci è parsa al momento la selezione di effetti e sonorità. Si va dalla Lounge Music più rilassante alle atmosfere elettroniche della dance meno commerciale. Ed è sicuramente intrigante anche lo stile visivo utilizzato, che ad ogni tracci associa un effetto che modifica l'impasto astratto di forme e colori visualizzato su schermo.
Ma quello che più ci ha colpiti è senza ombra di dubbio l'idea alla base del progetto. Mentre faremo musica con 4AM, saremo di fatto proiettati sul Web, e ogni singolo utente PSN potrà visualizzare in diretta la nostra performance. Tutti gli utenti Ps3 potranno scaricare gratuitamente una versione di 4Am che permetterà di ascoltare i "live" degli utenti che avranno acquistato l'edizione completa. Lo stesso "title screen" sarà una fonte inesauribile di suggerimenti, presentando una selezione casuale degli utenti che staranno in quel momento esplorando le possibilità musicali di 4AM.
Se dovessimo avere successo come dj virtuali, ricevendo l'approvazione del pubblico sotto forma di "Kudos", potremmo anche diventare famosi, e animare indirettamente le serate di tanti altri giocatori.
Un'opzione per postare su Facebook o Twitter le date delle proprie performance permetterà di sponsorizzale i nostri Live Set.
Capite insomma che l'idea alla base di 4AM è semplicemente unica: proporre un software per condividere in qualsiasi momento la propria passione per la musica, esplorando senza troppe complicazione le possibilità legate ad uno spazio sonoro in cui è possibile muoversi grazie al PlayStation Move.
Ci sono aspetti che potrebbero senza ombra di dubbio essere più approfonditi: non sarà possibile importare i propri effetti sonori, personalizzare gli eventi mescolando i preset come preferiamo. Così come non troveremo "eventi speciali", disponibili in certi periodi dell'anno: tutte attività che avrebbero senza ombra di dubbio arricchito la produzione. Ma il tempo per ampliare 4Am, ci dicono gli sviluppatori, arriverà nel caso in cui il titolo abbia successo. Noi di Everyeye.it saremo fra quelli che sosterranno attivamente questo prodotto, nella speranza che possiate unirvi a noi, almeno per ascoltare quello che il popolo videoludico ha da farvi sentire.

PixelJunk 4Am 4AM è un titolo molto particolare. Non è un videogioco, ma un software musicale che permette di interagire con suoni e sequenze, muovendosi a tempo di musica ed esplorando combinazioni e suggestioni acustiche. Il fatto che si tratti anche di uno strumento per condividere le proprie “creazioni”, potenzialmente con tutta la community di utenti Ps3 (dal momento che la versione per “spettatori” sarà completamente gratuita), rende questo progetto massimamente interessante, e non vediamo l'ora di trovare qualche provetto Dj che sappia animare le nostre serate.