Anteprima Planetside 2

Torna l'MMOFPS di Sony Online, il titolo più prossimo alla guerra totale

anteprima Planetside 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Il grande problema degli MMO

Nel marasma di MMO esistenti, abbandonati da tempo o in via di sviluppo, pochi sono in realtà capaci di attirare le attenzioni di un numero considerevole di videoplayer. Ciò che risulta ancor più difficile è offrirgli ripetute motivazioni per restare fedeli al prodotto e continuare a giocare per mesi e mesi. Se quel mostro dittatoriale che risponde al nome di World Of Warcraft non sembra affatto conoscere problemi di questo genere, decine di titoli simili si scervellano tutt'ora per ottenere la formula perfetta per spodestarlo dal trono o, quantomeno, per cercare una bolla d'aria sufficientemente ampia da garantirsi la sopravvivenza.
Se Blizzard dorme un sonno tranquillo, solo Sony sembra realmente capace di tenergli testa, grazie all'esperienza maturata attraverso un nutrito numero di MMO, molti dei quali di successo. Tra questi spicca il nome di Planetside, lanciato nell'ormai lontano 2003. Nato inizialmente come un semplice up-grade grafico da scaricare gratuitamente, il suo diretto seguito sembra sufficientemente equipaggiato per catalizzare l'attenzione di migliaia di videogiocatori in cerca di qualcosa di nuovo.

Un pianeta gigantesco, centinaia di giocatori

Planetside 2 oscilla in modo assolutamente equilibrato tra il mantenimento delle caratteristiche che hanno decretato il successo dell'originale e il necessario rinnovamento e potenziamento di alcune meccaniche.
Del predecessore il nuovo episodio eredita l'impostazione generale e l'ambientazione. In un futuro fantascientifico tre fazioni si contendono il controllo del pianeta Auraxis. La Terran Republic rappresenta la classica società militaristica tutta regole e intransigenza. La New Conglomerate impersona il solito manipolo di ribelli mal equipaggiati ma assolutamente determinati e pronti a sfruttare a fondo tutta la loro astuzia. La Vanu Sovereignty, invece, si basa interamente su una misteriosa tecnologia aliena.
Dopo aver scelto la vostra fazione di riferimento vi ritroverete alle prese con un FPS arricchito da numerosi elementi RPG, dove il campo di battaglia è rappresentato dal gigantesco pianeta di cui sopra.
Due le cose che risalteranno immediatamente: la dimensione dell'ambientazione e la quantità di giocatori che contemporaneamente si ritroveranno a darsi battaglia nei vari territori.
L'obbiettivo principale, infatti, sarà uno solo: controllare più zone possibile in cui il pianeta è diviso. Ciò sarà possibile conquistando una particolare struttura, che andrà poi presidiata e difesa dagli attacchi nemici. Al di là di una linea d'orizzonte spesso e volentieri lontanissima, Planetside 2 permetterà a centinaia di giocatori di combattere contemporaneamente nella stessa zona, senza alcuna limitazione evidente.
Una delle prime innovazioni, se così possiamo definirla, consiste proprio in questo. Il motore che sorregge il titolo è il potentissimo Forge Light, che verrà utilizzato anche nel prossimo Everquest Next. Questo, al di là di una grafica di prim'ordine, promette due cose in particolare. Innanzitutto, grazie all'utilizzo del PhysX Engine, una gestione estremamente spettacolare e realistica della fisica. Le ambientazioni saranno infatti piene di elementi interattivi che potranno essere scaraventati, fatti esplodere e così via. La seconda promessa che dovrà mantenere il Forge Light consiste nell'assoluta assenza del così detto instancing. In ambito MMO, con questo termine si definisce lo smistamento dei videogiocatori in diversi server in modo che, pur trovandosi nella stessa zona, solo un certo quantitativo di videogiocatori possono incontrarsi effettivamente. In altri termini è come se il gioco creasse tanti mondi paralleli quanti sono i gruppi di videogiocatori da smistare. Questa tecnica è ovviamente utilizzata per impedire un overflow di giocatori che possano compromettere l'esperienza o la stabilità del motore grafico. In Planetside 2 ciò non dovrebbe accadere. Naturalmente Sony ha escogitato un paio di trucchi per evitare che effettivamente migliaia di videogiocatori si trovino tutti nello stesso punto. Il primo è anche quello più naturale e ovvio: per quanto le ambientazioni possano essere sconfinate a un certo punto non ci sarà più spazio per giocare tutti nella stessa area, soprattutto quando magari la battaglia si sposterà all'interno di una struttura. Secondariamente i giocatori saranno continuamente stimolati a raggiungere nuove aree da nuovi obbiettivi e altre zone sotto attacco.

Tante abilità quanti sono i videogiocatori

Naturalmente le notizie su Planetside 2 non finiscono qui.
Tanto per cominciare la gestione del proprio personaggio è stata ulteriormente ampliata e potenziata. Sebbene manchino ancora parecchi dettagli in merito è già certo che tra una morte e l'altra sarà possibile cambiare classe di riferimento. Tra fucilieri, medici, ingegneri e quant'altro, ciascun videogiocatore sarà stimolato a vestire i panni che ritiene più indicati in base al proprio stile di combattimento e alle necessità della missione che sta svolgendo. Inoltre, a livello più generale, saranno presenti giganteschi alberi delle abilità. Anche in questo caso nessuna informazione precisa, se non che offriranno ampie possibilità di scelta. Al di là di tecniche attivabili in momenti specifici, alcune di queste vi regaleranno più di un bonus passivo, i quali effetti perdureranno nel tempo anche quando resterete offline. L'intento è facilmente indovinabile: dal momento che non tutti possono contare su molto tempo libero da investire giocando a Planetside 2, grazie a queste skills verrà data possibilità anche a questi videogiocatori di non essere troppo svantaggiati nei confronti di chi, al contrario, resterà a lungo collegato con i server di Sony.
Ai livelli superiori poi, ci saranno persino abilità capaci di variare sensibilmente il gameplay. Il colosso giapponese, al momento, si è sbilanciata facendoci un unico esempio: alcuni videogiocatori particolarmente potenti saranno in grado di creare autonomamente delle missioni da impartire a diversi gruppi di soldati.
Anche i veicoli, che saranno inizialmente quindici, e le armi, venti in totale, godranno di specifici skill tree che vi renderanno più o meno abili nell'utilizzo dell'uno o dell'altro.
Esiste poi un'altra feature estremamente intrigante. In pratica ogni zona controllata non solo infonderà specifici bonus alla fazione e, in particolar modo, ai giocatori che la presidiano, ma elargirà anche delle risorse. Queste possono essere spese per potenziare le armi, creare veicoli e costruire strutture difensive. Al di là delle caratteristiche RPG insomma, Planetside 2 godrà anche di questa piccola influenza da strategico-gestionale.
Prima di concludere altre due piccole informazioni. La prima riguarda un possibile sviluppo anche per PS3. Nel caso in cui questa eventualità diventasse realtà, sarebbe anche facilmente ipotizzabile un crossover tra PC e console casalinga.
L'altra news riguarda invece l'intenzione degli sviluppatori di coinvolgere attivamente gli utenti nel successivo processo di affinamento e potenziamento post-lancio. Ogni nuova feature verrà infatti prima testata su un gruppo ristretto di giocatori, migliorata sfruttando i loro feedback e poi ufficialmente introdotta.

PlanetSide 2 Planetside 2 si prospetta come un grande seguito di un buon MMO. La sua base da FPS potenziata da elementi RPG e strategici, unita a un motore grafico capace di gestire centinaia di giocatori che se la danno di santa ragione, promettono di fare la felicità di tutti coloro che hanno apprezzato il capitolo originale e di chi è alla ricerca di un enorme sparatutto da giocare online. Purtroppo manca ancora una data di pubblicazione, ma non appena avremo modo di sapere qualcosa di nuovo non tarderemo ad aggiornarvi.