Hearthstone Oggi alle ore 18:00

Seguiamo in diretta la finale del Winter Championship!

Anteprima Pokemon Heart Gold / Soul Silver

Due dei migliori titoli Pokemon ritornano con i vantaggi della nuova generazione

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Correva l'anno 2000. Dopo il successo mondiale ottenuto con l'esperimento di Pokemon Verde, Blu e Rosso, Nintendo era pronta a bissare l'ottimo risultato introducendo due nuovi titoli, una nuova generazione di mostri e diverse novità nell'universo dei mostri tascabili: nacquero Pokemon Oro e Argento. Benché a questi due titoli ne susseguirono altri di miglior fattura sia da un punto di vista tecnico che stilistico, per maggior parte dei giocatori Oro e Argento sono rimasti come i migliori titoli della serie, grazie ad un plot narrativo ricco e suggestivo, con l'introduzione per la prima volta di Pokemon leggendari legati al filo narrativo e la possibilità di esplorare non solo la nuova regione di Jhoto, ma di poter tornare a ripercorrere le strade di Kanto dei primi episodi.
Come da tradizione ormai, dopo che con Platino si è conclusa la quarta generazione, è tempo di rispolverare le vecchie glorie del passato, e contestualizzarle agli standard odierni. Dopo Pokemon Verde Foglia e Rosso Fuoco, rispettivamente i remake di Rosso e Verde, è giunto il momento anche per Oro e Argento di subire un corposo restyling. Vengono così trasformati in Pokemon Heart Gold e Soul Silver, in arrivo a Marzo per Nintendo DS. La magia sarà rimasta intatta?

Un cuore d'oro e un'anima d'argento

Considerando la storyline ormai marchiata nella mente di ogni giocatore - esplora la regione, allena i tuoi pokemon, sconfiggi i capo palestra, e acchiappali tutti! - possiamo soffermarci maggiormente sulle novità introdotte in questi remake per Nintendo DS, che sembrano essere significativamente numerose. La console è sfruttata al meglio delle sue caratteristiche. L'interazione con il touch screen, già vista in precedenza, con la possibilità di utilizzare controlli ibridi durante le fasi di scontro, in questi due episodi viene ulteriormente approfondita. Sia il Pokedex che il PC in cui potremo depositare i nostri Pokemon sono stati ridisegnati per poterli utilizzare intuitivamente con il pennino sullo schermo. Potremo così sfogliare la nostra raccolta di mostri oppure trasferire e organizzare la nostra squadra con semplici tocchi sullo schermo. Anche nelle fasi esplorative il touch si rivelerà un'ottima scorciatoia per utilizzare strumenti come la bicicletta o la canna da pesca, grazie a pulsanti chiave disposti sullo schermo inferiore.
Un'altra novità, ma in effetti non è inedita nella serie, è la possibilità di esplorare le due regioni con accanto un Pokemon, che ci seguirà nel nosto cammino. Così come accadeva quindi in Pokemon Giallo con Picachu, con Gold e Silver potremo viaggiare con qualsiasi Pokemon vorremo, disponendolo semplicemente come capolista della nostra squadra.
La varietà di Pokemon catturabili in questi due episodi è quantomeno la più completa vista fin ora. Oltre ai pokemon nativi delle due regioni presenti nel titolo, Kanto e Jhoto, sarà possibile catturare, dopo il completamento della storia principale, la maggior parte della vastissima fauna Pokemon introdotta fino ad oggi. Sarà addirittura possibile ottenere, oltre agli starter classici dei due titoli - Chicorita, Cindaquil e Totodile - anche quelli della prima generazione e quelli della regione di Hoen. Nintendo ha poi provveduto, soprattutto verso coloro i quali possiedono un Nintendo DSi, e quindi sprovvisti di uno slot GBA per poter trasferire i propri pokemon dai titoli per Gameboy Advance, ad inserire una serie di Pokemon Leggendari all'interno delle schede di gioco. Kyogre e Groudon, Rayquaza, Latias e Latios faranno la loro comparsa nel titolo, dando la possibilità al giocatore di ottenerli senza troppi salti mortali. Non mancherà comunque l'ottima funzione del Pokepark per coloro i quali giocheranno i due titoli su un Nintendo DS o DS Lite. Il resto della collezione sarà come di consuetudine ottenibile grazie agli scambi dei mostri tra i giocatori possessori di una qualsiasi copia di Pokemon per Nintendo DS, sia via Wireless che con la Nintendo Wi-Fi Connection. Ovviamente poi non verranno a mancare le occasioni per ottenere Pokemon esclusivi, nelle stesse modalità già viste in Perla, Diamante e Platino: eventi tramite codici e Wifi Connection sbloccheranno aree e accadimenti segreti in cui Pokemon esclusivi saranno pronti ad essere catturati.
Tra i contenuti extra che il titolo offre, oltre alle classiche battaglie singole o a coppia, c'è da notificare la presenza di un nuova raccolta di minigiochi, chiamata Pokétlon, che con 10 diversi eventi ci permetterà di allontanarci ogni tanto dalla giornata-tipo di un allenatore Pokémon.
Sotto il profilo tecnico il lavoro di remake trasporta la grafica a 8 bit delle versioni originali agli standard odierni, utilizzando lo stesso motore grafico visto nell'ultima generazione, che mixa perfettamente elementi 2D con un ambiente circostante in tre dimensioni. La nuova veste grafica non fa altro che esaltare le suggestive ambientazioni presenti, come la foresta autunnale vicino alla torre di Latta, o le spiagge nelle vicinanze delle Isole Vorticose. Nel comparto audio invece, ad affiancare i nuovi arrangiamenti della colonna sonora, ci sarà la possibilità (per i nostalgici) di ascoltare i brani originali a 8 bit, potendo intercambiare le due soundtrack tramite l'uso di uno strumento.

Il PokeWalker

Una novità assoluta dei due titoli e dell'intera serie è l'aggiunta nella confezione di gioco, sia che si tratti di Heart Gold che di Soul Silver, di un contapassi, il PokeWalker, che si potrà utilizzare collegandolo via Wireless alla scheda di gioco, così come si è visto in Walk With Me, altro titolo per Nintendo DS. Il contapassi però non servirà in questo caso a valutare la nostra attività fisica, ma verrà integrato all'interno del gioco utilizzando diversi espedienti. Potremo infatti trasferire all'interno del PokeWalker un Pokemon catturato nel gioco. Il Pokemon godrà degli effetti dei nostri movimenti quotidiani ottenendo dei punti "Watt", che possono essere utilizzati in differenti modi. Alcuni minigiochi contenuti nel PokeWalker ci permetteranno di spendere i punti Watt per guadagnare degli oggetti o incontrare altri Pokemon. Gli oggetti e i Pokemon potranno essere trasmessi alla scheda di gioco, oppure essere scambiati con un altro giocatore dotato di PokeWalker. Il Pokemon contenuto nella periferica però otterrà anche dei preziosi punti esperienza grazie ai nostri passi, e una volta ritrasferito sulla console, potrà ottenerli e raggiungere nuovi livelli di esperienza.Questa features potrebbe essere interessante da un lato, ma potrebbe anche rivelarsi inutile soprattutto per i giocatori più esigenti che stanno molto attenti alle complesse statistiche per ottenere i Pokemon più forti da sfoggiare in battaglia.
Una periferica decisamente particolare, fondamentalmente non così elaborata, ma capace di offrire simpatici spunti di gioco alternativi, senza disturbare troppo il nucleo principale del gameplay.

Pokemon Heart Gold / Soul Silver Pokemon Heart Gold e Soul Silver hanno la peculiare caratteristica di lavorare sinergicamente su due fronti: da una parte riescono a catalizzare l'attenzione dei giocatori che hanno assaporato la magia dei titoli originali e che sperano quindi di riviverla su Nintendo DS; dall'altra i due remake sanno bene come accattivarsi i giocatori più recenti, grazie all'aggiunta di numerose caratteristiche avanzate introdotte nell'ultima generazione della serie. Il risultato finale potrebbe essere così ben riuscito da poter candidare tranquillamente questi due episodi come i migliori presenti nella vasta collana dei titoli Pokèmon.