Anteprima Pokemon Nero e Bianco 2

Ritornano i Pokémon nell'Estate giapponese!

anteprima Pokemon Nero e Bianco 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Pokémon Nero e Bianco 2 non è stato certo accolto in maniera pacata e silenziosa: ancora su DS? Un seguito? Non ne possiamo più di questi mostriciattoli! Per citare le reazioni che sono andate per la maggiore all'inaspettato annuncio di inizio anno.
Noi ci dissociamo. Al bando chi dice che i Pokémon son sempre uguali, che il chara design dei tre starter peggiora sempre di più, che graficamente sono primitivi. Nossignore le novità a questo giro ci sono, anche se non così radicali come vorremmo.
Primo: quel 2 nel titolo è sicuramente una novità. Ad ogni nuovo capitolo Game Freak se ne usciva con due nuove colorazioni, un centinaio di inediti mostriciattoli, una regione tutta nuova da esplorare, mentre per la prima volta ci troviamo di fronte al seguito ufficiale di Bianco e Nero, portando a tre le generazioni poké sul due schermi contro la sola per ciascun tipo di Game Boy! Si è dibattuto molto in merito a questa decisione, specie perchè in passato per ogni capitolo originale un paio di anni più tardi compariva sempre una versione rimaneggiata, vedi la versione Gialla, Cristallo, Smeraldo, Platino; chi ormai era certo di una versione Grigio topo si è dovuto ricredere, dato che il team di sviluppo aveva avuto un sacco di idee inerenti la connessione tra due versioni impossibili da implementare in una cartuccia singola. Se questo stravolgimento della tradizione sia un bene o un male, sta a voi scoprirlo leggendo i paragrafi successivi!
Secondo: Nintendo DS anzichè 3DS. Siamo ben oltre il periodo di transizione concesso da Nintendo ai suoi fan e il due schermi stereoscopico ha ormai ben ingranato, eppure Pokèmon Nero e Bianco 2 arriverà sull'hardware vetusto. Game Freak parla del desiderio di accontentare i giocatori di Pokémon Bianco e Nero, ma in cuor nostro crediamo che Nintendo abbia perso un'occasione per attirare nuovi giocatori verso la sua attuale console portatile! Cosa si trovano tra le mani da qualche giorno (23 Giugno) gli allenatori dagli occhi a mandorla? E cosa si troveranno i loro colleghi (rivali?) occidentali il prossimo Autunno?

Pescando da Final Fantasy

Alcune foglie si lasciano sospingere dal vento e si depositano proprio dinnanzi all'uscio della casa del giocatore. I primi momenti di gioco alla Forrest Gump sono l'unico vezzo inedito concesso ad una formula che si dimostra tradizionale sin dai primi passi. Bussiamo alla casa del nostro vicino/futuro rivale e assieme a lui ci rechiamo nella casa del professore per scegliere il nostro primo Pokémon: il giocatore può scegliere se impersonare una ragazza (in tal caso si ritroverà con due chignon alla principessa Leila) o un ragazzo (sembra un discendente del ninja con la pipa Goemon). Il luminare si chiama Akuroma (almeno nella versione giapponese, da noi chissà...) e sta compiendo diversi esperimenti sulla forza dei mostriciattoli tascabili. La città natale è Aspertia, situata nel sud della regione di Unova (la stessa di Pokémon Biaco e Nero, solo due anni più tardi): si tratta di un'area esclusa dalle avventure del prequel, quindi l'inizio sarà senz'altro portatore di inediti paesaggi, mentre le altre aree già esplorate in precedenza subiranno sostanziali mutamenti. Ci troviamo almeno in apparenza di fronte a un'operazione modellata sullo stile di Final Fantasy XIII-2! Aspertia è leggermente più moderna e popolata rispetto alle classiche città di partenza delle avventure poké: c'è un Pokémon Center (questo vuol dire che torneremo a far visita a nostra madre con minor frequenza...), una scuola per allenatori (gestita dalla vecchia conoscenza Cheren, un laboratorio costruito sul promontorio che sovrasta la foresta tutt'attorno. Dei tre starter sappiamo praticamente ogni cosa dato che sono i medesimi incontrati in Pokémon Bianco e Nero: Snivy per il tipo d'erba, Tepig per il tipo fuoco e Oshawott per il tipo acqua.


Dopo il reboot del precedente capitolo il Pokédex nazionale tornerà ad aggiornarsi ed arricchirsi incrementando il numero di Pokémon scorrazzanti per Unova a ben 300, qualche nuovo volto e molti ritorni dai precedenti episodi (occhio alle esclusive di ciascuna versione!). Viene un po' meno l'intento rinnovatore dei passati episodi, dal momento che città e ambienti appaiono assai meno elaborati dal punto di vista poligonale: paliamo naturalmente delle nuove aree (Aspertia, Sangi e Tachiwaki), dato che le restanti saranno rivisitazioni delle vecchie. In realtà i primi momenti di gioco ci fanno conoscere una parte rurale e pressochè incontaminata di Unova, ben distante dai complessi portuali e affaristici saggiati nel prequel, ampliando a dovere alcune caratteristiche.
Come di consueto le prime due città sono luoghi dove apprendere il mestiere, mentre è dalla terza che si inizia a fare sul serio. Tachiwaki city non fa eccezione dato che qui ci misureremo con il primo capopalestra (la metallara Roxie, un'esperta del tipo veleno/elettro) e con il primo gruppetto di aderenti al Team Plasma. In due anni, però, di acqua sotto i ponti ne è passata: sebbene i "cattivi" abbiano ancora come obiettivo la conquista del mondo, stavolta troveremo un Team Plasma scisso in due fazioni che procedono a suon di sgambetti reciproci per raggiungere il medesimo obiettivo.
Lancio giapponese

Il popolo giapponese sembra non poter fare a meno dei Pokémon. Le due nuove versioni sono state lanciate Sabato 23, day one eccezionalmente di Sabato per affrontare e contenere l'euforia dilagante che accompagna ogni nuovo episodio del franchise. Sono stati 1.16 milioni i pre-ordini effettuati prima del day one, ma il numero dovrebbe essere almeno il doppio se non il triplo di venduti nei primi giorni d'uscita. L'obiettivo che si è prefissa Nintendo è battere il precedente record di 14.7 milioni venduti da Pokémon Nero e Bianco sino al Marzo scorso.
A Tokyo e in tutto il Giappone si sono tenuti eventi pubblici per celebrare il lancio, mentre sulle emittenti nipponiche è già iniziata la trasmissione di nuovi episodi della serie animata.

Uno contro tutti

Pokémon Nero e Bianco 2 sembra proprio che non si concentreranno sull'aspetto collezionabile dei Pokémon (quindi il completare il Pokédex Nazionale), bensì sulla lotta e i combattimenti. Sono esigui i cambiamenti apportati negli scontri a turni sia sotto l'aspetto strategico che quello meramente visivo; di contro non sono poche le novità apportate in fatto di match contro la CPU o contro avversti umani. Si tratta di una buona notizia dato che dopo gli innumerevoli esperimenti effettuati nell'arco generazionale dovremmo trovarci dinnanzi ad un'infrastruttura online ricca di modalità e minuziosa nel matchmaking. Join Avenue è un centro commerciale a misura di giocatore: non appena si connetterà in locale o via wi-fi si troverà a percorrere una via dello shopping in cui altri giocatori esibiscono gli oggetti rari che intendono scambiare, bacche, MT eccetera. Nelle Fes Mission, invece, si affronteranno missioni a tema in maniera non dissimile dalle Entralink del prequel, salvo che in quest'occasione il numero massimo di partecipanti cresce fino all'altisonante cifra di 100!
E' stata potenziata anche la Torre Lotta che diventa Pokèmon Tournament, un edificio gestito dalla campionessa di Sinnoh Cynthia. Sulla sinistra dell'atrio d'ingresso si trovano le sequenze di lotta per mostri a livello 25, 50 e random; sulla destra, invece, sfidiamo in rassegna e secondo le più svariate combinazioni (2 contro 2, 3 contro 3, a rotazione) i capipalestra di Unova e di tutte le altre regioni da Kanto a Sinnoh, Campioni inclusi.

Pokemon Nero e Bianco 2 In quest'anteprima abbiamo soltanto grattato la superficie dei prossimi episodi Pokémon, i primi con un suffisso numerico a corredo. Per semplificarsi il lavoro Game Freak ha rispolverato la passata regione di Unova, aggiungendo qualche cambiamento strutturale e scrivendo una nuova trama. Il gioco prenderà avvio dalla inedita città di Aspertia, borgo rurale a Sud Est, per poi ritornare nelle metropoli portuali dominate da luci al neon e grattacieli già saggiate nel prequel. A fronte di marginali cambiamenti al gameplay la formula tende a rinnovarsi sopratutto nella componente online e nell'offerta di scontri contro CPU e avversari umani. Pokémon Nero e Bianco 2 non compiono significativi balzi in avanti nella serie, ma puntano piuttosto ad espandere il reboot dell'anno scorso e tirare le fila di quello che sono stati i pocket monster su Nintendo DS. Speriamo di mettere le mani su una versione giocabile nei prossimi mesi in vista dell'uscita europea fissata per il prossimo Autunno.