Q&A: Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo in diretta alle vostre domande e curiosità!

Anteprima Quantum Break

La nuova IP dai creatori di Alan Wake e Max Payne

anteprima Quantum Break
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • Xbox One
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Dopo lungo rumoreggiare Microsoft ha presentato la sua prossima console direttamente nel quartier generale di Redmond. Don Mattrick, Presidente della divisione Entertainment, ha toccato un po' tutti i punti della strategia di Xbox One: il design della console, il suo controller, la massiccia integrazione con Kinect e poi servizi, servizi, servizi. Skype, ESPN, Smartglass, Windows, le nuove funzionalità Cloud di Xbox Live.
Non manca niente, vero? Beh, insomma. Si è parlato poco dei videogiochi: si sono annunciate partnership, DLC esclusivi, franchise mai visti, motori grafici e titoli. Si è dato il crisma dell'ufficialità a qualcosa che potevamo comunque presagire. Niente live demo? Proprio così. Per quelle dovete tener duro ancora per una ventina di giorni: E3 2013, 10 Giugno.
Oltre a Call of Duty: Ghosts, di cui avevamo visto già qualcosa a Santa Monica qualche giorno or sono, si è mostrato con alcuni frammenti in-game Quantum Break, il prossimo videogioco di Remedy (Max Payne, Alan Wake). Sicuramente in quel di Los Angeles assisteremo ad una presentazione in pompa magna del prossimo titolo dei ragazzi finlandesi, ma dal suggestivo filmato live-action/CG possiamo ugualmente estrapolare qualche informazione sul titolo.

Il tempo è il fuoco nel quale bruciamo

Il trailer di Quantum Break inizia con un quartetto di attori in carne ed ossa. L'ambientazione è un tipico quartiere residenziale americano, case dall'architettura semplice, tetti in legno e atmosfera rilassata. Sembra un posto idilliaco in cui crescere, eppure una bambina dai grandi occhi cerulei, il suo orsacchiotto di peluche, la sua mamma e il suo papà sono sul procinto di traslocare. Gli ultimi bagagli stanno per essere caricati sull'auto dai solerti genitori, mentre la fanciulla si sofferma a salutare per l'ultima volta una donna sulla quarantina con la quale sembra avere un rapporto alquanto schietto. Presumibilmente è una vicina di casa.
Lo scambio di battute tra le due è criptico. "Credi che sia più sicuro se ce ne andiamo?" chiede dubbiosa la più piccola, ricevendo in risposta una rassicurante informazione. Quindi il padre esorta la bambina a salire in auto, ma la donna le chiede un ultima cosa, sempre mantenendo un atteggiamento da sorella maggiore, un'ultima curiosità: "Cosa ti rende così speciale?"
La timida manina si avvicina tremolante all'orecchio sinistro e...il trailer vira improvvisamente verso una scena in Computer Grafica. Qui una nave mercantile cargo è forzatamente condotta allo schianto contro un ponte in ferro: l'imbarcazione stava probabilmente avviando le procedure di ingresso in porto e successivo attracco, la sua velocità era stata ridotta in attesa che la capitaneria di porto bloccasse il traffico automobilistico sul ponte e alzasse la componente mobile all'ingresso dello scalo portuale. Tuttavia, nel trailer si vede nitidamente come la sua navigazione sia stata accelerata, come se qualcuno avesse agito sul continuum temporale provocando lo scontro. Il cozzo tra la prua e l'arcata centrale è violento e fragoroso, decine di automobili, SUV e autobus sono investiti dallo schianto e sbalzati molti metri più in là. Difficile che qualcuno sia sopravvissuto; in pochissimi secondi il massiccio ponte di ferro è squarciato come se fosse una molla in tensione, pezzi di asfalto e di carrozzeria piombano nel mare.

Quale sia il legame tra la vicenda personale della ragazzina e l'incidente avvenuto al porto non è molto difficile da spiegare. La prima possiede innati alcuni poteri soprannaturali, che le consentono di manipolare il tempo, accelerare il movimento di determinati oggetti (anche di generose dimensioni) e probabilmente anche di rallentarlo. Il paragone con il Bullet Time dei primi due Max Payne appare fuorviante: a quanto pare in Quantum Break la manipolazione del tempo sarà possibile non sull'intera area di gioco, ma su specifici oggetti. Pertanto ci aspettiamo la presenza di una meccanica appositamente studiata per taggare gli oggetti dello scenario e interagirvi.
Ma gli interrogativi non si esauriscono certo qua. La bambina e la sua famiglia sembrano traslocare contro voglia: probabilmente si trovavano bene in quel quartiere, ma fattori esterni li hanno indotti a fare i bagagli. Addirittura i genitori quasi non si curano di salutare adeguatamente la vicina di casa.
Il perchè di tanta mestizia può essere dovuto a due cause:  I poteri soprannaturali della fanciulla: la ragazzina è senza ombra di dubbio dotata di abilità fuori dal comune, che la rendono a suo modo "speciale". Data la giovane età è altamente probabile che non sia in grado di controllarli, che faccia senza accorgersi dei pasticci. Di questi "incidenti domestici" si deve essere accorto anche il vicinato, il quale forse ha intimato alla famigliola di andarsene perchè non più graditi.
L'unica ad aver preso a cuore i sentimenti della bambina è stata la vicina di casa, che forse per via della sua professione (a naso ci sembra una scienziata o comunque una poliziotta specializzata nel paranormale) decide di aiutarla e sostenerla nella difficile situazione. I suoi sforzi sono stati vani e da qui il trasloco forzato. Vi sono molti altri individui dotati di poteri soprannaturali: non vi è nessuna prova concreta che sia stata proprio la bambina a causare l'incidente della nave nel momento in cui avvicina la mano all'orecchio della donna. Il faccino candido della piccola, l'atteggiamento curioso ma non terrorizzato della donna, il fatto che la bambina poi vada via tranquillamente con i genitori, ci lascia pensare che Microsoft abbia montato immediatamente dopo la sequenza in CG per mostrare il concept del gioco, ma non per legarlo narrativamente alla scena live action.
Se la bambina non è stata, allora chi ha accelerato il movimento dell'imbarcazione e l'ha condotta imperterrita contro il ponte? Ci viene da pensare che esistano altri esseri umani dotati del potere di manipolare il tempo e che si servano di tali facoltà per creare scompiglio nelle metropoli del pianeta. Attentati terroristici mediaticamente impressionanti, messi a punto da un'entità malvagia che vuole sistematicamente terrorizzare il mondo.
Proprio come nell'universo fumettistico degli X-Men, i mutanti nascono con i poteri e imparano via via a convivere con essi. Alcuni li impiegano per fare del bene, ma altri hanno diabolici propositi e mettono a punto omicidi o clamorosi attentati. Da qui il clima di sospetto anche su coloro che cercano di addomesticare i propri poteri e condurre un'esistenza normale: proprio come la bambina nel trailer di Quantum Break.

Poliziotti e X-Men?

Le ispirazioni del prossimo videogioco Remedy sono innumerevoli. Il cielo grigio e la dinamica dell'incidente rimandano al free-roaming Watchdogs, mentre l'elemento soprannaturale richiama Beyond: Due Anime. Si noti, due videogiochi non ancora usciti sul mercato, il che dona freschezza e novità all'idea avuta dalla software house finalandese.
La setta di super-cattivi intenzionata a dominare il mondo è, invece, un clichè strabusato nell'industria dei videogiochi: ci piacerebbe che la sceneggiatura presentasse la cricca di villain in maniera meno caricaturale del solito, sviscerando le loro concrete ambizioni poggiate su una ideologia verosimile (qui pensiamo sopratutto ad InFamous: Second Son).
Atmosfera a parte è difficile avanzare ipotesi sul gameplay di Quantum Break dal trailer rilasciato. I secondi conclusivi mostrano un uomo adulto, capelli castani, con indosso un giubbotto anti-proiettile e una pistola inserita nella fondina lungo la coscia destra. Costui irrompe con un poderoso balzo all'interno di un edificio (a giudicare dagli scaffali traboccanti di libri sembra essere una biblioteca), nel quale precedente è stato appiccato un incendio; arresta il tempo e blocca i movimenti di una guardia con passamontagna (a sostegno delle nostre precedenti supposizioni le pagine dei libri svolazzano ancora), prima di estrarre la pistola e sparare un paio di proiettili all'indirizzo del militare inerte.
Chi sia questo figuro dotato evidentemente di poteri soprannaturali (il balzo, la capacità di arrestare lo scorrere del tempo) e perchè spari due colpi all'indirizzo della guardia sono due interrogativi che probabilmente ci accompagneranno fino all'E3.
Curioso notare come entrambi indossino un giubbotto anti-proiettile sul cui retro è stampato il logo della "Monarch Security". Corporazione privata al soldo di qualche miliardario? Forza di polizia di un futuro prossimo? Il riferimento a re e monarchi da parte di un'azienda con sede nell'unico Stato scandinavo fieramente repubblicano non promette nulla di positivo sul conto di questa famigerata organizzazione. Perchè poi entrambi indossino il medesimo logo rimane un mistero: che l'uomo dai poteri soprannaturali sia un infiltrato? Oppure è un semplice camuffamento per passare inosservati? Con questo si vuole intendere che Quantum Break sarà uno stealth game?
L'uomo che spara i due colpi di pistola -presumibilmente il protagonista del gioco- appartiene ai buoni oppure è al soldo di qualche organizzazione criminale?

Quantum Break E' vero: Microsoft in occasione del reveal di Xbox One si è scordata di mostrare i propri videogiochi per la console, puntando sopratutto sull'interfaccia di navigazione e i servizi a corredo dell'esperienza. Tuttavia ha annunciato diversi titoli che si spera arriveranno nei primi mesi di vita. Tra questi c'è il nuovo parto dei Remedy, il franchise successivo ad Alan Wake e Max Payne. Si chiama Quantum Break ed ha come elemento cardine la manipolazione del tempo: nel trailer si evidenzia l'accelerazione dei movimenti, l'arresto di alcune parti dello scenario. Il resto sono nostre personalissime speculazioni osservando lo spezzone video frame per frame: la molteplicità di esseri umani dotati di superpoteri, gli attentati terroristici, il corpo di sicurezza Monarch, sono tutti elementi che aspettano di essere confermati da Microsoft. Fortunatamente non dobbiamo pazientare ancora molto. Tra meno di 3 settimane è già tempo di E3 ed Everyeye sarà presente a Los Angeles per raccontarvi ogni dettaglio di Quantum Break.

Che voto dai a: Quantum Break

Media Voto Utenti
Voti totali: 89
7.3
nd