GCom11

Anteprima Resistance 3

Mostrata a Colonia una sequenza inedita del Single player

anteprima Resistance 3
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Considerata la data d'uscita praticamente imminente, pensavamo davvero di aver visto tutto quello che c'era da vedere su Resistance 3. Dopo l'attenta prova della beta e due ore passate a vivere i primi momenti della campagna principale, credevamo che qui alla Gamescom Insomniac avessese deciso soltanto di allestire qualche postazione multiplayer. Ed invece la presentazione a porte chiuse è stata abbastanza corposa, continuando proprio da dove ci eravamo fermati qualche settimana fa quando abbiamo analizzato attentamente il Preview Code giunto in redazione.

Imboscata

Per chi si fosse perso qualcosa, le prime tre ore in compagnia di Resistance 3 ci hanno condotto nella città di St. Louis, dove abbiamo affrontato un ingente assalto dei Chimera. La sequenza inedita cominciava proprio con l'incontro Frau Joseph Capelli ed il capo di una ben organizzata resistenza armata. Il gruppo di soldati ha trovato il dottor Malikov, nostro compagno di viaggio, ferito e ormai infetto. Febbricitante, il vecchio dottore ha bisogno di cure, ma i ribelli non fanno niente per niente. Prima di intaccare le preziose scorte di penicillina, chiedono al protagonista di aiutarli a recuperare un nucleo energetico da una nave da sbarco Chimera, in modo da poter rimettere in funzione il proprio elicottero.
Comincia così una lunga missione, fatta di estese sparatorie e spettacolari sequenze scriptate. Il membri della resistenza organizzano un'imboscata ai chimera, distruggendo uno dei droni di pattugliamento che avevano in precedenza catturato. Perso il segnale con il ricognitore, una nave da sbarco si avvicina alla zona, mentre i partigiani la bombardano con tre razzi precisi. La nave cade, mentre Capelli infierisce sui pochi sopravvissuti, che avanzano fra le fiamme. Purtroppo, un'altra aeronave si precipita sulla zona, e comincia così uno scontro furioso. I soldati alieni che si avvicinano sono protetti da Droni che, fluttuando sopra di loro, proiettano sui loro corpi uno scudo energetico impenetrabile. Il giocatore deve direzionare le sue raffiche precise contro questi robot volanti, prima di poter martoriare i corpi degli avversari. La sequenza è serrata, e i nemici si riversano nello strada intasata dai relitti delle auto. Il giocatore corre ai ripari, nelle case ai lati, salendo al secondo piano per martellare dall'alto, e utilizzando una Zipline per raggiungere rapidamente l'altro lato. Nonostante gli sforzi di Capelli, assistiamo ad un vero e proprio massacro. Dall'alto, appaiono i LongLeg, che saltano come cavallette onnivore sui tetti, mentre tentiamo con il nostro Bullseye e con il Marksman di decimare le loro fila. Purtroppo, quasi tutti i commilitoni cadono. È dunque il momento di fuggire, ma non prima di aver afferrato il nucleo energetico che tante vite è costato. La sequenza successiva è molto scriptata e lineare, con il protagonista che trascina il grosso nucleo seguendo le istruzioni del suo compagno, senza sparare un singolo colpo. Ovviamente la spettacolarità tipica di queste scene non manca: arriva infatti una gigantesca bestia aliena (un Widowmaker), assieme ad altri Chimera dissidenti: lo scontro fra le squadriglie militari ed i ribelli è intenso, e permette a Capelli di allontanarsi indisturbato. Ma dopo qualche minuto di pausa in un rifugio sicuro, è il tempo di tornare in strada. Le ultime sequenze di gioco ci vedono impegnati a difendere il nostro compagno, cercando di contenere le orde di Chimera. Per farlo sono utili non soltanto le torrette automatiche che costituiscono il fuoco secondario del marksman, ma anche le nuove bombe Molotov. Lanciando queste armi rudimentali, si appicca un piccolo incendio che dura qualche minuto, avvolgendo di fiamme tutti gli avversari che si avvicinano troppo. Un sostegno tattico non indifferente.

Prigionia

Per l'ultima parte della presentazione, durata appena qualche minuto, il team di sviluppo ha saltato qualche passaggio, trascinandoci in un livello più avanzato dell'avventura, ambientato in Pennsylvania. Sembra proprio che in un certo momento della trama Capelli verrà catturato, dal momento che il nostro eroe si trovava in un centro di prigionia, in cui evidentemente i Chimera richiudono sia gli umani che i disertori. La sequenza ci ha visti impegnati a prendere a martellate qualche alieno: imbracciato un pesante maglio, infatti, siamo stati lanciati nell'arena, con l'unico obiettivo di sopravvivere agli assalti dei nemici.
Ma il team ha interrotto la dimostrazione quasi subito: si trattava soltanto di un veloce colpo d'occhio ad un livello particolare, come ulteriore testimonianza della varietà concettuale che il team sta perseguendo.

Resistance 3 Questa presentazione conferma le ottime impressioni scaturite dalla prova della built. Resistance 3 torna in gran forma, veicolando soprattutto una varietà esemplare, fra armi originali e interessanti, un'avventura che attraversa per intero gli stati uniti d'America, ed un comparto tecnico solido, non certo esorbitante come quello di altre esclusive PS3 ma moderato e gradevole nelle scelte stilistiche. Il suo incedere martellante potrebbe non piacere a tutti, così come la presenza di interventi pesantemente scriptati, ma la formula globale funziona, ed il Single Player dell'FPS Insomniac ha fondamenta ben radicate ed uno sviluppo brillante.