Resident Evil VII Adesso online

Nuova puntata di Eternal Backlog: iniziamo Resident Evil 7!

Anteprima Sleeping Dogs

Il ritorno del "Vero Crimine"

anteprima Sleeping Dogs
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
 Roberto de Luca Roberto de Luca scopre il meraviglioso mondo dei videogame quando nel 1996 suo padre gli regala una Playstation nuova fiammante. Grande appassionato di qualsiasi cosa riguardi gli zombie, adora gli sparatutto in soggettiva, i tatuaggi ed il buon vino. Lo potete trovare su Facebook e su Google Plus.

Pochi sapranno che Sleeping Dogs, action-shooter in terza persona in arrivo quest'anno su Xbox 360, Ps3 e PC, non è nient'altro che l'ambizioso progetto di United Front Games, originariamente conosciuto come True Crime Hong Kong. Progetto abbandonato per qualche tempo nel dimenticatoio e salvato dalla cancellazione da Square-Enix, intervenuta tramite il team londinese. Con un anno in più a disposizione e l'arduo compito di portare sugli scaffali un prodotto fortemente competitivo, United Front Games ha lavorato sodo ed oggi ci propone un free-roaming crudo e violento, ambientato nelle affollate strade di Hong Kong. L'atmosfera colpisce da subito il giocatore, con una miriade di luci, suoni e persone, che contribuiscono a creare un mondo vivido e fedelissimo alla controparte reale, ricordando i più famosi lungometraggi asiatici. Il protagonista è Wei Shen, poliziotto in servizio sotto copertura presso una delle organizzazioni criminali più influenti della città, per arginare, missione dopo missione, il dilagante potere del crimine.

LA CINA SANGUINARIA

Quella in cui è ambientato Sleeping Dogs è una Hong Kong molto differente da quella reale, parlando in termini puramente morfologici: la città infatti sarà una sorta di collage di locazioni realmente esistenti (più o meno famose), incastrate tra loro a discrezione dei programmatori per evitare ambienti troppo estesi e disarticolati. In una delle sessioni di gioco mostrate si nota Wei impegnato in un velocissimo inseguimento a piedi lungo labirintiche stradine che culminano in un mercato, ai danni di un sospetto criminale. L'adrenalina e la frenesia sono palpabili: si nota il certosino lavoro svolto dai programmatori nel ricostruire uno scenario da perfetto film d'azione cinese, con tanto di bancarelle sfasciate, pedoni spaventati e salti acrobatici da altezze improbabili. Le interazioni ambientali sono numerosissime e ben ricreate attraverso uno sviluppo che non lascia nulla al caso. Wei spintona con arrogante noncuranza distratti passanti intenti a comprare vestiti d'occasione (proprio come in Assassin's Creed -sbattendoci contro- il protagonista sarà rallentato perdendo secondi preziosi), mentre il nostro obiettivo si allontana cercando di confondersi con una folla sempre più nutrita. Oltre ad un'attenzione per il dettaglio davvero impressionante (basti pensare al numero sproporzionato di oggetti che volano in aria durante i combattimenti più concitati), una particolare nota di merito va alla telecamera che, nonostante il gioco sia ancora in versione alpha, svolge un ottimo lavoro, seguendo Wei con perfetto tempismo anche durante le scene più adrenaliniche, con riprese altamente cinematografiche. Anche il combattimento corpo a corpo, punto centrale dell'intera produzione, è stato accuratamente studiato per vantare un'immediatezza ed un feeling senza rivali. Durante gli scontri (quasi sempre contro due o più avversari) Wei dimostrerà tutta la sua incredibile abilità fisica, con pugni e calci degni del miglior Bruce Lee. Non solo capace di combo devastanti per mettere rapidamente KO il nemico, il nostro poliziotto potrà utilizzare gran parte degli elementi a schermo interagendovi: ad esempio fracassando teste dentro vecchi televisori, lanciando inermi nemici da ponti sospesi o addirittura squarciandone le carni premendo i loro volti contro ventilatori accesi. Grazie all'alternanza dei pulsanti di attacco e di schivata (che ricordano molto l'ultimo Batman: Arkham City) Wei può sorprendere i propri avversari con contraccolpi micidiali, talvolta rubando loro persino l'arma e finendoli con esecuzioni feroci. Il materiale in game mostrato denota però una certa mancanza d'immediatezza nella risposta ai comandi, che si traduce al rallentamento delle battaglie. Passando alle armi da fuoco la valutazione non cambia: anche qui il lavoro svolto sinora sembra più che sufficiente, grazie ad un sistema di mira comodo e all'utilizzo dell'ormai sdoganato "Bullet Time", che faciliterà non di poco l'eliminazione delle forze ostili. Sleeping Dogs vanterà inoltre un sistema di coperture dinamico, grazie al quale potremo sparare senza esporci al fuoco nemico: feature utile soprattutto se si pensa che la salute non si autorigenererà come ormai accade in qualunque videogioco moderno, ma potrà essere recuperata solo tramite gli appositi medikit.

OPEN WORLD

Non esiste free-roaming moderno che si rispetti senza l'utilizzo continuo di mezzi a due o quattro ruote. Anche in questo caso Sleeping Dogs non si dimostra diverso dai suo simili. Abbiamo potuto assistere ad un emozionante inseguimento in autostrada, dove uno spericolato Wei, in sella ad una velocissima moto, rincorre tre auto con lo scopo di catturare il misterioso "Johnny The Ratface". Anche qui le scene ad alto tasso adrenalinico non mancano: l'assordante rumore del nostro motore è coperto a malapena dal crepitio dei proiettili che impattano sulla lamiera. Utilizzando il bullet time per aumentare la precisione, mirare ai serbatoi di carburante è un gioco da ragazzi. In una manciata di secondi le prime due auto si ribaltano, lasciando detriti ovunque ed esplodendo per i danni subiti. Grazie al supporto della mira assistita, Wei potrà facilmente eliminare i nemici puntandoli attraverso i finestrini, per freddarli all'istante e all'occorrenza saltare da un veicolo in corsa all'altro. Inutile sottolineare che lo stile di guida è di stampo fortemente arcade -forse troppo- considerando i movimenti poco realistici durante certe manovre. L'inseguimento termina in un deposito abbandonato che ben presto diventa teatro di una selvaggia sparatoria. Ed è proprio questo il momento in cui si nota tutta la bravura con cui gli sviluppatori di United Front Games hanno saputo creare un gameplay infarcito di tante differenti funzionalità, tutte meravigliosamente amalgamate tra di loro. Le coperture ci forniranno secondi importanti durante i quali memorizzare la posizione dei nemici; successivamente scivoleremo sulle casse davanti noi attivando il bullet time ed eliminando un paio di cecchini lontani, mentre il malcapitato di fronte verrà travolto e bloccato da una serie velocissima di cazzotti in pieno volto. Lo svolgersi dell'azione è incredibile, così come il divertimento, assicurato dalla semplicità con cui il giocatore potrà compiere azioni del genere in continuazione. Ma ovviamente Sleeping Dogs non è solo sanguinose sparatorie e bestiali combattimenti, anzi, la componente free-roaming si fa sentire con l'ausilio delle cospicue missioni secondarie che, assicurano i programmatori, saranno tutte varie e piacevoli, nonostante per ora non sia stato mostrato materiale al riguardo. Né si sa di preciso quanto sarà vasta l'area esplorabile di Hong Kong e se sarà visitabile tutta già dall'inizio del gioco o si sbloccherà proseguendo nella trama principale. Certo è che il protagonista, come nel più classico degli RPG, potrà contare su una serie di talenti e abilità che si otterranno con il completamento delle missioni e potranno essere selezionate tra due differenti rami, quello della polizia e quello della triade.

Graficamente il gioco mostra più di qualche incertezza, mettendo in mostra un aliasing marcato e una povertà di definizione delle texture riscontrabile soprattutto nei personaggi secondari. Problemi al momento non giustificabili con la scusa dell'ampiezza del mondo di gioco, dato che al momento non ci sono informazioni al riguardo. E' più probabile, dato che la versione mostrata è un'alpha build, che ci sia un miglioramento considerevole del dettaglio grafico in questi mesi che ci separano dall'uscita ufficiale (prevista per l'inverno 2012). Una nota di merito va infine al sapiente utilizzo di una palette cromatica sfavillante, in grado di valorizzare tutti gli sgargianti colori delle strade cinesi, contrastandoli con il grigiore macabro di una grande metropoli, rendendo il mondo virtuale di Hong Kong più vivo che mai.

Sleeping Dogs Il pacchetto offerto da Sleeping Dogs è senza dubbio intrigante: numerose sono le qualità di questo prodotto, in grado di offrire al giocatore un assaggio di varie particolarità, derivate spesso e volentieri da altri titoli, ma intelligentemente combinate per dar sfoggio di una completezza raggiunta con successo. La Hong Kong di United Front Games risponde ad ogni stimolo del giocatore: le reazioni realistiche dei passanti, la vivacità dei commercianti, il traffico nell’ora di punta e persino la crudezza dei combattimenti. Tutto trasuda un realismo impressionante che soddisfa appieno; peccato per alcune incertezze grafiche e tecniche. Permangono inoltre i dubbi sulle missioni secondarie ancora da svelare e una (possibile?) modalità multigiocatore per adesso nemmeno annunciata. Speriamo che nei mesi futuri United Front Games continui su questa strada, risolvendo i piccoli problemi che affliggono il titolo.

Che voto dai a: Sleeping Dogs

Media Voto Utenti
Voti totali: 143
7.9
nd