Anteprima The Last of Us: Left Behind

Cosa possiamo aspettarci dal primo DLC di The Last of Us?

anteprima The Last of Us: Left Behind
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
  • PS4
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Naughty Dog l'aveva promesso entro la fine dello scorso anno, ma il primo DLC narrativo di The Last of Us non è ancora arrivato. Poco prima della fine del 2013, invece, un brevissimo trailer ha annunciato il nome ufficiale -Left Behind- e fatto chiarezza sul setting, confermando inoltre che sarà Ellie la protagonista di questo attesissimo Add-On. Anche se i ritardi hanno fatto infuriare molti giocatori che avevano acquistato il Season Pass interessati più ai contenuti single player che alle mappe extra, e che magari hanno venduto la propria PlayStation 3 per passare all'hardware next-gen di Sony, il fermento attorno a Left Behind è tutt'altro che esaurito: Naught Dog, anzi, continua a stuzzicarci con brevissimi trailer che ci riportano nel mondo grigio e senza futuro di The Last of Us, ricordandoci l'incredibile intesità emotiva di uno dei grani capolavori dell'anno appena trascorso.
Vediamo quindi quello che possiamo aspettarci dal DLC, e quali saranno le tematiche trattate in questo scampolo di storia ambientata prima dell'avventura originale.

Ellie e Joel non si sono ancora incontrati. L'avventura di Left Behind prende il via prima del lungo viaggio dei due protagonisti di The Last of Us, prima delle Luci e delle speranze infrante, prima del lento gocciare delle stagioni che ci ha accompagnato da Boston a Salt Lake.
Ma in fondo il mondo è sempre lo stesso: fiaccato ormai dalla piaga dei Cordyceps, è aspro, ostile, inospitale; divorato dalla prepotenza di una natura “matrigna” che reclama i suoi spazi, facendo -con la stessa spietata delicatezza con cui una nuvola di spore di diffonde nell'aria- tabula rasa di una specie che è sempre stata scomoda.
Left Behind ci mostrerà come crescono i giovani nati tra le logore vestigia dell'umanità, tra le rovine, nelle malsicure zone di quarantena. A loro è negato il sogno di un'adolescenza normale: vengono invece educati in strutture fortemente militarizzate, accademie che devono prepararli a sopravvivere.
Ellie si trova in una di queste scuole, intrappolata in una gabbia di giorni tutti uguali, incolori, lavati dalla pioggia che batte sulle finestre dei dormitori. La sua amica Riley è sparita da un po': è più di un mese che non si fa vedere in giro, ma nessuno sembra preoccuparsi troppo. Succede, ogni tanto, che qualche ragazzo troppo curioso si spinga fuori dalle mura, o nella rete fognaria, e sparisca per sempre: assalito dai clicker, oppure corroso da dentro da un male invisibile e silenzioso.
E invece eccola, Riley, che ritorna d'improvviso con il suo irruento senso dell'umorismo, e uno di quegli scherzi da college che forse sarebbe meglio evitare. Nel nuovo trailer rilasciato giusto ieri (lo trovate qui), Riley sveglia Ellie facendo finta di essere un infetto, suscitando la feroce reazione della ragazza.
Dopo il guizzo di rabbia, quello che prevale è la curiosità: Riley sta combinando qualcosa, e magari Ellie è interessata a saperne un po' di più.

La trama di Left Behind comincerà probabilmente così, con le due giovani in fuga dalla struttura educativa, alla ricerca di chissà cosa: magari Riley vuole avvicinarsi al gruppo delle Luci, e magari è proprio così che Marlene incontrerà Ellie, prima di presentarla a Joel all'inizio del gioco originale.
Speriamo che prima della fuga gli sceneggiatori vogliano farci scoprire qualcosa in più anche su come si svolge la vita di tutti i giorni nella zona di quarantena di Boston, abbandonata molto in fretta all'inizio di The Last of Us.
Quello che Naughty Dog assicura è che Left Behind ci offrirà nuove prospettive sul personaggio di Ellie: nell'avventura principale il senso opprimente di un'urgenza terribile e la necessità di confrontarsi con il “mondo di fuori” hanno avuto un impatto notevole sulla ragazza, che qui invece si muoverà in un ambiente più familiare, con un altro personaggio della sua età, e sentendosi ancora sicura e magari anche affascinata da quello che le sta intorno. Vedremo insomma una Ellie molto diversa da quella che conosciamo, distesa e curiosa; anche il rapporto con Riley sarà molto particolare e ben diverso rispetto a quello costruito, passo dopo passo, con Joel. Chissà a quali sentimenti vorranno dare spazio gli sceneggiatori: magari dopo il lacerante cinismo di The Last of Us, Left Behind potrebbe aprire qualche spiraglio. Non tanto una speranza, perchè il destino degli “ultimi” è quello di non avere nessuno a cui raccontarsi, ma almeno la possibilità di trovare, per quanto breve e fugace sia, un momento di accordo con un mondo tanto ostile.

Anche dal punto di vista del gameplay Left Behind dovrebbe proporre qualche dinamica inedita: dubitiamo del resto che il team voglia tornare a focalizzarsi sulle dinamiche da survival, riproponendoci oggetti da recuperare e combinare: ancora inesperta, Ellie dovrà semmai evitare gli scontri diretti, e se dovessimo immaginarci una lieve rilettura delle dinamiche di The Last of Us, diremmo che il team potrebbe puntare soprattutto sullo stealth, magari lavorando in maniera diversa sull'Intelligenza Artificiale degli alleati (uno degli aspetti più criticati dai pochi detrattori del gioco).
Non manca poi molto per scoprire come Naughty Dog avrà modificato la formula di gioco, e quali saranno i sussulti emotivi che Left Behind ci regalerà: il DLC dovrebbe uscire entro gennaio. Il prezzo annunciato per la release americana è di circa quindici dollari, e con tutta probabilità noi europei non potremo far valere il cambio favorevole. Chi ha acquistato il season pass, potrà scaricare il DLC gratuitamente, in attesa poi dell'ultimo Add-On (un altro pack di mappe).

The Last of Us In questo mese non molto vitale sul fronte delle uscite, attendiamo ferventemente Left Behind, pronti a riscoprire la magia di The Last of Us e nuovamente catturati dall'estetica inarrivabile di uno dei grandi capolavori del gaming contemporaneo.

Che voto dai a: The Last of Us

Media Voto Utenti
Voti totali: 214
9.4
nd