Anteprima The Sims 3: World Adventures

Uno sguardo alla prima espansione per The Sims 3

anteprima The Sims 3: World Adventures
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • Pc

Quello di The Sims è un brand ormai certamente consolidato. La produzione di Electronic Arts è riuscita nel corso degli anni non solo a conquistarsi (in parte) il cuore dello zoccolo duro degli Hardcore Gamer, ma soprattutto a far breccia ai cosiddetti “casual gamer” o addirittura non-giocatori, ammaliati letteralmente dalla possibilità di far vivere il proprio alter ego virtuale su PC e console.
The Sims 3 ha mantenuto le promesse sia ludiche che commerciali. Il gioco si è rivelato infatti il degno erede del secondo episodio, allargando un po’ le proprie vedute seppur abbia mantenuto la solida struttura ludica che lo ha contraddistinto in questi anni. Il mercato ha ovviamente risposto come era lecito aspettarsi: The Sims 3 è infatti volato in testa (e lo è tutt’ora, salvo qualche raro caso) a tutte le classifiche software del mercato PC, superando le oltre 3 milioni di copie vendute. Adesso, a distanza di qualche mese e a proposito di “nuove vedute”, EA presenta “World Adventures”, la prima espansione dedicata che permetterà ai “sims” di viaggiare nei luoghi più affascinanti ed esotici del globo dal 20 Novembre 2009, data indicata per la release nei negozi.

Il giro del mondo in 80 giorni

NO, il disco aggiuntivo non si ripromette di ricreare in The Sims 3 l’essenza dello straordinario romanzo di Jules Verne, piuttosto tale indicazione ci serve per farvi capire in pieno l’obiettivo di questo nuovo esperimento degli studi di Maxis. Non che abbiate certo un tempo limite (o meglio c’è, ma ve lo spiegheremo nel dettaglio) per visitare tutte le locations presentate da questa espansione, ma The Sims 3 si trasforma un po’ ed abbandona in parte la sua storica verve di certosino gestionale. Vediamo un po’ insieme come funzionerà questa nuova “faccia” del franchise ideato da Will Wright.
Per iniziare, gli sviluppatori si rendono conto che il viaggio dei sims in altri posti deve essere egualmente bilanciato a ciò che dovrebbe rappresentare una vacanza, leggasi dunque nella eliminazione dell’invecchiamento del proprio personaggio in maniera tale che il vostro alter ego non muoia di vecchiaia in vacanza nonostante fosse arrivato lì giovane e pimpante. Poi, proseguendo nella disamina, The Sims 3 World Adventures, nonostante mantenga una certa base tratta dai gestionali, si trasforma più in un puzzle game, diventando quasi un altro gioco, in una nuova ed inedita linfa vitale per la serie.
L’obiettivo del giocatore questa volta non è infatti quello di prendere un sims e “portarlo avanti” fino al termine della sua vita, ma di guidarlo attraverso ingegnose e simpatiche avventure realizzate da Maxis. Non è possibile vivere nei luoghi visitati, ma ci sarà un tempo limite dettato dal visto del vostro passaporto. Quest’ultimo può essere comunque incrementato attraverso il completamento delle sfide offerte dal gioco durante la vostra vacanza. Ad esempio, certe sfide richiederanno di spostare oggetti in una certa posizione per sbloccare porte segrete alle quali addentrarsi e scoprirne i misteri. Talvolta bisognerà attraversare dei corridoi ricchi di fiamme, a cui potete ovviare magari bagnando i vostri indumenti con un bel tuffo in piscina, o scavare per trovare altri oggetti che servano a sbloccare passaggi altrimenti bloccati per sempre.
Avrete capito dunque che adesso la progettazione della casa assume un ruolo in secondo piano. I sims vivranno infatti in una sorta di campo base, che sarà comunque personalizzabile, nel quale però l’aspetto più importante viene rappresentato da una specie di scheda lavoro dove saranno elencate tutte le avventure completate o ancora percorribili, più quelle maggiormente impegnative da rendere disponibili. Se riuscirete a portarle a termine tutte o perlomeno quel che vi basta per ottenere il visto illimitato nel paese indicato (ci soffermeremo fra poco sulle locations previste), avrete la possibilità di creare la vostra casa vacanza e stare lì quanto vi pare: in fondo immaginiamo sia il sogno di tutti (o anche no) poter costruire la propria abitazione nei pressi della Sfinge, no?
La “vacanza” quindi si trasforma più in una avventura, da vivere interamente con i propri Sim che torneranno a casa comunque rinforzati e felici di qualsiasi esperienza riusciranno a vivere. L’espansione infatti introduce delle nuove abilità che sarà possibile ottenere nei determinati luoghi di vacanza. In proposito, il gioco prevede alcune delle locations più famose e ambite del mondo: l’Egitto dei Faraoni, la romantica Francia o la lontana Cina. Da ognuna di esse potrete dunque “importare” certe abilità da utilizzare poi anche nella vostra terra natale. Ad esempio, dal paese d’oltrealpe potrete imparare la coltivazione dell’uva con conseguente produzione del vino. Dall’Egitto farete tesoro di nuove capacità esplorative mentre in Cina apprenderete l’affascinante magia delle arti marziali (in tal proposito è stato studiato apposta un nuovo sistema di animazioni) e così via per altre sorprese non rivelate appositamente dal team di sviluppo.
Naturalmente un The Sims non può considerarsi tale senza il tocco “originale” o che sfori comunque dalla realtà. Mantenendo l’ancora sull’esempio relativo all’Egitto, saranno presenti appunto dosi più “avventuriere” rispetto ad una normale vacanza, come la presenza di Mummie pronte a disturbare le vostre esplorazioni tra i reperti archeologici del paese nord africano. Fate attenzione perché non si tratterà di un semplice effetto scenografico: se non riuscirete a scacciarle o comunque a fuggire dalla loro (lenta) rincorsa, non solo sarete condannati da una maledizione ma addirittura trasformati a vostra volta in mummie, con risultati piuttosto deprecabili che vi porteranno ad una lenta e sofferta agonia. Solo un rituale di fronte alla Sfinge vi salverà dalla morte.
In fondo comunque, anche in mezzo a questa elevata dose avventuriera, The Sims mantiene il suo spirito romantico e amoroso. E’ chiaro che non sarete soli durante i vostri viaggi e potrete dunque incontrare anche sims stranieri con la possibilità non solo di corteggiarli ed ottenere un bacio (o di più) ma anche sposarli e “portarveli dietro” a casa nella Sunset Valley o Riverview. Non corteggiate le mummie però, vi abbiamo già spiegato come potrebbe essere sconveniente, sebbene l’amore eterno faccia gola a tutti, certo.
Infine, i sims saranno dotati di una nuova abilità fotografica la quale darà loro la possibilità di immortalare i momenti più belli ed emozionanti ed appendere poi i risultati nella propria casa, al ritorno. L’esperienza vacanziera è pur sempre qualcosa da non dimenticare.

Comparto Grafico

Non ci saranno grossi miglioramenti grafici rispetto al gioco originale, anzi forse non ce ne saranno affatto.
Gli unici cambiamenti sono piuttosto marginali e consistono più che altro nella riproduzione fedele o quasi delle locations annunciate e nuovi sistemi tecnici atti a sposarsi perfettamente con la nuova struttura di gioco, come le nuove animazioni già citate per imparare l’arte del combattimento in Cina. Il resto mantiene dunque il buon livello grafico riscontrato nella produzione principale, magari nella speranza che venga un po’ limata la pesantezza del motore, non eccessivamente impossibile per gli hardware più vecchi, ma sicuramente non “amico” e non proprio versatile.

The Sims 3: Travel Adventures The Sims 3 World Adventures si è già conquistato la nostra curiosità. Non si tratta infatti della solita espansione atta ad aggiungere quelle tre o quattro cosette in più giusto per sfruttare la nomea conquistata sul mercato. Piuttosto vedremo anche un piccolo cambiamento nel gameplay, più vicino ad un puzzle-game che ad un gestionale, grazie all’introduzione di piccole avventure durante le vacanze che arricchiranno ulteriormente la potenza ludica del brand, capace da sempre di saper fornire un divertimento praticamente illimitato. Adesso, dopo la fiducia speriamo che riesca a conquistarsi anche una buona recensione, che non mancherà ovviamente al momento dell’uscita. Restate con noi per sapere se World Adventures ha mantenuto le promesse degli sviluppatori e varrà il prezzo d’acquisto.