Anteprima X Rebirth

Tra tanti reboot, un’altra grande saga cerca di rinascere

anteprima X Rebirth
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Reboot da fantascienza

Tra le tante saghe che rendono fiero il possessore di un PC utile e adatto al gaming, c’è anche X. Nata per la volontà della teutonica Egosoft e composta da cinque capitoli, questa da la possibilità ai suoi utenti di sentirsi dei veri capitani di un vascello spaziale che, scegliendo la via del commercio o della guerra, deve portare a compimento una serie di missioni al fine di progredire nell’arco narrativo che di volta in volta sottende il gioco. Vero e proprio MMO che spinge forzatamente al continuo PVP, l’ultimo capitolo, quell’X³: Terran Conflict uscito nel 2008, continua ad essere supportato sia dalla community che dagli sviluppatori, come testimonia l’ultimo aggiornamento che risale a un paio di mesi fa.
Nonostante la vita che tutt’ora permea il terzo capitolo ufficiale, Egosoft ha ben pensato che fosse ormai giunto il momento di un nuovo episodio. Più che un semplice seguito, X-Rebirth, come il nome lascia supporre, si inserisce all’interno di quella tendenza sempre più in voga che prende il nome di reboot.

PIMP my spaceship

X-Rebirth, per quanto rappresenti una sorta di rinascita del marchio, non intende stravolgere più di tanto i canoni della serie. Tuttavia ciò non significa che i cambiamenti apportati non rappresenteranno una piccola rivoluzione, cosa che potrebbe fare la felicità dei fan, come no.
Le esigenze che ha spinto i ragazzi di Egosoft ad affrontare questa nuova sfida sono sostanzialmente due: aumentare il grado di spettacolarità del loro gioco e renderlo al contempo più accessibile agli eventuali neofiti. C’è insomma una corsa ai nuovi standard imposti da una parte da giochi come Call Of Duty, sempre pronti ad elettrizzare il videogiocatore con tonnellate di esplosioni, dall’altra dal fenomeno Wii e DS che hanno allargato sensibilmente il mercato.
Il primo cambiamento riguarda la trama. Per quanto i dettagli siano avvolti nel mistero più fitto, sappiamo per certo che la storia sarà ambientata diversi decenni dopo X³: Terran Conflict. Ciò non solo offrirà l’ovvia possibilità di ridisegnare i rapporti politici ed economici all’interno dell’universo della serie, ma rappresenterà anche l’occasione di introdurre tutta una serie di nuove tecnologie. Inoltre, sebbene sia sconosciuta l’identità dell’avatar che impersonerete, all’inizio ogni giocatore partirà con una sola nave madre, identica per tutti. Sebbene non sarà possibile controllarne altre, progredendo nell’avventura, potrete via, via potenziarla e personalizzarla pezzo per pezzo.
E’ proprio questa la prima grossa novità di X-Rebirth. Se in passato era possibile trattare in modo piuttosto sommario i vari pezzi del vascello, ora potrete dedicarvi in maniera molto più intensiva e maniacale sulla messa a punto di ogni singolo elemento costituente. Potrete decidere la posizione e la funzionalità di ogni torretta difensiva che andrete ad installare. Valutare quali installazioni utili per la sussistenza della nave montare o potenziare. Scegliere di volta in volta quali stazioni per il raffinamento utilizzare, tenendo conto anche della materia prima che in quel momento state commerciando.
Il grado di intervento promesso è davvero altissimo, cosa che non solo vi permetterà di creare la nave dei vostri sogni, ma renderà ogni battaglia unica nel suo genere. Prima degli scontri infatti, potrete inviare diversi droni spia, utili per farvi un’idea sommaria del vascello nemico. In seguito, avrete così modo di pianificare un attacco che tenga conto dei punti di forza e di debolezza dell’avversario. Purtroppo in merito non ci è ancora stato mostrato nulla, ma gli sviluppatori ci hanno garantito che si tratterà di battaglie estremamente tattiche, ma anche incredibilmente adrenalitiche dove conterà anche l’abilità con i comandi e la velocità con cui prenderete le vostre decisioni.

Commercianti belligeranti

Proprio relativamente alle decisioni che dovrete prendere, X-Rebirth introduce una feature che verrà incontro sia ai giocatori navigati, snellendogli all’occorrenza il carico di interazioni che dovranno compiere, sia ai neofiti, aiutandoli in molteplici casi e situazioni. In questo nuovo capitolo infatti, sarete costantemente seguiti e supportati da una serie di ufficiali e sottoufficiali che gestiranno in maniera del tutto autonoma tutta una serie di compiti, interpellandovi solo per questioni veramente importanti. La loro introduzione si traduce anche in un pesante restyling dell’interfaccia di gioco che sarà meno invasiva e più focalizzata sui pochi elementi da tenere costantemente sott’occhio.
Naturalmente, questi aiuti potranno essere disattivati in qualsiasi istante, ma vista la complessità del gameplay, lasciare alcuni compiti di routine a qualche sottoufficiale sarà indubbiamente una comodità alla quale pochi rinunceranno.
Una svecchiata la subirà anche l’ambito commerciale del titolo. Ancora una volta, chi lo vorrà potrà creare vere e proprie rotte commerciali, arricchendosi estraendo minerali dagli asteroidi, lavorandoli nelle raffinerie contenute nella propria nave e infine rivendendoli. Anche in questo ambito potrete affidarvi a tutta una serie di droni, che automaticamente svolgeranno per voi questi compiti, ma volendo potrete anche svolgere i vari procedimenti in prima persona. Non solo, ma mescolando diplomazia ad attacchi mirati potreste anche decidere di aumentare volontariamente il prezzo di una determinata risorsa che in quel momento state producendo. Anche da questo punto di vista insomma, X-Rebirth promette un ampio ventaglio di scelte e azioni differenti.
Chiude il quadro delle novità annunciate, il nuovo sistema legato ai viaggi spaziali. Affianco agli onnipresenti jumpgate, questa volta ci saranno delle vere e proprie autostrade interstellari che, una volta imboccate, vi permetteranno di muovervi a notevole velocità.
Da un punto di vista grafico non ci sentiamo ancora in grado di esprimere giudizi. Fin’ora infatti, Egosoft ha divulgato solo qualche immagine e mostrato qualche video poco rappresentativo delle reali performance del motore grafico del titolo. Ciò che abbiamo potuto vedere tuttavia, fa ben sperare.

X Rebirth X-Rebirth pare avere tutte le carte in regola per migliorare ulteriormente la serie. I cambiamenti annunciati infatti, difficilmente faranno storcere il naso agli affezionati, mentre i vari aiuti promessi potrebbero far avvicinare qualche neofita fin’ora spaventato dall’interfaccia eccessivamente caotica e piena di parametri da tenere costantemente sotto controllo. Purtroppo attualmente abbiamo ascoltato molto e visto quasi nulla, motivo per cui è troppo presto per lasciarsi andare all’ottimismo. Comunque sia, restate con noi: appena possibile vi forniremo nuove notizie su X-Rebirth.

Che voto dai a: X Rebirth

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
5
nd