First look Edge of Twilight

Due mondi in continua lotta tra diloro; un unico eroe può porre fine a tutto questo.

first look Edge of Twilight
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Pc

Edge of Twilight è l’ ultima fatica degli sviluppatori australiani Fuzzyeyes, che possono vantare a loro attivo solo un altro gioco che è giusto citare solo per la fantasia del nome: HotDogs HotGals. Avendo un tale titolo come biglietto da visita sarebbe lecito non avere grandi aspettative ma almeno sulla carta e da quel poco che abbiamo visto, il nuovo gioco dei Fuzzyeyes sembra portare con se il giusto mix di innovazione e qualità.
Con il passere degli anni nel mondo videoludico, gli sviluppatori hanno intrapreso la strada di fondere insieme più generi diversi (FPS con RPG; RTS con FPS ed RPG e cosi via), caso in cui rientra anche lo stesso Edge of Twilight; citando il capo sviluppatore del gioco: “Edge of Twilight sarà un mix tra God of War, ICO e Soul Reaver”.

Diurno o essere della notte?

Il mondo fantasy del gioco è governato da due razze, da una parte abbiamo il regno del buio, dominato dai Litherns, dall'altro il regno della luce dove comandano gli Atherns. Proprio di questo schieramento fa parte il protagonista del gioco, Lex, un mezzo sangue che viene rinnegato dai suoi per le evidenti diversità, ma nemmeno accettato fra i Litherns.
Grazie a questa particolarità Lex potrà sfruttare, a seconda del luogo e del momento in cui si trova, le abilità delle rispettive famiglie, avendo così una maggior padronanza dei mezzi meccanici e da lavoro negli scenari diurni, mentre di notte si passa ad un’alterazione spirituale che dona una maggiore agilità al nostro protagonista particolarmente utile per i combattimenti, che cambieranno drasticamente.
Il mondo in cui si muove il nostro eroe è un connubio tra le ambientazione steampunk e futuristiche con una spruzzata di fantasy, in cui si intrecciano piccoli e grandi città, ognuna con le proprie architetture e personaggi, e zone selvagge (deserti e giungle solo per citarne alcuni). Come già detto ogni città avrà il proprio stile e tipologia di personaggi; personaggi che vanno dai semplici passanti fino ad arrivare a guardie, mercanti e personaggi bisognosi di aiuto; questi ultimi non indispensabili ai fini del gioco, ma essenziali per migliorare la compressione della storia oltre che per le ricompense che posso spaziare da oggetti ad esperienza bonus. Edge of Twilight si presenta come un action-adventure in terza persona di stampo prettamente classico, con una spruzzata di gioco di ruolo: potenziamenti vari per il nostro personaggio con nuove abilità e combo oltre, come già citato, la possibilità di portare avanti trame e quest secondarie affidateci da vari personaggi sparsi per tutto il mondo. Attraverso scelte posteci durante la nostra avventura decideremo da che parte schierarci; se con i "buoni" o i "cattivi": di fatto questa grossa differenza in termini etici non sussiste dato che entrambe le popolazioni hanno le proprie giuste ragioni.
Ma il vero cuore pulsante di Edge of Twilight è la possibilità di muoversi a nostro piacimento tra i due regni: regni che hanno caratteristiche estremamente diverse. Mentre nel mondo della luce, dove il combattimento si basa su forza bruta e sul controllo di armi da fuoco, Lex ci appare come un clone di Dante (lungo soprabito e come arma una gun-blade) e le architetture molto futuristiche con il giusto gusto retrò; nel mondo della notte tutto cambia radicalmente. Qui il nostro protagonista subisce una vera e propria trasformazione che lo rende appena riconoscibile come essere umano e muta anche il sistema di combattimento, che si basa adesso su agilità e corpo a corpo, dato che combatteremo principalmente con delle estensioni ossee che fuoriusciranno dalle braccia del nostro eroe: un po' gli artigli di adamantio del famoso mutante Marvel. Le stesse architetture che prima erano tendenti al tecnologico, qui diventano più legate ai classici canoni dei mondi fantasy. Lo switch tra i due mondi non è fine solo al cambio di stile di combattimento ma ha come scopo anche la risoluzione dei vari puzzle ed enigmi che ci si paranano davanti, il tutto come avveniva nel “vecchio” Soul Reaver: una delle caratteristiche del nostro Lex notturno è la possibilità di saltare lunghe distanze, quindi di superare ostacoli che nel mondo del giorno sarebbero invalicabili. Altro elemento da tenere in considerazione sono le sfere di energia rilasciate alla morte dei vari avversari, chiamate nel gioco etere, anch'esse dotate di duplice funzione: nel mondo del giorno posso essere utilizzate sia per l’accensione dei vari macchinari sia per l’attivazione di uno dei poteri speciali di Lex (una sorta di bullet-time). Al contrario, nel mondo della notte, saranno indispensabili per ricaricare l’energia vitale del protagonista.

L'eterna lotta tra la Luce e le Tenebre

Sul lato tecnico ci troviamo davanti un motore molto solido e flessibile capace di gestire, con apparentemente buoni risultati, effetti luci e particellari (vero punto di forza del gioco visto la dualità giorno/notte), con implementati il supporto per shader model 3.0, HDR e motion blur. Sembrano attestarsi su buoni livelli anche le textures dei vari personaggi, con una leggere propensione verso il protagonista principale, cosi come la resa e la diversificazione delle varie locations, in base all’ambiente ed il mondo in cui ci troviamo.

Edge of Twilight Edge of Twilight è un progetto, almeno sulla carta, ambizioso e supportato da buone idee oltre che una serie di interessanti meccaniche di gioco e da un discreto comparto tecnico. Il dualismo giorno/notte amplia ancora di più i concetti espressi a suo tempo da Soul Reaver, creando un protagonista scisso in due entità ben distinte. Chissà se, a conti fatti, anche trama, charachter design e strutturazione delle quest si riveleranno di buona fattura. Rimanete con noi per futuri aggiornamenti.

Quanto attendi: Edge of Twilight

Media Hype Utenti
Voti Hype totali: 122
72%
nd