What Remains of Edith Finch Oggi alle ore 16:00

Giochiamo in diretta con questa avventura dalle tinte oscure

E3 2010

First look Ghost Recon: Future Soldier

Terzo atto Next Gen per i fantasmi di Tom Clancy

first look Ghost Recon: Future Soldier
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc

I marines del futuro avranno la capacità di rendersi invisibili. Non ci credete? E’ quanto credono Ubisoft e Tom Clancy nella realizzazione del nuovo episodio di Ghost Recon, il terzo del marchio in questa generazione, ed il quinto in assoluto nella sua storia. La conferenza della major d’oltrealpe per l’E3 ci ha dato un piccolo assaggio di quello che proveremo domani nello stanzino segreto in cui avremo l’occasione di mettere le mani su questa nuova versione dei soldati del futuro.

Walktrough

Game producer e Game designer di Ubisoft Paris sono infatti saliti sul palco per dare una dimostrazione concreta, dopo il classico trailer che conferma l’impronta ancora più futuristica di questo episodio, dell’obiettivo a cui punta Future Soldiers.
La sessione di gioco inizia su una spiaggia, in anno ignoto (dicono prima di quanto crediamo) con una stilosa uccisione alle spalle di un malcapitato avversario grazie alla muta invisibile indossata dall’alter ego del giocatore.
La prima parte della demo si concentra proprio sulle qualità di questa nuova divisa capace di rendersi invisibile alla vista per un tempo, pare illimitato, ma dal quale usciremo inevitabilmente nel caso ci mettessimo a sparare.
E’ quindi un piacere notare come si stia lavorando molto sulle fasi stealth, lontane da quell’eccesso di azione che poco era piaciuto ai fan in Advanced Warfighter. Non c’è una estrema lentezza nei movimenti, ma esclusivamente cautela e la giusta intelligenza, supportati comunque da compagni virtuali che hanno decisamente mostrato un buon comportamento, sebbene sembri figlio di routine già scritte all’interno del level design. Procedendo la platea ha potuto ammirare alcune delle uccisioni silenziose messe a disposizione per il giocatore. Ci è parsa interessante, peraltro, la scelta di poter simulare qualsiasi situazione a nostro favore.
Ad esempio, durante la fase giocata, uno dei due sviluppatori si è trovato a far fuori, in silenzio, un nemico appostato su una torretta difensiva proprio mentre passava un commilitone. Fortuna vuole che l’impianto studiato dagli sviluppatori abbia permesso al soldato di mantenere la vittima dritta con l’avambraccio sulla posizione precedente, giusto il tempo per far andare via la sentinella.
Detto fatto, l’allarme non è scattato e il militare ha potuto continuare tranquillamente nella sua missione di infiltrazione che consisteva nella cattura di un pericoloso personaggio, possibilmente vivo.
Successivamente la demo ha trasportato i due sviluppatori in un’altra situazione, questa volta più vicina agli ultimi due episodi e quindi con una forte componente shooter in terza persona. Per fortuna pare non ci sia stato un eccesso in questo senso, e si mantenga sempre quella sorta di “eleganza” negli scontri a fuoco appartenente ad un titolo che prova a dare un’impronta più realistica rispetto gli altri esponenti del genere.
Non a caso Future Soldier ha mostrato anche grandi doti di varietà nelle sezioni di gioco. La fase successiva e finale della versione dimostrativa consisteva in una sessione di cecchinaggio dove l’obiettivo era colpire i piloti degli elicotteri da trasporto della fazione nemica. Una volta fatto, il soldato è sceso per affrontare a fuoco aperto quei pochi che lo avevano scoperto. Trasformandosi quindi nuovamente in un “normale” TPS.
La fine ha visto il ritorno delle fasi stealth con la divisa invisibile in vista dell’obiettivo finale. Questa volta il numero degli avversari è volutamente eccessivo ed è così necessario procedere ad una tattica d’infiltrazione “multipla”.
Il giocatore è quello incaricato di andare a prelevare, con gentilezza, l’uomo ricercato. Gli altri commilitoni si occuperanno, con il fucile da cecchino, delle guardie. Ma è richiesto un tempismo non da poco per compiere quest’ultimo sforzo. Una volta terminata la fase di avvicinamento, il giocatore attende infatti che tutti i mirini laser dei cecchini siano a portata di tiro. Al tre, le guardie giacevano morte per terra e l’obiettivo veniva prima stordito con un forte colpo alla testa e poi immobilizzato per l’arresto ed il trasporto. Missione compiuta! Cosa dite? Una simile meccanica si presterebbe perfettamente ad una cooperativa? E infatti, prima di andare via, i due producer hanno confermato l’inserimento di una modalità co-op anche per la campagna single player dedicata a quattro giocatori. Per completare la torta ci sarà il supporto completo al 3D stereoscopico, per quei pochi che possono già usufruirne. Crediamo, in sintesi, che questa varietà mostrata dalla versione dimostrativa, se portata perfettamente nel prodotto completo, sarà in grado di rendere il nuovo Ghost Recon un must have per i fan e gli amanti della saga.
Graficamente pare già massiccio. La realizzazione dell’ambiente è soddisfacente grazie ad una buona modellazione poligonale di ambienti e personaggi (peraltro ben animati). La fluidità ci sembra ottima e non lascia adito al minimo calo di frame-rate. Forse qualche texture non proprio perfetta rappresenta l’altra faccia della medaglia, ma trattandosi di una versione ancora incompleta è probabile vengano sistemate nei mesi che rimangono prima dell’uscita.

Ghost Recon: Future Soldier Il solo vederlo in azione è stato divertente ed eccitante al tempo stesso; per questo nutriamo molta fiducia sulla demo giocata che proveremo domani. L’impressione è che gli sviluppatori abbiano lavorato molto e bene per lo sviluppo di una struttura che sappia equilibrare perfettamente stealth e azione, una combine che molti hanno tentato fallendo miseramente. Certo è facile farsi ingannare da una semplice visione, quindi solo pad alla mano proveremo a confermare queste sensazioni positive. Non mancate!

Che voto dai a: Ghost Recon: Future Soldier

Media Voto Utenti
Voti totali: 267
7.7
nd