Phantom Dust Adesso online

Giochiamo in diretta con l'edizione remaster di Phantom Dust

E3 2012

First look The Elder Scrolls V: Dawnguard

Signori della notte e cacciatori di vampiri nel nuovo DLC di Skyrim

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • Pc
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Con un mese d'anticipo rispetto alla versione PlayStation 3, il 26 Giugno arriverà su XBLA la prima espansione ufficiale di Skyrim, RPG di Bethesda che ha letteralmente stregato gli appassionati, incatenandoli in un'avventura dalle proporzioni difficilmente quantificabili. L'attesa per questo primo contenuto aggiuntivo si fa difficile da sopportare, soprattutto dopo aver provato Dawnguard in quel di Los Angeles, in occasione dell'E3 2012. Il DLC si concentra infatti su tematiche decisamente “sovrannaturali”, proponendo (al costo di 1600 microsoft points) una lunga sub quest dedicata interamente ai vampiri. Ma dimenticatevi l'emofilia porfiria e quel vampirismo “soft” che in Skyrim è già possibile contrarre: qui si fa sul serio. Si parla di enormi non morti alati che vengono direttamente dal piano di Oblivion.

Una volta installato il DLC, una piccola isola comparirà a nord della mappa di gioco. Qui, in un castello che più tetro non si può, un'antica dinastia di vampiri capitanata da lord Harkon sta tramando per completare un antico rito che ha come obiettivo il completo e definitivo oscuramento del sole: un tramonto eterno che garantirebbe alla stirpe eterna gloria ed il controllo su tutte le lande di Skyrim.
Fin da subito questa espansione ci chiede di schierarci, trasformandoci in potenti vampiri pronti a dimenticare per sempre la luce, oppure arruolandosi nella Dawnguard, setta di cacciatori che si batte per sconfiggere il male e l'oscurità. Inutile dire che la scelta più incoraggiata è quella di arruolarsi nelle stirpi del male, se non altro per esplorare il nuovo Skill Tree legato alle abilità vampiresche. I giocatori che decideranno di percorrere la via della luce avranno a disposizione un set di armi piuttosto interessante, fra cui -finalmente- le balestre, ma di certo è molto più intrigante la possibilità di trasformarsi in uno sciame di pipistrelli.

La trasformazione in vampiro, proprio come quella in lupo mannaro, avviene automaticamente alla pressione di un dorsale, e tramuta il protagonista in un bestione che fluttua nell'aria, letale nel corpo a corpo ma capace di rappresentare anche un'insidia dalla lunga distanza, risucchiando l'energia vitale dei nemici. Se si aggiunge la capacitò di evocare gargoyle ed una mobilità sensibilmente migliorata, o la presenza di mosse evasive che rendono estremamente difficile procurare danno alle creature della notte, si capisce che la trasformazione è forse un po' troppo potente, e potrebbe sbilanciare in qualche modo l'intero sistema di gioco. Non sappiamo se sarà possibile mantenere la trasformazione anche dopo il completamento della quest, ma sembra un'ipotesi decisamente plausibile, anche perché Dawnguard aggiunge uno skill tree personalizzato anche per i lupi mannari, che finalmente assumono un rilievo maggiore nell'economia di gioco. Resta vero, in ogni caso, che la luce del giorno è una tremenda dannazione per i camminatori notturni, ma il rapporto fra bonus e malus resta per il momento molto favorevole.
Dal punto di vista scenografico questa espansione mostra ambienti molto dettagliati, ben caratterizzati soprattutto al netto di un'atmosfera lugubre e tetra. In certi momenti la componente oscura è fin troppo eccessiva, ed il viaggio (la durata prevista è una quindicina di ore per il completamento di main e sub quest) si preannuncia piuttosto destabilizzante, fra guglie gotiche e nebbie antiche provenienti dai reami di Oblivion.
Anche a livello narrativo il plot potrebbe essere molto ramificato: non passa molto tempo prima di scoprire intrighi familiari e rami “dissidenti” della famiglia di Harkon. Restiamo quindi molto curiosi di sapere come si evolverà la vicenda, ma anche di scoprire nel dettaglio tutto il “lore” che farà da sfondo a questa espansione.

The Elder Scrolls V: Dawnguard Dawnguard appare un DLC davvero ricco, e nonostante l'esborso richiesto per l'acquisto sia abbastanza ingente, l'add on sembra pronto a ripagare tutti gli appassionati del Dark Fantasy con un approccio molto ispirato (anche ludicamente parlando) al mondo del vampirismo. Nuove armi e nuovi skill tree sono il sogno bagnato di ogni fan di Skyrim, e visto che l'ispirazione a livello scenico e narrativo non manca di certo, pensiamo che il 26 giugno in molti acquisteranno ad occhi chiusi questo pacchetto.