First look WipEout 2048

Prime informazioni sul nuovo capitolo portatile della saga di WipEout

first look WipEout 2048
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PSVita
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Innovare sì, ma con calma

In questa prima ondata di titoli presentati per la nuova console portatile Sony, pochi sembrano sfruttare intensivamente ed esclusivamente le caratteristiche uniche che questa possiede. Uncharted: Golden Abyss, ad esempio, lascia che sia l’utente a scegliere se compiere la maggior parte delle azioni via touch-screen o se rifugiarsi nei più rassicuranti e noti pulsanti frontali. La filosofia alla base del lancio della futura NGP, sembra insomma chiara: a discapito di quanto fatto da Nintendo con il DS, gli utenti verranno introdotti con dolcezza al nuovo sistema input, dando a tutti il tempo di prendere familiarità con ogni singola feature della console.
In un contesto simile, WipEout rappresenta il brand su cui ogni possessore di una Playstation può e potrà sempre contare. Mamma digitale di tanti di noi, immancabile titolo di lancio, la saga è pronta a tornare anche questa volta. In attesa di un hands-on che giungerà a breve nel corso dell’E3, eccovi svelati i primi dettagli di questa nuova iterazione.

Portatili a velocità sonica

Come l’introduzione lascia presupporre, WipEout 2048 sarà il più canonico tra i titoli che accompagneranno il lancio dell’NGP. Se quanto meno Uncharted si sforza di offrire qualcosa che sarebbe assolutamente impossibile proporre su qualsiasi altra piattaforma, come vedremo a breve, il titolo sviluppato da SCE Studios London non solo ripropone identici i canoni della saga, ma fa anche di più. Questo, sia chiaro, non vuole essere un giudizio negativo sul prodotto in sé, quanto un oggettiva presa di coscienza di ciò che vuole offrire: un’esperienza solo lontanamente arricchita dalle capacità uniche della console su cui gira.
Per chi non avesse mai fatto conoscenza del brand, WipEout non è nient’altro che un titolo di corse futuristiche. Al posto di normali quattro ruote, vi ritroverete alla guida di hovercraft sospesi nell’aria, pronti a spararsi missili e quant’altro ogni qual volta si riuscirà a raccogliere qualche bonus sparso lungo il tracciato.
Ancora una volta è il colpo d’occhio a far scattare la scintilla quando si vede per la prima volta in movimento WipEout 2048. Ci si chiede chi mai sia riuscito a rimpicciolire così tanto una PS3, vista la pulizia dell’immagine e la velocità con cui tutto si muove. Certo, c’è ancora qualche sensibile calo nel frame-rate, ma nulla di così preoccupante, soprattutto pensando al tempo che manca all’indefinita release. Se ancora ce ne fosse bisogno insomma, le proprietà grafiche e tecnologiche dell’NGP sono dimostrate, comprovate e sfruttate a dovere.
Anche dal punto di vista del sistema di controllo, il team di sviluppo si è mosso nella direzione giusta, seppur con poca convinzione a dire il vero. Saranno due le configurazioni principali, più una terza che verrà meglio descritta in seguito al nostro hands-on che giungerà nei prossimi giorni. La prima prevede il canonico controllo tramite leva analogica, la seconda si affida tanto al touch-screen, per direzionare il veicolo, quando agli accelerometri per azionare gli aerofreni, indispensabili per affrontare le curve nel modo migliore senza perdere troppa velocità.
Ad una prima occhiata pare piuttosto palese quale sarà il sistema di controllo preferito dai videogiocatori. Memori anche di Mario Kart Wii, esempio parzialmente valido visto che anche nel prodotto Nintendo era possibile controllare i kart tramite gli accelerometri del Wiimote, sembra difficile credere che gli utenti più pretenziosi si affideranno a una configurazione che pare incapace di garantire una precisione millimetrica. Certo, è ancora presto per lasciarsi andare a giudizi affrettati, ma se il touch-screen ci pare già affidabile, i piccoli problemi rilevati con i sensori in Uncharted: Golden Abyss, ci lasciano un vago alone di perplessità.
Ad ogni modo l’aspetto più controverso di WipEout 2048 è la sua natura multi-formato. Alla versione per NGP, ne seguirà una assolutamente identica per PS3. La natura del titolo porta con sé un’interessantissima caratteristica: saranno permesse partite multiplayer online e in locale cross-platform. Ciò significa che un utente dotato di PS3, potrà sfidarne senza alcun problema uno munito del portatile Sony. Non mettiamo in dubbio la potenziale validità di un’idea del genere, ma resta da vedere quanti preferiranno giocarsi WipEout 2048 sul piccolo schermo dell’NGP, piuttosto che sul Full HD del salotto. E’ pur vero che giocare alla fermata dell’autobus è un piacere sempre più irrinunciabile, ma con questa doppia uscita, Sony rischia di farsi concorrenza da sola.

WipEout 2048 WipEout 2048 è il classico WipEout che accompagna l’esordio di una nuova console Sony sul mercato. Allo stato attuale sembra che il titolo sfrutterà solo parzialmente le caratteristiche uniche dell’NGP, senza contare che la contemporanea uscita su PS3 potrebbe persino giocare a sfavore. Tuttavia è ancora troppo presto per dare giudizi sul prodotto in sé. A questo proposito vi invitiamo a controllare costantemente la home page di Everyeye nei prossimi giorni. Non appena il nostro staff ne avrà la possibilità, vi forniremo un dettaglia hands-on del titolo direttamente dallo showfloor dell’E3.

Che voto dai a: WipEout 2048

Media Voto Utenti
Voti totali: 33
8
nd