Guida La Gazzetta di Animal Crossing - Numero 1

Consigli per i nuovi sindaci. Tutti i dettagli all'interno del numero!

guida La Gazzetta di Animal Crossing - Numero 1
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Di cose strambe ne abbiamo viste in gran numero durante tutti questi anni alla Gazzetta di Animal Crossing: procioni strozzini, vendi-tappeti sub sahariani e recentemente cantautori trasformatisi in DJ. Ma questa notizia, battuta recentemente dalle agenzie di stampa ci ha fatto accapponare la pelle...o i peli!
Si contano dozzine di sindaci che nel giro di pochi giorni sono sgusciati via dai municipi per ritirarsi a vita privata su un non meglio precisato atollo tropicale. La notizia potrebbe trasformarsi in freddura aggiungendo il dettaglio che tutti i sindaci sgusciati via erano per l'appunto tartarughe...ma vi assicuriamo che la notizia è seria oltre che veritiera!
Le conseguenza sono altrettanto paradossali. Fonti ufficiali che in men che non si dica nelle città abbandonate in fretta e furia dai succitati sindaci si siano tenute consultazioni amministrative, il cui esito elettorale ha prodotto un esercito di nuovi primi cittadini, molti dei quali alla prima esperienza politica.
Il nostro inviato a Murufuku, uno dei centri colpiti dall'emorragia municipale, racconta il fattaccio visto coi propri occhi nelle pagine interne della Gazzetta di Animal Crossing.
Buona lettura, cari irsuti lettori!

C'è un nuovo sindaco in città!

MURUFUKU - Quando Nico è arrivato alla stazione fu particolarmente sorpreso di trovare tutta la cittadinanza ad accoglierlo. "Non ho mai visto - ci ha detto in via confidenziale - tante cerimonie per un semplice trasloco! Per un attimo mi son detto 'Sono stato fortunato ad andare a vivere in una città con dei vicini così ospitali'. Poi mi si è avvicinata una cagnetta in tailleur e mi ha sussurrato all'orecchio che da quel giorno sarei divenuto il loro sindaco".
Per Nico, avulso da tessere politiche o blog militanti, oltre che ignaro della geografia e demografia di Murufuku, la notizia è stata sconvolgente, ma nel giro di qualche giorno ha preso a cuore l'incarico di primo cittadino maturando sinceri rapporti con gli abitanti e presentando un piano di rinnovamento della città (stelline permettendo).
Il merito di una simile trasformazione è da assegnare in buona parte alla cagnetta di cui sopra, la quale ai nostri microfoni ha detto di chiamarsi Fuffi: "Per molti...troppi anni ho fatto da segretaria ad un sindaco lavativo e lento di comprendonio come Tortimer. Poi è arrivato Nico e ci siamo immediatamente intesi alla grande: il giorno stesso del suo arrivo ha ottenuto i documenti necessari per richiedere la Tessera del Cittadino, due giorni più tardi aveva dato un'impronta fondamentale ai simboli della città riarrangiando l'inno storico e disegnando una nuova bandiera. Nel giro di una settimana abbiamo potuto posare la prima pietra...pardon, asse di legno di un nuovo ponte che a breve sarà ultimato e collegherà le due sponde del bucolico fiume che attraversa Murufuku!".
Che altro aggiungere? Nonostante l'incomprensione iniziale (e molti pezzi del puzzle ancora ci sfuggono), il primo cittadino Nico non solo ha trovato della sua misura la fascia municipale, ma è riuscito anche nel compito (non troppo difficile, a dire il vero!) di non far rimpiangere l'ex sindaco Tortimer.

Come raggranellare Stelline?

Vista la sconvolgente notizia dei sindaci dimissionari, prontamente (e misteriosamente) sostituiti, abbiamo deciso di stilare una breve lista di consigli, un prontuario indirizzato ai sindaci novelli. Molti di questi si sono per l'appunto lamentati della scarsità di contributi versati dai concittadini, a detta loro più interessati ad attività senza alcuna utilità per la città (come casting televisivi o il feng shui) che alle donazioni per finanziare opere pubbliche. Il risultato? Che gli stessi sindaci devono mettere di tasca propria migliaia e migliaia di stelline per accontentare i capricci dei cittadini, desiderosi di panchine, pozzi o addirittura pale eoliche!
Ecco perchè forse può tornare veramente utile una lista di consigli su come raggranellare Stelline:

  • il proverbio sostiene che il mattina ha l'oro in bocca. Non potrebbe avere più ragione. La prima cosa da fare una volta usciti di casa è colpire con la vostra pala tutte le rocce sparse per la vostra cittadina: più volte sono percosse, più stelline fuoriescono da esse. 100, 500, 1000, 4000. Gli scienziati non sanno spiegarselo, ma insomma finchè il fenomeno dura nessuno si lamenta...
  • colpire rocce è un'attività alquanto remunerativa. Anche quando avete trovato la rocca da cui fuoriescono le stelline, continuate nella vostra perlustrazione pala alla mano per trovare una roccia che ieri non c'era. Colpitela e al proprio interno rivelerà un prezioso minerale. Vendetelo da Ricicla e Ricrea e il vostro portafoglio si gonfierà...senza praticamente fare nulla!
  • le Stelline crescono anche sugli alberi. Strano ma vero! Scuotendo i loro tronchi, da alcuni di essi cadranno a terra monetine dal taglio di 100 o 200 stelline. Un po' pochine in effetti, ma sempre ben accette!
    Scuotere gli alberi in ogni caso significa anche imbattersi in alveari in piena attività e densamente popolati. All'aggressione di uno sciame si può o rifugiarsi nella prima casa o edificio aperto, oppure armarsi di coraggio e catturare un'ape con il retino. Quando farete cadere un alveare correte immediatamente verso Nord, quindi premete il pulsante X e selezionate il retino dall'Inventario (quando è aperto, l'azione attorno si stoppa e cosa più importante le api non fanno un passo di più), il vostro personaggio si volgerà automaticamente verso Sud. L'unica cosa che rimane da fare è essere lesti e catturare l'ape prima che vi punga nell'occhio.
    Ciascun esemplare vale 2500 stelline da Ricicla e Ricrea, mentre ogni alveare 500 stelline!

    A Murufuku si inauguara un'area campeggio, così da accogliere i raminghi avventurieri di passaggio! Champagne coriandoli scuotono al cittadinanza!

  • la cattura di insetti, la raccolta di fossili e la pesca di pesci e altre creature marine sono attività molto frequenti nel mondo di Anaimal Crossing. Ma qual'è la più remunerativa? Girovagare con il retino in spalla ahimé paga veramente poco: eccetto le api, tutti gli altri insetti valgono giusto qualche centinaio di stelline. I fossili appagano decisamente di più, specie i resti dinosaurici...ma almeno inizialmente vi converrà donarli in blocco al museo per vederlo così crescere a dismisura (ogni giorno sono quattro oggetti donabili assicurati!). Il consiglio spassionato della Gazzetta di Animal Crossing risulta quello di dedicarsi appena possibile alla pesca in gran quantità. Gli spot in cui posizionare la canna da pesca sono innumerevoli: lo stagno, il fiume, ma sopratutto l'oceano (sulla spiaggia del villaggio o sull'isola tropicale è indifferente) dove si trovano pescioni di generose dimensioni e notevole valore monetario. Non ci sono particolari consigli sugli orari o le condizioni meteo in cui dedicarsi alla pesca, ma il fiuto redazionale dice che i giorni piovosi sono i migliori per piazzare l'amo negli specchi d'acqua!
  • raccogliere conchiglie sulla spiaggia è un'attività perfetta per ripagare il debito iniziale di (appena) 10000 stelline e piazzare un solido tetto sulla vostra testa, ma da quel momento in poi Dollari Sabbiosi e Conchiglie Cipree perdono giustamente interesse. Un giro giornaliero lungo la spiaggia in ogni caso non vi costa niente, giusto? E allora fatelo, sia mai che vi imbattiate in un Corallo (250 stelline), un Pettine di Venere (300 stelline) o in una lucente Perla (1200 stelline)...
  • un'ultima attività discretamente remunerativa per i vostri fondi è la raccolta di frutta. Ma prima di costruire un impero basato sulla raccolta di succosi pomi, dovrete sudare le proverbiali sette camicie. Ciascuna città ha un proprio frutto caratteristico: il giorno in cui arrivate sugli alberi crescerà un unico tipo di frutta, vendibile al misero prezzo di 100 stelline ciascuno. Per fortuna sugli alberi cresce una versione "perfetta" della frutta nativa, che vale ben 600 stelline l'uno. Appena entrate in possesso di una pala piantatene quanto più potete e a meno che non siete deboli di cuore sbarazzatevi di tutte le versioni standard con l'ascia, per sostituire la pianticella con altri frutti.
    Già, le altre varietà di frutta li potete ottenere o visitando i villaggi dei vostri amici e sgraffignandoli qualche...tanti...tutti...i frutti, oppure aspettando che qualche abitante o la mammina vi facciano dono di un'altra varietà di frutta.
    La frutta tropicale (proveniente dall'isola tropicale e dagli isolotti visitati durante i Tour) è estremamente succosa, ma vale davvero pochissimo: 250 stelline l'uno...
    Due cosucce da aggiungere al manuale del perfetto coltivatore. Primo: la frutta ricresce ogni 3 giorni sull'albero, indipendentemente dal tipo e dalla provenienza. Secondo: sfoderando il pennino è possibile raggruppare fino a 9 frutti di uno stesso tipo all'interno di un cesto, da donare poi a Ricicla e Ricrea in cambio di moneta sonante. Una vera comodità per vendere tonnellate di frutta senza dover fare avanti e indietro dalla piantagione!

Il vessillo di Murufuku da imprimere su stoffa grazie al macchinario di Ago e Filo (parlate ogni giorno con Filomena per ottenerlo).

Altre guide per Animal Crossing New Leaf