Hands on Assassin's Creed 2

Testata finalmente la versione PC

hands on Assassin's Creed 2
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • iPhone
  • Pc

Sicurezza innanzitutto

Il 4 Marzo anche la comunità Pc potrà finalmente fruire delle qualità che hanno reso celebre questo capitolo già da alcuni mesi nell’universo console. Ubisoft giustifica questo ‘ritardo’ di lancio per il Game for Windows in maniera molto onesta e pragmatica, affermando di essersi stancata di lavorare solo per i pirati informatici, capaci come nessun altro di vanificare le vendite con così tanta facilità e rapidità. Una delle novità, ancora non del tutto definitiva perché in fase di sviluppo proprio in questi giorni, riguarda appunto il sistema di sicurezza che cercherà di tenere il prodotto alla larga dalle grinfie dei ‘Cracker’: per poter giocare al nuovo capitolo di Assassin’s Creed sembra proprio che questa volta dovremo disporre di una connessione ad internet permanente, dimentichiamoci quindi il vecchio sistema dove bastava attivare il prodotto solo durante l’installazione per poter poi tranquillamente assassinare i nostri nemici in ambiente locale. Molti utenti sicuramente storceranno il naso sentendosi obbligati a giocare online un titolo studiato per il single player, Ubisoft sembra tuttavia determinata a non perdere la fiducia dei propri fan al punto di coccolarli con ogni mezzo possibile. Primo fra tutti la possibilità, diversamente dai possessori del gioco per console, di giocare ai DLC gratuitamente e senza nemmeno prendersi la briga di scaricarli: a detta del portavoce di Ubisoft saranno infatti già presenti sul disco di gioco. Notare bene che entrambi i ‘livelli’ extra, ossia la Battaglia di Forlì e Il Falò delle Vanità, non saranno appannaggio esclusivo delle Limited edition (ricordiamo che anche per la versione Pc saranno disponibili sia la White che la Black Edition) ma saranno disponibili anche nella confezione standard da 49 Euro. In secondo luogo la costante connessione ai server di Ubi.com permetterà, come già capita per moltissimi titoli basati generalmente sul multiplayer, di salvare costantemente i propri progressi senza correre rischi di perdere inevitabilmente i propri salvataggi qualora si decidesse di disinstallare il prodotto. La chiave di attivazione sarà unica ma sarà possibile effettuare un login dopo aver creato il proprio account, permettendo di fatto installazioni infinite e su più di un Pc (non limitate come capita ancora troppo spesso per altri titoli). Non vogliamo tuttavia mettere la mano sul fuoco per quanto concerne la metodica che Ubisoft deciderà di adottare sul fronte della sicurezza in quanto, essendo la data di rilascio ancora piuttosto lontana, tutto è ancora possibile (essendo poi il gioco vendibile anche attraverso la piattaforma di Steam dovremo aspettarci ulteriori misure di sicurezza anticontraffazione). Per quanto riguarda il codice di gioco siamo stati davvero molto sorpresi di come un ‘normale’ Quad core 2.3 GhZ dotato di 3.25 Gb di Ram (a causa di Win Xp) e di una GeForce 9800 GT sia stato in grado di reggere egregiamente anche i combattimenti più aspri e le sezioni di volo più veloci ad una risoluzione di 1920x1080, al massimo dei dettagli e con AntiAliasing e V-Sync attivi. I requisiti di sistema ufficiali, allegati nella scheda a lato, ricalcano davvero molto bene la realtà dei fatti, quindi non preoccupiamoci troppo di avere un sistema ‘vecchiotto’ per poter intraprendere la carriera da assassini.

Chi ha detto che i giochi per Pc sono finiti?

Il sistema di controllo è per certi aspetti simile a quello del primo capitolo. Tuttavia ora ci troveremo obbligati a padroneggiare un numero maggiore di tasti funzione per dare vita a una varietà numerosissima di combo. Grazie a un sistema di combattimento rinnovato non sarà più così banale respingere gli attacchi di un nemico o costruire una contromossa efficace. Disarmarlo e ucciderlo con la sua stessa arma richiederà molta più destrezza, rendendo di fatto i combattimenti vari e meno noiosi. Arrampicarsi per esplorare la città dall’alto richiederà un attento calcolo dei punti di appiglio e l’implementazione di funzioni in grado di farci compiere acrobazie aeree più performanti, a scapito della nostra incolumità, ha ampliato molto il gameplay. Il gioco è stato provato sia con mouse + tastiera che con un Controller USB per Windows Xbox 360. La comunità Pc sicuramente prediligerà la prima configurazione anche se il nostro consiglio è di prendere seriamente in considerazione la seconda.
Una piccola critica riguarda forse la meccanica con la quale potremo selezionare un determinato bersaglio durante uno scontro di mischia: sfortunatamente la funzione di ‘target lock’ sembra quasi casuale e obbliga il videogiocatore a perdere troppo tempo per poter inquadrare il suo obiettivo. In alcuni spezzoni della storia saremo costretti a dover difendere dei compagni da ondate di guardie nemiche dove in un modo o nell’altro dovremo forzatamente puntare un preciso bersaglio, pena il fallimento inevitabile della missione. Le innumerevoli armi che avremo a disposizione, costantemente perfezionabili grazie agli studi di Leonardo, sono adesso gestibili attraverso un menù interattivo appositamente dedicato (ricorda molto quello di Prototype). La numerosità e la varietà degli NPC ha mostrato come la complessità generale del mondo Rinascimentale Italiano, nel quale ci immergeremo nei panni di Ezio, sarà in grado di fornire molti tipi diversi di missioni secondarie, a differenza della monotonia che ha caratterizzato il primo capitolo infatti questa volta Ubisoft sembra aver puntato più sull’interazione dei personaggi che sulla loro passività. L’implementazione di nuove caratteristiche come il volo e il nuoto evitano di limitare l’esplorazione alla sola sincronizzazione dall’alto rendendo l’ambiente circostante molto più sfruttabile. Il raggiungimento di un obiettivo comporterà quindi un più accurato studio della situazione così da permettere al videogiocatore di scegliere la via più indicata. Di fatto non ci troveremo più a dover commettere omicidi seriali sempre allo stesso modo ma ci capiterà di dover studiare attentamente la mappa per poter accedere, nel più sicuro dei modi, a determinate zone (anche segrete). Ogni vicolo infatti rappresenta un microambiente a sé stante dove poter assoldare un manipolo di mercenari (o di prostitute) per distrarre le guardie o acquistare preziosi unguenti dal medico di turno.

Assassin's Creed 2 Riassumendo quindi abbiamo constatato con molto piacere come alla Ubisoft il mercato dei giochi per Pc non sia ancora considerato finito. Quello che ormai avviene, diversamente da ciò che accadeva precedentemente, è il porting da console a Giochi per Windows. Investire in un prodotto che non vende è sicuramente sbagliato ma lavorare per rendere tale investimento proficuo è una mossa davvero lungimirante e coraggiosa, capace forse di stravolgere le tendenze del mercato che vede ormai quasi solo titoli studiati ad hoc per le console. Sicuramente risollevare le sorti del gaming su Pc non sarà facile ne tanto meno rapido, tuttavia ci sembra proprio un ottimo punto di partenza sul quale mettersi al lavoro. Non ci resta che attendere il 04/03/10 per calarsi nel meraviglioso mondo di Assassin’s Creed 2 direttamente sul nostro personal computer.