Resident Evil VII Adesso online

Eternal Backlog: giochiamo a Resident Evil 7!

E3 2013

Hands on Batman Arkham Origins Blackgate

La versione portatile di Arkham Origins non soddisfa pienamente alla prima prova

hands on Batman Arkham Origins Blackgate
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • 3DS
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Forse siamo un po' troppo disfattisti, ma dopo aver visto la presentazione di Arkham Origins ed aver messo le mani sulla versione giocabile di Blackgate, capitolo portatile che accompagnerà l'uscita del fratello maggiore esordendo su PsVita e 3DS, ci viene da pensare che Warner abbia sviluppato questo duetto videoludico con l'idea soprattutto di far cassa. Magari per finanziare lo sviluppo di un capitolo Next Gen, su cui Rocksteady starà probabilmente lavorando.
Per il momento però, i due Origins non fanno nulla per evolvere il franchise, né esplorano nuove soluzioni ludiche o creative. Probabilmente il generale senso di stanchezza si avverte di più quando si posano gli occhi sull'episodio per Home Console, dal momento che almeno sulle piattaforme portatili Blackgate cambia prospettiva, proponendo uno scorrimento bidimensionale che ricorda i videogiochi in stile Metroidvania. Rispetto agli esponenti delle due saghe che formano questa ormai diffusa "etichetta", Batman Arkham Origins Blackgate ha però strumenti ludici molto più spuntati. La demo dell'E3 ci ha permesso di assaporare il feeling generale, evidenziando però un avanzamento un po' palliduccio.

Uno spin-off dal carattere limitato

L'avventura portatile del pipistrello si ambienta interamente all'interno del carcere di Blackgate, versione "edulcorata" del manicomio di Arkham. Seguendo la struttura del vecchio Arkham City, la storia vede l'uomo-pipistrello recarsi nel carcere di massima sicurezza per sedare una rivolta, e poi rimanere intrappolato all'interno della struttura dal piano criminale di chissà quale Villain. Il plot, attualmente avvolto nel mistero, si colloca sei mesi dopo gli eventi dell'Origins casalingo: permetterà magari di approfondire una delle molte linee narrative che si intrecceranno nell'avventura, anche se probabilmente si tratterà di vicende parallele e autonome, come spesso accade per gli spin-off portatili.
La demo dell'E3 non si è focalizzata in ogni caso sull'aspetto narrativo, bensì ci ha dato un assaggio del gameplay, presentandone tutti gli elementi principali. L'esplorazione sembra giocare un ruolo chiave in Blackgate, tanto che la maggior parte delle sequenze giocate vedono il pipistrello correre sui tetti, lanciarsi da una piattaforma all'altra, ed utilizzare il rampino per raggiungere obiettivi distanti. Per il momento l'incedere ci è parso abbastanza lineare, ma il team sostiene che tutte le zone del carcere saranno accessibili fin da subito, e che il backtracking sarà un elemento fondamentale dell'avanzamento. Recuperando nuovi gadget sarà possibile accedere a settori prima preclusi, scovare segreti e procedere nell'avventura. L'elemento investigativo sarà importante e strettamente connesso con l'avanzamento. Nel corso della demo abbiamo avuto modo di sfruttare il Detective Mode, che si attiva con un rapido tocco sullo schermo. Sfruttando il touchscreen è possibile zoomare sulle varie zone dell'ambiente, per cercare ad esempio elementi interattivi nascosti. Svelata la presenza di una scala antincendio, un batarang sulla chiusura di sicurezza ha permesso di farla scendere per proseguire.
Molto meno convincenti appaiono le fasi stealth: lo scorrimento bidimensionale non aiuta, e non vediamo come queste sezioni potrebbero vivacizzarsi nel corso dell'avventura. Per il momento restano abbastanza insipide, molto facili da affrontare (anche grazie alle indicazioni della modalità Predatore) e per nulla stimolanti.
Buona invece la trasposizione dei combattimenti. Il team di sviluppo ha ripreso il sistema del capitolo casalingo -animazioni comprese- e l'ha adattato alla nuova prospettiva. Nonostante la bidimensionalità insistita, nel corso dei combattimenti i nemici tendono ad accerchiare il pipistrello, posizionandosi anche "in profondità", e quindi costringendo a stare bene attenti. Il sistema si basa come sempre su sequenze di attacchi e contrattacchi, e la sfida sta tutta nel realizzare combo più lunghe possibile, senza perdere il "flow": in questa maniera si sbloccano mosse speciali con cui mettere KO gli avversari.

I vari aspetti del gameplay di Arkham Origins Blackgate, al di là degli alti e bassi appena sottolineati, potrebbero potenzialmente comporre un'avventura varia e intrigante. Purtroppo la demo non ci ha rassicurato, presentandoci una sezione abbastanza insipida, in cui le varie fasi (esplorazione, combattimento, sequenze stealth) restavano sostanzialmente indipendenti e poco approfondite.
Speriamo quindi che si tratti di una sezione iniziale poco esemplificativa della qualità globale del prodotto. Uno degli aspetti che invece ci ha colpito è stato quello grafico. Su PlayStation Vita, Arkham Origins Blackgate si mostra in ottima forma, con ambienti dettagliati ed effetti di luce convincenti. Negli ambienti aleggia un alone cupo che trasmette la stessa atmosfera di Arkham City, la fluidità non è compromessa da una mole poligonale solida e dalla presenza di filtri che riducono l'aliasing, regalandoci una scena molto pulita.

Batman Arkham Origins Blackgate La svolta bidimensionale dell'uomo pipistrello potrebbe essere vincente per far approdare la saga Arkham su piattaforme portatili. La demo di Blackgate dimostra che le fasi di esplorazione e combattimento si adattano perfettamente alla nuova prospettiva: solo le sezioni stealth convincono un po' meno. Tuttavia per il buon successo della produzione il team dovrà darci molto di più di quello che si è visto all'E3: una progressione varia e ben amalgamata, un backtracking che sappia valorizzare il level design, un senso di sfida maggiore. Tutti aspetti che mancano in questa prima demo, e che speriamo di trovare nel prodotto finale, in arrivo - assieme al capitolo casalingo - il prossimo 25 Ottobre.

Che voto dai a: Batman Arkham Origins Blackgate

Media Voto Utenti
Voti totali: 39
6.3
nd