Hands on DOFUS 2.0

Provata la nuova versione 2.0

hands on DOFUS 2.0
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Andrea Schwendimann Andrea Schwendimann nasce smontando un 486DX e divorando qualsiasi videogame da allora in avanti. Non ha resistito a nessuna piattaforma, appassionandosi a qualsiasi genere, pur prediligendo gli FPS, gli action-adventure, gli RPG e l'hardware da gaming in ogni declinazione. Lo trovate su Facebook, su Steam e su Google Plus.

Tra i molti MMORPG che si trovano in rete, Dofus si distinse nel 2004 come uno dei primi progetti a proporre un mondo vasto e ben caratterizzato, ad un prezzo contenuto e con un'accessibilità immediata. Pochi mega da scaricare sono ciò che separa l'utente dal prodotto completo, grazie a un ottimo uso della piattaforma Flash. A fronte di 7 milioni di giocatori nel mondo, entro fine anno gli Ankama Games lanceranno la nuova versione della loro creatura che, per ora, consiste principalmente in un massiccio update grafico. Oltre a questo però, occorre precisare che da un mese a questa parte Dofus è stato portato in Italia, con una traduzione completa dell'ultima versione del client (la 1.28) e un server dedicato che ad oggi ospita 80.000 account. Questo articolo è quindi una via di mezzo tra un hands-on dell'ultima versione scaricabile, la 1.28, e una breve anteprima della nuova versione 2.0.

Dammi il Dofus!

Il piacevole sito ufficiale italiano ci introduce alla storia che coinvolgerà i giocatori dalla creazione del loro primo personaggio. In un mondo pieno di magia e strane razze da scoprire, un giorno arrivò una creatura mai vista prima, un drago. Un giovane cavaliere di nome Rikke, fu l'unico abbastanza coraggioso da affrontarlo e con suo stupore, invece di una violenta battaglia, cominciò una duratura amicizia tra il cavaliere e la strana creatura. Passarono gli anni e Rikke si innamorò perdutamente di una giovane ragazza. Al drago però non piacque l'inevitabile separazione da Rikke e per gelosia uccise la sua amata. Furioso, il cavaliere affrontò il draconico amico e nell'epica battaglia che seguì si uccisero a vicenda. A seguito della tragedia, i saggi del mondo di Amakna rinvennero nel ventre del drago sei uova colorate che chiamarono Dofus. Tutto quello che riuscirono a scoprire sulle uova fu abbastanza per sconvolgere l'ordine di Amakna: chi le avesse possedute tutte avrebbe ottenuto un potere senza pari. Cominciò così la corrente epoca di battaglie e scontri, dove lo scopo finale di ogni classe e razza è quello di impossessarsi dei sei Dofus e che vedrà come protagonisti tutti coloro che decideranno di iniziare l'avventura sui server di gioco.

Caratterizzazione di Amakna, tutta in italiano

Per cosa si distingue dunque Dofus dagli altri MMO in circolazione? La risposta non è semplice ma vale la pena analizzare brevemente le caratteristiche principali del titolo Ankama Games. Innanzitutto Dofus è un titolo che è possibile provare gratuitamente a tempo indeterminato, seppur con fortissime limitazioni. Una volta creato il vostro account potrete scegliere il server di gioco e dar vita fino a tre differenti personaggi scegliendo tra dodici diverse classi. Quello che colpisce fin dall'inizio è la caratterizzazione di ogni singolo elemento di gameplay, oltre alla traduzione italiana che si attesta su un livello ottimo. I traduttori non si sono infatti fermati alla mera localizzazione a cui purtroppo i videogiocatori italiani sono da tempo abituati, ma hanno ricreato i termini e i nomi del mondo di Amakna nella nostra lingua, rispecchiando lo stile originale. Ottimo lavoro quindi, anche se c'è ancora parecchio da fare data l'età giovane dell'unico server italiano a disposizione. A questo proposito i responsabili di Dofus Italia hanno recentemente dichiarato che non sono per ora previsti nuovi server di gioco italiani e che, per chi volesse intraprendere l'esperienza su un server heroic, di rivolgersi ai server in lingua inglese. Tornando alla caratterizzazione, bisogna sottolineare la semplicità del titolo che tuttavia nasconde una profondità di gameplay piuttosto notevole. Non servono infatti pesanti manuali e ore di gioco per entrare a far parte del mondo di Dofus. La grafica cartooneggiante, rivolta comunque a un pubblico adolescente e animata in stile manga tramite Flash, ben rispecchia l'immediatezza con cui si svolgono le sessioni. Pochi click e saremo subito online per condurre le prime quest nella zona di partenza, controllando il nostro alter ego appena creato. Il gameplay generale rispecchia quello classico degli MMO vecchia maniera: raccogliete le quest e fiondatevi a completarle come descritto. Nessuna sorpresa quindi, ma l'aspetto interessante del titolo è un altro. I combattimenti infatti sono a turni su mappe reticolate e danno vita a scontri sempre godibilid ata la varietà di abilità e razze a disposizione. Ogni personaggio dispone di un totale di punti azione di punti movimenti, variabili a seconda delle proprie statsitiche, e un tempo limite in cui usare ogni abilità. Ogni nemico è visibile sulla schermata di movimento e per iniziare una battaglia dovremo volontariamente ingaggiare i nemici cliccandoci sopra. Niente incontri a sorpresa quindi, anche se in determinate situazioni sarete obbligati ad affrontare chi vi si para davanti. Il corso dei combattimenti risulta quanto mai variegato e apprezzabile per strategia e collaborazione. Nel primo dungeon a disposizione, da affrontare rigorosamente con un party, potrete avere un assaggio di come un buon lavoro di squadra in Dofus sia essenziale per svolgere le imprese più ardue. Nelle pause che separano il vostro turno da quello dei compagni e dei nemici potrete quindi usare la chat per gestire al meglio le opzioni possibili a voi e ai vostri compagni, elemento questo che rende Dofus particolarmente semplice nello svolgimento pur mantendo una complessità degna di nota.

Nuova carne al fuoco

Nei primi mesi del 2010 uscirà la versione 2.0 del client che rivoluzionerà completamente l'aspetto grafico. Ogni singolo elemento implementato sarà quindi aggiornato con un comparto tecnico più moderno che rispecchia però la tradizione cartooneggiante di Dofus. Al di là della nuova cosmesi, le animazioni sembrano finalmente rispecchiare in modo fedele le azioni compiute dai giocatori, i cui personaggi non sembreranno più dei burattini piantati in mezzo a un campo erboso. Anche gli NPC hanno subìto lo stesso trattamento e il risultato finale appare davvero gradevole dai primi video rilasciati. Infine i programmatori hanno aggiornato tutta l'interfaccia di gioco, migliorandola per sposarsi con la nuova veste grafica. Finora non si è visto nulla sotto questo aspetto ma le promesse, come al solito, sono di rinnovata semplicità di utilizzo soprattutto per quanto riguarda il crafting e le professioni.

Nel frattempo i programmatori di Ankama Games non dormiranno sugli allori. Da pochi giorni è infatti disponibile la versione 1.28 del client che introduce due nuovi quest-hub di allineamento. I giocatori potranno dunque prendere parte alla battaglia tra le città di Bonta e Brakmar da sempre in conflitto. Ultimamente la guerra vede la città marittima di Bonta in vantaggio e starà a voi decidere se dare la batosta finale ai Brakmariani o cercare di contrattaccare le navi di Bonta per riequilibrare la situazione. Ogni quest line inizia da uno dei due leader di fazione, Amayro e Oto Mustam, che vi chiederanno a quale ordine della corrispettiva città vorrete affiliarvi. A ciascuno dei sei diversi ordini (tre per fazione) corrisponde un differente set di nuove specializzazioni anche se, per garantire il bilanciamento tra i giocatori, offrono corrispettivamente le stesse ricompense indipendentemente dalla fazione che sceglierete di appoggiare.

DOFUS Dofus appare come un MMO solido e maturo nel supporto e nei contenuti. I giocatori italiani avranno di che divertirsi giocando il titolo nella sua interezza nella propria lingua madre. Ad oggi, la zona di partenza rimane ancora quella più affollata del server tutto italiano ed è ancora raro incontrare molti giocatori nelle vaste zone di livello avanzato. Dall'altra parte confermiamo un supporto ottimo da parte di Ankama Games alla loro creatura, con continui aggiornamenti di contenuti e un grande update all'orizzonte. Rispetto ad altri MMO della stessa fascia Dofus si riconferma come un caposaldo dell'online gaming, mantenendo la semplicità di gioco e l'immediatezza non secondi al divertimento, seppur vecchio strampo, garantito dall'ormai sconfinato mondo in cui è ambientato.