Crash Bandicoot Trilogy Adesso online

Giochiamo in diretta la prima trilogia di Crash Bandicoot!

GDC 2012

Hands on Fable Heroes

Un semplice Hack 'n' Slash vecchio stile come antipasto per Fable The Journey

hands on Fable Heroes
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
Andrea Schwendimann Andrea Schwendimann nasce smontando un 486DX e divorando qualsiasi videogame da allora in avanti. Non ha resistito a nessuna piattaforma, appassionandosi a qualsiasi genere, pur prediligendo gli FPS, gli action-adventure, gli RPG e l'hardware da gaming in ogni declinazione. Lo trovate su Facebook, su Steam e su Google Plus.

Sembra che Lionhead Studios non si fermi mai nel proporre nuovi prodotti basati sulla saga che li ha definitivamente consacrati. Fable Heroes è un progetto nato da Ted Timmins durante un round-up della compagnia, in cui il team di Microsoft cercava nuove idee dalle sue menti. Quattro giocatori in cooperativa esploreranno una Albion strutturata a livelli in un'avventura dal gameplay alla Gauntlet e dal look che ricorda Dungeon Defenders, in arrivo prossimamente su XBLA.

Marionette Giocose

Lo stile cel shaded e la buffa e goffa rappresentazione dei quattro personaggi controllabili a schermo, degli ambienti e dei nemici saltano subito all'occhio in quella che sembra una versione evoluta di Fable II Pub Games. A chi non ricorda la raccolta di "Gabling Games" che precedette l'uscita di Fable III, basti sapere che si trattava di una sorta di fugace preview dei minigiochi che si sarebbero affrontati poi in quel di Albion, che permetteva di accumulare soldi da spendere in game al momento dell'arrivo dell'episodio principale. Qui stile e struttura sono completamente diversi, ma è stata posta particolare enfasi sullo sblocco reciproco di contenuti tra Heroes e Fable: The Journey. Giocando a Heros si potranno infatti ottente personaggi e modalità aggiuntive per il futuro titolo kinect (come Gabriel, uno spadaccino tutto velocità e precisione). Sarebbe però riduttivo vedere Fable Heroes solo in quest'ottica: l'azione in side-scrolling appare classica ma ben caratterizzata nella sua semplicità, a partire dal sistema di combattimento hack and slash accessabile tramite soli tre tasti (X per l'attacco base, Y per quello potente e il grilletto di destra per quelli speciali).
Rimanendo comunque un gioco incentrato sulla modalità co-op, tutte le scelte di sviluppo covergono ovviamente in una sola direzione. A schermo avremo sempre quattro personaggi che percorreranno livelli assolutamente lineari e non esplorabili, ma composti da bivi specifici da poter intraprendere a seconda di cosa voglia fare il gruppo: volete affrontare un bel boss impegnativo? Caricatelo senza pietà. Volete invece divertirvi insieme in un mini-game? Scegliete l'altro percorso per dilettarvi in una gara di calcio del pollo o altri derivati da Mario Party & co.

Anche il sistema di leveling dei personaggi enfatizza l'aspetto scanzonato di Fable Heroes. Alla fine di ogni schema avremo raccolto un certo numero di monete: potremo quindi effettuare dei lanci di dadi con cui procedere lungo un tabellone -in stile monopoli- per sbloccare nuove abilità e caratteristiche aggiuntive spendendo il denaro di cui sopra. Potreste tuttavia non desiderare l'upgrade su cui siete capitati sul tabellone, tenendo quindi semplicemente da parte le monete spese e conservarle per un'occasione migliore, o addirittura per dare un boost economico al vostro personaggio di Fable The Journey.
La campagna -che dura circa 6 ore- non poteva che essere costellata di scelte morali e teatrini tragicomici scatenati ovviamente dai giocatori. Esemplare il momento in cui uno dei quattro continuava a togliere da sotto il naso a un compagno un cuore che gli avrebbe permesso di rimanere in vita di lì a poco, mentre gli altri due si sbellicavano di risate amare.
Infine citiamo anche la modalità Dark Albion, sbloccata al termine della campagna normale e che la ripropone con nuovi nemici e routine d'intelligenza più efficaci, culmine del sistema di sblocchi progressivo che caratterizza tutto Fable Heroes, proponendo una scalata di minigiochi, boss e sfide gradualmente sempre più impegnative.

Fable Heroes Fable Heroes appare come un prodotto schietto, sincero, privo delle pretese d'innovazione kinectiane del suo fratello maggiore The Journey, con cui Lionhead sembra decisamente meno a suo agio. Proprio per questa freschezza nel proporre una formula così nota, ma altresì poco sfruttata sul mercato console, rimaniamo in attesa della sua uscita che promette qualche ora di divertimento in un mondo noto, ma che pare abbia ancora molto da dire in modi sempre differenti e, per una volta, piacevolmente classici. Pur mantenendo, se non amplificando, quel lato eclettico tipico della serie.

Che voto dai a: Fable Heroes

Media Voto Utenti
Voti totali: 17
5.8
nd