Hands on FIFA 13

FIFA e tablet, intesa perfetta?

hands on FIFA 13
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • PSVita
  • Wii U
  • Pc
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

L'uscita di una nuova console, qualunque sia la "fede videoludica", è un evento. L'attesa nei mesi che precedono la release sale alle stelle, le informazioni si rincorrono e i negozianti (o per meglio dire, al giorno d'oggi, le grandi catene) iniziano la rincorsa all'offerta, al bundle, alla vendita d'eccezione per accaparrarsi quanti più clienti possibili. Un frenetico agitarsi che non porterebbe a nulla di concreto se la console in oggetto, già dal day one, non fosse accompagnata da una serie di titoli in grado di valorizzarne le potenzialità ed attirare i videogiocatori. Nintendo lo sa molto bene, avendo già dimostrato capacità in merito sia con Wii che con Nintendo 3DS. Proprio per questo, tra i titoli che accompagneranno la nuovissima ed attesissima Wii U (prevista, a nostro avviso, tra Novembre e Dicembre), troviamo FIFA 13, uno dei titoli più attesi della stagione autunnale. Si tratta, specialmente per quanto riguarda il nostro Paese, di un accompagnamento ideale, potremmo quasi dire perfetto, per la promozione di una nuova console.
Vista la prossimità di questo lancio, Electronic Arts ha pensato di mostrare finalmente tutte le caratteristiche dell'episodio Wii U di FIFA, dandocene più d'una prova durante l'evento canadese Open House, svoltosi qualche settimana fa in quel di Vancouver.

Tablet gameplay e qualche sorpresa

Prima di spiegare cos'è FIFA 13 Wii U e cosa può fare è necessario sottolineare cosa non è e cosa non può fare. Matt Prior, line producer per la versione Nintendo, ha in questi giorni dichiarato: "FIFA 13 Wii U non è un porting di FIFA 13...", snocciolando poi le classiche nomenclature che EA Sports è solente dare alle nuove feature - questa volta legate al particolare tablet controller della nuova console made in Kyoto. Dietro a queste parole, tuttavia, si nasconde una sorpresa che potrebbe non rendere esattamente felici tutti i fan della saga in procinto di acquistare una Wii U. Il team, dovendo sviluppare qualcosa di unico per sfruttare le caratteristiche della console, è infatti stato costretto ad utilizzare una base di partenza solida, non una mutevole come poteva essere -in questo caso- FIFA 13 HD. La versione Wii U, perciò, sarà interamente basata su FIFA 12; in parole povere niente First Touch Control, niente Dribbling 2.0, niente Attacking AI, niente modalità Carriera rinnovata e niente Skill Challenge. Una scelta certamente impopolare ma, a detta dello stesso Prior, assolutamente necessaria. Con FIFA 13 Wii U il team ha dovuto anzitutto avventurarsi nei meandri di un SDK (nome comune per i sistemi operativi che sottendono al funzionamento delle console) completamente sconosciuto, con problematiche non indifferenti derivanti -come lo stesso line producer ci dice- dai continui aggiornamenti inviati da Nintendo stessa. Partire da una base solida per costruirci sopra qualcosa di diverso, dunque, era assolutamente indispensabile. Non si può non ammettere, tuttavia, dopo aver provato intensamente FIFA 13 "normale", di faticare a "tornare" a quello Wii U. La sensazione -feature tablet a parte- sarà proprio quella di riprendere il capitolo della scorsa annata - un feeling non completamente piacevole per chi avesse modo e maniera di cimentarsi in entrambe le versioni.

"FIFA 13 Wii U presenterà tutte, ma proprio tutte le caratteristiche del FIFA che abbiamo imparato ad amare, dunque anche la possibilità d'impostare i controlli manuali e la facoltà di modificare le sliders di gameplay"

La grande forza di FIFA 13 Wii U sta però nel controller che, come anticipato, permetterà di svolgere funzioni finora disponibili solamente attraverso complessi menù o addirittura precluse. Prima d'inoltrarci nella schiera di possibilità offerte dal tablet è bene precisare che, pur mantenendo il suo fare serioso e simulativo, questo FIFA Wii U strizza l'occhio alle famiglie (un dogma per Nintendo secondo Matt Prior). La produzione, per quanto non sia ancora dato sapere come ed in quale misura, presenterà delle sezioni collaterali, dei mini giochi, espressamente dedicati a chi avesse voglia di divertirsi senza troppi pensieri - una sorta di "arcade mode" dove, molto probabilmente, le potenzialità del controller diverranno indispensabili. Scesi in campo nella parte simulativa del titolo, invece, scopriamo come l'implementazione del tablet si riveli immediatamente più stuzzicante di quella di Kinect nella versione Xbox 360. Mentre sullo schermo del televisore l'azione scorrerà "pulita", lo schermo del tablet sarà adornato da una sorta di cornice con inscritti tutti i comandi touch per gestire il nostro team. Con pochi tocchi, a palla ferma ma anche in gioco, saremo in grado di effettuare una sostituzione, di modificare la tattica (intervenendo sia sulle slide tattiche che sul modulo) o di sistemare una marcatura. Tutto in maniera estremamente intuitiva e senza sacrificare nulla rispetto a quanto offerto in questi anni da FIFA. Per quanto possano risultare collaterali, queste modifiche "on the fly" alla formazione e all'11 in campo consentiranno di risparmiare moltissimo tempo evitando, se possibile, pause forzate. Si riveleranno dunque particolarmente interessanti quando impiegate nel multiplayer via internet, implementato in questa versione Wii U alla stregua delle altre. Anche in questo caso, al posto dei benefit del rinnovato EA Sports Footbal Club, troveremo tutto quel che abbiamo potuto apprezzare in FIFA 12, con particolare enfasi per le Stagioni Online - la modalità sulla quale il team Wii U ha voluto focalizzarsi. Aspettiamoci, in questo senso, più di qualche tweak, nonché lo sviluppo di particolari interfacce capaci di adattarsi al controller tablet in maniera funzionale.

E, a proposito d'interfacce, è bene dire che di modifiche ce ne sono state parecchie proprio a quella dei menù principali del gioco, presenti nella loro versione più classica che in quella "ad alveare" appositamente adottata. Con la sola pressione di un tasto quest'ultima apparirà sullo schermo del nostro tablet controller, permettendoci con pochi tocchi di accedere a qualsiasi sotto-sezione: una trovata, come abbiamo visto, indispensabile per snellire il carico di spostamenti tra una sezione e l'altra. Ad onor del vero dobbiamo anche segnalare che quella classica non risulta sempre del tutto funzionale. La mappatura dei tasti nella navigazione, invertita alla giapponese, non rende immediata la stessa, facendo incappare il videoplayer in selezioni (o annullamenti) spesso non voluti; una problematica che, ovviamente, non si presenta in game, data la facoltà di mappare i controlli a piacimento. Una piccola precisazione a riguardo per i puristi: FIFA 13 Wii U presenterà tutte, ma proprio tutte le caratteristiche del FIFA che abbiamo imparato ad amare, dunque anche la possibilità d'impostare i controlli manuali e la facoltà di modificare le sliders di gameplay.
Ed è proprio disquisendo di gameplay che intendiamo concludere questo primissimo hands on con la versione Wii U. In primo luogo troviamo le feature legate alla Gameplay Tab, parallela alla Manager Tab di cui abbiamo parlato in precedenza. Per accedervi sarà sufficente puntare il controller tablet allo schermo e procedere tramite controlli completamente touch. Saremo in grado di "disegnare" con un dito la direzione dei tackle, di passare con buona precisione grazie ad un semplice tocco ed a tirare verso lo specchio della porta sfruttando un sistema visto in passato in calcistici molto meno prestigiosi. Scuotendo il tablet controller, infatti, la nostra prospettiva si sposterà in prima persona rispetto al calciatore in possesso di palla, mostrando lo specchio della porta ed un reticolo di mira per "fare fuoco". Non dovremo quindi far altro che puntare (stick sinistro) verso la zona di tiro voluta e toccarla sullo schermo del tablet. Il sistema si ripresenterà poi anche in caso di calci piazzati (diretti in porta) e calci di rigore, con le stesse meccaniche. In qualsiasi momento, ovviamente, sarà possibile tornare alla versione "classica" oppure concludere a rete senza sfruttare questa particolare possibilità - pur rimanendo in modalità Gameplay Tab. Le meccaniche, per quanto "edulcorate" rispetto al controllo tramite gamepad (qualche aiuto s'inserisce inevitabilmente), sono parse funzionali e divertenti, potenzialmente in grado di far passare in secondo piano (per i soggetti interessati) quella strana sensazione data dal passaggio tra FIFA 13 per Playstation 3 o Xbox 360 e lo stesso per Wii U. Il feeling con il tablet controller è buono; l'ergonomia, rispetto ad un normale gamepad, è ovviamente diversa ma assimilabile nel giro di quattro o cinque match; la sensibilità, pur assolutamente non a livello di un iPad (per fare un esempio), soddisfacente - tanto da non causarci problemi di sorta nel corso dei nostri test.
Graficamente la build Wii U da noi testata si è dimostrata semplicemente più pulita e raffinata rispetto al FIFA 12 che conoscevamo, e dal quale, anche qui, prende spunto. Non ci sono tutte le nuove animazioni implementate in FIFA 13 in versione Playstation 3 o Xbox 360 ma il comparto, complessivamente, si comporta molto bene, grazie alla potenza di Wii U e ad alcune modifiche che hanno portato soprattutto alla rifinitura dell'Impact Engine.

FIFA 13 Sarà difficile per FIFA 13 Wii U ambire al successo che sicuramente avrà il cugino per le console odierne. Tuttavia, anche basandosi su un gameplay quest’anno superato -ed in maniera netta- dalla produzione di Rutter e soci, questo FIFA in versione Wii U presenta delle caratteristiche molto interessanti (su tutte le possibilità legate al controller tablet) ed una struttura -non dimentichiamolo- estremamente solida come quella di FIFA 12, uno degli sportivi più titolati e venduti di sempre. La release al lancio della console, poi, si prospetta come l’ennesimo punto a favore per un FIFA che testerà il terreno per poi arrivare come un treno alla prossima versione e dare il via, nei piani di EA Sports, all’ennesima dinastia.

Che voto dai a: FIFA 13

Media Voto Utenti
Voti totali: 206
7.8
nd