Hands on Final Fantasy XIV: a Realm Reborn

Voliamo ad Amburgo per provare l'MMO Square Enix sulla nuova console Sony, e scoprire se i Chocobo diventano più belli

hands on Final Fantasy XIV: a Realm Reborn
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
  • Pc
  • PS4
Sergio Pennacchini Sergio Pennacchini Giornalista freelance, scrive di videogame da troppo tempo per ricordarsi esattamente quando ha iniziato. Vive a Londra ma non è un cervello in fuga perché mancano le basi, cioè il cervello. Lo trovate su Facebook e Twitter.

Non credo che un singolo gioco possa cambiare il destino di una saga che ha più di venti anni alle spalle. Sono convinto però che un singolo gioco possa cambiare la filosofia di un'azienda. Ed è quello che spero avvenga con Final Fantasy XIV”.
Naoki Yoshida ci guarda dritto negli occhi mentre, con queste parole, ci racconta le sue speranze, i suoi obiettivi con Final Fantasy XIV: A Realm Reborn. Lo fa con estrema franchezza, in una stanza di un locale di Amburgo, nel nord della Germania. I muri di pietra, la spada sul tavolo, gli affreschi alle pareti, tutto sembra essere posizionato apposta per ricordarci che questo gioco, in fondo, è solo una fantasia. Non finale, questa volta, perché la speranza di Square Enix è di far dimenticare a tutti i problemi di Final Fantasy XIV. “Quando sono entrato nel progetto, nel 2010, abbiamo dovuto praticamente ricominciare da zero. C'è voluto tempo ma adesso si vedono i primi risultati”, spiega Yoshida. Final Fantasy XIV: A Real Reborn è già uscito su PlayStation 3 e PC e si appresta, il prossimo aprile, ad arrivare anche su PS4. Nel mezzo ci sarà però il debutto in Giappone il 22 febbraio, proprio quando la nuova console Sony uscirà a Tokyo e dintorni. Una bella responsabilità: “Più che una responsabilità, è una bella occasione. Possiamo da subito sfruttare le potenzialità di una nuova macchina, una macchina pensata proprio per il gioco online e per permettere agli appassionati di condividere le esperienze di gioco”, continua Yoshida.

Fantasie terminali

A dispetto di quello che in molti potrebbero pensare, visto il lancio non proprio entusiasmante di FF XIV in Europa, il progetto A Realm Reborn tutto è tranne che fallimentare: col gioco che deve ancora uscire su PS4 e con alcuni paesi fondamentali ancora “vergini” come Giappone e Cina, il numero di abbonati attivi ha già superato 1,8 milioni. Tanti, di questi tempi. “Ed è per questo che non dobbiamo fermarci. Abbiamo creato un team di persone apposito, per fare in modo che il gioco venga aggiornato almeno una volta ogni tre mesi con tanti contenuti inediti”, spiega Yoshida.
Il primo aggiornamento, A Realm Awoken, è già arrivato su PC e PS3 e ha introdotto importanti novità come la possibilità di acquistare casa (e arredarla con tanti begli oggetti e poster dei chocobo in camera da letto). Senza contare nuovi dungeon, una nuova area per il PvP e una inedita linea di quest che va a allargare la trama principale. Tutti contenuti che saranno disponibili dal giorno uno anche su PlayStation 4. Più avanti arriverà l’aggiornamento Through the Maelstrom, che aggiungerà altre quest sempre dedicate alla trama principale, con nuovi dialoghi interamente parlati. Nell’update troverete un nuovo dungeon, il Leviatano come nuovo Primal e a quanto pare il debutto di Gilgamesh in un’altra storyline parallela.
Se non ci avete capito niente e siete a digiuno di Final Fantasy da un po’ (come darvi torto, del resto), sappiate che si tratta di mostriciattoli vari che fanno un sacco male.

Il viaggio ad Amburgo è l’occasione giusta anche per mettere le mani, brevemente, sulla versione PlayStation 4 di Final Fantasy XIV. Una toccatina veloce, fugace, tipo un maniaco in metropolitana all’ora di punta: solo un’oretta per assaggiare più che altro i miglioramenti tecnici portati da Square Enix al suo gioco di ruolo online. Miglioramenti che, sinceramente, facciamo fatica a definire come tali: rispetto alla versione PS3 si notano soprattutto modelli poligonali più dettagliati e un frame rate più stabile. Ma i personaggi più definiti finiscono per farti notare di più i difetti dell’ambiente di gioco, che invece è rimasto lo stesso della versione PlayStation 3. Insomma, alti e bassi, con la consapevolezza però che le cose non potranno fare altro che migliorare coi prossimi aggiornamenti. Discorso a parte merita il sistema di controllo: se pensate di giocare a FF XIV su PS4, procuratevi una tastiera altrimenti diventerete matti e finirete a lanciare Firaga e Blizzara al cane del vicino. Detto questo, in Square hanno fatto un buon lavoro per portare le mille funzioni di un gioco del genere sul DualShock 4. Il touchpad si può utilizzare come un mouse per navigare tra i menu, mentre coi tasti dorsali è possibile richiamare quattro diverse configurazioni di pulsanti, ognuna composta da otto scelte (croce, cerchio, triangolo, quadrato più le quattro direzioni del d-pad). A ciascun tasto potrete affidare un incantesimo o un'abilità. Potrete ad esempio creare un set per le magie curative, un altro per le abilità con l’arma, un altro ancora per gli incantesimi di attacco. Un po’ macchinoso all’inizio, ma funziona piuttosto bene. Da notare, infine, l’aggiunta del supporto per il remote play su PS Vita. Bella idea, non sappiamo quanto realmente utile vista la tipologia di gioco, ma comunque grazie per averci pensato, Square.


Final Fantasy XIV: a Realm Reborn Final Fantasy XIV uscirà su PlayStation 4 il 14 aprile al prezzo di 39,99 euro. L’abbonamento per giocare costa 10,99 euro al mese e, ovviamente, non serve essere abbonati al PlayStation Plus. Tra A Realm Reborn, DC Universe Online e il prossimo The Elder Scrolls Online, sembra proprio che la PS4 sarà la macchina giusta perché questo genere di giochi, da sempre dedicato più che altro all’utenza PC, possa finalmente dire la sua anche su console. Un genere ancorato a un modo vecchio di fare videogame, che calca un po’ troppo fedelmente le orme di World of Warcraft e che soprattutto propone un modello di business che ormai sembra superato: mentre tutti vanno verso il free to play, Square Enix e Bethesda insistono con l’abbonamento mensile. Siamo sicuri che sia la strada giusta?

Che voto dai a: Final Fantasy XIV: a Realm Reborn

Media Voto Utenti
Voti totali: 69
7.8
nd