GCom09

Hands on Gran Turismo 5

Prova diretta dell'attesissima simulazione automobilistica per PS3

hands on Gran Turismo 5
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3

La delusione nel non vedere Gran Turismo 5 tra i titoli presentati nel corso della Conference Sony di ieri è stata oggi mitigata quando una volta entrati nello showfloor abbiamo trovato all'interno dello stand Playstation una versione giocabile di Gran Tursimo 5 (quello vero e non più il Prologue come negli ultimi 2 anni).
La sopresa è stata tanta considerando che il brand videoludico più importante di Sony non è stato assolutamente citato nel corso della conferenza tranne in riferimento a PSP e alla versione Portable. Una decisione strana in quanto pur mantenendo la possibilità di fare una presentazione in grande stile al Tokyo Game Show di Settembre si sarebbe potuto far maggior luce su alcune delle novità che Gran Turismo 5 presenterà.
Tornando ai fatti, una ventina di postazioni con sedile sportivo e Driving Force annesso hanno dato la possibilità di provare per la prima volta GT 5 nella sua forma quasi definitiva anche se in modo molto ridotto. Il menù, pur completo, permetteva infatti di scegliere unicamente l'arcade mode lasciando oscurati Gtmode, Online, opzioni, Car Dealer e una misteriosa modalità Theater che potrebbe quindi riguardare GtTv e la visione dei replay di gioco salvati. Inoltre una volta lanciato il gioco era disponibile come auto solo l'ultima versione della Subaru Impreza WRC e come tracciato il circuito cittadino di Tokyo nella sua evoluzione da Gt4 a Gt5. Fortunatamente veniva mantenuta la possibilità di settare le classiche opzioni per aumentare il realismo della guida quali livello di simulazione, controlli elettronici e scelta degli pneumatici da utilizzare.

Demo

Passando alla prova pratica occorre innanzitutto specificare che la demo era a tempo, con una durata massima di circa due minuti e mezzo, e abbiamo potuto ottenere quindi solo un'idea approssimativa delle novità introdotte nel motore fisico di gioco, IA e danneggiamento dell'auto.
Una volta in pista quello che si nota subito è un ulteriore miglioramento della qualità grafica del titolo con un aumento della pulizia grafica, texture di risoluzione elevata e una ottima resa del modello di illuminazione unito a un sapiente uso dei colori sulle auto ancora più realistico. Anche il frame rate 60 quadri al secondo già apprezzato nel Prologue (anche se con qualche tentennamento), è stato ulteriormente affinato e reso più granitico nonostante la qualità tecnica del gioco sia indiscutibilmente aumentata.
Per quanto riguarda le sensazioni di guida il modello fisico sembra avere fatto un ulteriore passo in avanti sia nella resa del comportamento stradale dell'auto, sia nel contatto con gli avversari. La Impreza con la sua trazione integrale risulta incline al sottosterzo ma solo se portata al suo limite di aderenza, il lavoro delle sospensioni è reso in modo realistico e gli avversari non sono più dei pesi di granito inamovibili ma reagiscono con sufficiente realtà in caso di contatti un po' bruschi andando in testacoda o perdendo momentaneamente il controllo dell'auto. Occorrerebbe una prova con vetture a trazione posteriore e con avversari umani per avere un'idea più concreta della bontà delle modifiche introdotte.

Hard Damage

La grande novità, prima mondiale assoluta, è stata la possibilità di vedere, per la prima volta in tempo reale, in azione un sistema di danneggiamento delle auto in un episodio della serie Gran Turismo. Introdotti con il trailer dello scorso E3 i danni sono da sempre il sassolino nella scarpa della creatura di Kazunory Yamauchi. Oggi al quinto episodio possiamo finalmente apprezzare gli sforzi della software house giapponese nell'esaudire la principale richiesta dei fan della serie. Pur nei limiti della demo provata abbiamo potuto appurare che dal punto di vista estetico le vetture di tipo racing, come la Subaru Impreza WRC disponibile nella demo, si possono danneggiare profondamente non solo con una deformazione delle carrozzerie ma anche con perdita di parti quali porte, paraurti, cofani ecc. Di più purtroppo non è stato possibile comprendere in quanto sia la brevità della demo sia l'impossibilità di avere un feedback audio dal gioco impedivano di comprendere se l'auto danneggiata avesse subito delle perdite di prestazioni, se i danni potessero intervenire anche sugli avversari in gara e se la vetture stradali fossero soggette a danneggiamento.
Intervistato alla Gamescom Kazunori Yamauchi ha confermato che non tutte le auto potranno subire danni ma non ha voluto specificare quali, in compenso ha però, purtroppo, confermato che anche questa volte le Porsche non ci saranno a causa di un accordo di esclusiva sottoscritto dall'azienda tedesca. Un vero peccato anche se per noi Italiani la presenza di Ferrari, Maserati, Lamborghini, Alfa Romeo, Bugatti e Pagani renderà la mancanza del celebre marchio meno dolorosa.
Naturalmente non ci sono state dichiarazioni in merito alla data di uscita anche se sia Poliphony che Sony continuano a dire che sarà prima di quato possiamo immaginare.

Gran Turismo 5 Non resta quindi che attendere la fine di settembre e il Tokyo Game Show per conoscere finalmente tutta la verità su GT5 con tutte le novità di gioco, le modalità e la tanto agognata release date. Siamo comunque felici che Sony, pur senza annunciare una release definitiva, abbia voluto portare il suo prodotto direttamente sullo showfloor. Gli Hands On parlano da soli, e a dispetto dei pochi annunci della conference, si sono viste bellissime cose nei padiglioni del GamesCom.