GCom13

Hands on Gran Turismo 6

Una nuova prova su strada e la presentatione del progetto GT Vision

hands on Gran Turismo 6
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3

Dopo aver assistito alla presentazione stampa di GT6 ed aver potuto testare il gioco sullo showfloor non riusciamo a fare a meno di chiederci: perchè su Playstation 3?.
La nuova iterazione della saga creata da Poliphony Digital dimostra chiaramente di essere costretta nei margini di uno sviluppo troppo misurato, su una console che ha ormai raggiunto il suo picco massimo di sfruttamento e non permette più radicali cambiamenti e innovazioni per invalicabili limiti tecnici.
Non è un caso che la presentazione sia stata dedicata per più di metà del tempo a una feature marginale ai fini del gameplay, utile solo a dimostrare ancora una volta l'importanza che Poliphony Digital ha all'interno dell'industria automotive.
Si tratta in particolare del progetto Vision GT, sviluppato in collaborazione con tutti i più importanti produttori e studi di design automobilistici, che in stretto contatto con gli sviluppatori giapponesi sono al lavoro su una serie di concept car innovative e futuristiche per celebrare i 15 anni della serie.

For those who love cars

Nel corso della sua presentazione Kazunori Yamauchi ha voluto soffermarsi sulle varie collaborazioni instaurate con i più grandi nomi dell'industria automobilistica.
Alfa Romeo per GT6 sta lavorando alla 6C, dove 6 è il numero deI cilindri del classico V6 Alfa.
La Renault con il marchio Alpine sta preparando una sport car estrema che verrà svelata in futuro, Aston Martin sta lavorando a stretto contatto con Poliphony per un nuovo modello dal classico stile inglese e Peugeot ha in sviluppo una sport car che sappia degnamente rappresentare la sua storia sportiva fatta, di successi nelle più importanti manifestazioni motoristiche, tra cui la recente affermazione al Pikes Peek con la 208 T16, guidata dal pluri iridato campione del mondo di rally Sebastien Loeb.
Anche l'italianissima Zagato ha accettato di collaborare con Poliphony per concedere a GT6 una delle sue prossime meravigliose creazioni.
Il gruppo Volwswagen ha messo a disposizione i suoi marchi più importanti: Audi sta progettando una concept per Vision GT non soffermandosi solo sul puro aspetto estetico ma studiando anche innovazioni tecnologiche che potranno in futuro essere applicate alla produzione di serie. Oltre alla ultima versione della Golf GTI, si prepara a fare la sua apparizione sulle strade di GT6 una GTIdal design estremamente futuristico. Lamborghini, in collaborazione con Bertone, è al lavoro su una concept estrema, sullo stile di quanto già visto con le recenti Veneno ed Egoista e la Italdesign di Giugiaro si prepara a stupire ancora una volta con una delle sue creazioni.
Non può naturalmente mancare Mercedes, che ha messo in campo i suoi studi di design sia europei che americani per creare la AMG definitiva da inserire in GT6.
Per il resto del mondo, dalle americane SRT e GM Design alle Giapponesi Honda, Nissan e Infiniti, sono tutti al lavoro per creare auto concept da sogno per GT6.
Non solo i designer automobilistici sono stati coinvolti in questo progetto: anche Nike e Tinker Hatfield (designer del marchio Jordan) proporranno la loro interpretazione dell'auto sportiva.
Solo alcune di queste auto saranno disponibili al lancio del 6 dicembre, le altre arriverannocon DLC successivi per i quali al momento non ci sono dati definitivi in merito a disponibilità e prezzo.
Chiusa questa lunga parte dedicata a Vision GT, Yamauchi si è quindi dedicato brevemente ad introdurre le novità della demo portata a Colonia, e a fornire le prime indicazioni sulla modalità online di GT6.
Per quanto riguarda le novità presenti nell'ultima build del gioco, sono state introdotte alcune nuove auto tra le quali meritano menzione la Abarth 1500 biposto Bertone del '52, la BMW 507 del '57, la BMW Z8, la Cizeta V16T, la Karma Fisker, la Focus ST 2013 e l'incredibile Pagani Huayra.
Tra i tracciati, oltre al recentemente annunciato GoodWood, location del celebre festival automobilistico che si svolge una volta all'anno, a Colonia è stato mostrato, per la prima volta, il meraviglioso circuito di Brands Hatch, uno dei templi dell'automobilismo sportivo. Da segnalare infine il gradito ritorno di Apricot Hill Raceway, completamente rivisto in versione Playstation 3 e sul quale sarà possibile gareggiare a qualsiasi orario della giornata.
Mostrate anche alcune delle location dedicate alla modalità fotografica: si tratta dell'impianto per l'energia solare di Gemasolar in Spagna, Piazza Duomo a Siracusa, Ronda in Spagna ed infine la Città delle Arti e delle Scienze a Valencia.
In questa occasione, come è solito fare, Kazunori Yamauchi non si è sbottonato più di tanto sulla struttura di gioco, in quanto sarà svelata nel corso del Tokyo Game Show, salvo dare qualche indicazione sulla modalità Curse Maker che darà la possibilità di creare tracciati su una estensione di area di 100km x 100km.

Passando a parlare della modalità online, Yamauchi ha voluto innanzitutto sottolineare come GT5 rimanga ad oggi il titolo online PS3 con più giocatori e che dopo 3 anni dall'uscita ben 1,5 milioni di utenti continuino a giocarci.
Nel corso dello sviluppo di GT6 il team ha poi continuamente tenuto in considerazione i feedback dei giocatori, per capire in quale direzione indirizzare le modifiche da approntare rispetto all'episodio precedente. Per Yamauchi la modalità online di GT6 si può considerare sviluppata “dai giocatori, per i giocatori”.
La nuova interfaccia estremamente minimalista e lineare nei colori e nella disposizione delle icone rende molto più facile creare gare singole e campionati; tutto il menù risulta molto più immediato ed intuitivo. Sono stati inoltre confermati i 16 giocatori online e i 60 frame al secondo.

Passando alla prova su strada con una delle postazioni presenti al boot Sony dotate di volante TT RS500 si confermano, per quanto riguarda la guidabilitá, le impressioni espresse nella prova della demo della GT Academy, salvo ulteriori passi in avanti fatti nella gestione della trazione e del power slide, ora più avvertibili e quindi più controllabili dal pilota. Anche i problemi sono rimasti gli stessi. Con la visuale interna il frame rate continua ad essere estremamente traballante e raramente vicino ai 60 frame al secondo. Con tutte le visuali esterne la situazione migliora notevolmente e il gioco appare molto più fluido, ma il lavoro di ottimizzazione dovrá essere imponente, considerando che nella demo erano presenti solo 6 auto in pista e che nella versione finale il gioco dovrà supportare anche orario del giorno e meteo variabile.
Per quanto riguarda la grafica si confermano le buone impressioni della demo. La resa e realizzazione della auto è magistrale e i tracciati creati per Ps3 sono allo stesso livello. Nulla da dire sul suono, dato che era assolutamente impossibile sentire l'audio del TV nel frastuono della fiera. Si conferma invece la velocità nei caricamenti di gioco con una deciso passo in avanti rispetto a Gt5.

Gran Turismo 6 Manca ancora la presentazione prevista per il Tokyo Game Show, ma ci sentiamo di ribadire quanto espresso in apertura. GT6 è un titolo che reclama un nuovo hardware, farlo su PS3 sta costringendo gli sviluppatori a fare i salti mortali per poter portare completamente a termine la loro visione. Il risultato ad oggi rimane positive, anche se dá l'impressione di essere più una versione riveduta e corretta di GT5 che un titolo veramente nuovo. La prova definitiva sarà al TGS, quando verranno svelate le varie modalità e le varie parti del progetto si uniranno nel prodotto completo. In merito alla domanda che ci facevamo all'inizio dell’articolo, lo stesso Kazunori ha voluto specificare che la scelta era obbligata in quanto, per la tipologia di gioco, la base installata di PS3 è un bacino di utenza troppo allettante e per non tenerla in considerazione. Probabilmente la scelta migliore sarebbe stato farlo uscire su PS3 e PS4, ma le dimensioni del team di Poliphony Digital non consentono di portare avanti lo sviluppo del gioco su due console, e pertanto è stata scelta la piattaforma capace di generare più profitti. Vedremo se, una volta completato lo sviluppo di GT6, gli sviluppatori sceglieranno di convertirlo su PS4 o iniziare da zero con la produzione di un nuovo titolo.

Che voto dai a: Gran Turismo 6

Media Voto Utenti
Voti totali: 33
8.4
nd