Hands on LEGO Harry Potter Anni 5-7

Provata la versione Playstation Vita: magie via touch screen e che altro?

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3
  • 3DS
  • PSVita
  • Pc
  • Psp
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Con una trentina di titoli al lancio non si può dire che la line up iniziale di Playstation Vita sia carente in varietà. La quantità è decisamente elevata per un nuovo hardware e anche se certi generi risultano già inflazionati (racing e picchiaduro), il giocatore può comporre il proprio primo approccio come meglio desidera.
La strategia di Sony ha comunque privilegiato nella data del 22 Febbraio i propri videogame (di fatto Unit 13 è l'unico titolo first party ad uscire qualche settimana dopo, il 7 Marzo, mentre l'atteso Gravity Rush ancora non ha una data specifica) e quelli dei partner di lungo, se non lunghissimo corso, come Namco o Ubisoft.
Non rientrando in questa categoria la giovine nel mondo videoludico Warner Bros si trova costretta a mancare la baraonda mediatica che coinvolgerà stampa specializzata e generalista nei giorni del lancio europeo, ma forse saprà appagare maggiormente i videogiocatori quando avranno terminato Uncharted: L'abisso d'oro o chi per esso e si rivolgeranno nuovamente agli scaffali del negozio di fiducia. Mortal Kombat e LEGO Harry Potter Anni 5 - 7 lo guarderanno con simpatia... Quest'ultimo fu rilasciato lo scorso Novembre sui principali sistemi, così da accompagnare videoludicamente la conclusione della saga cinematografica con il Blu Ray e DVD di Harry Potter e i Doni della Morte parte 2.
Recensimmo discretamente la versione Xbox 360 (voto 7, esattamente come il precedente LEGO Harry Potter Anni 1 - 4), ma il gioco fu rilasciato anche su console portatili Nintendo DS, PSP e 3DS.
Gli sviluppatori hanno atteso la Primavera (fine Marzo) per confezionare una versione Playstation Vita; quali feature avranno aggiunto rispetto alle versioni già in commercio?

It all ends!

LEGO Harry Potter Anni 5 - 7 ripercorre attraverso divertenti cut-scene mute le tappe fondamentali delle ultime pellicole, dall'insediamento della preside Dolores Umbridge alle vicende legate all'Ordine della Fenice, sino allo scontro finale con Lord Voldemort.
Esattamente come tutti i suoi predecessori LEGO suddivide l'avventura in tantissimi quadri, ambientati ora a Privet Drive (abitazione dei fastidiosi zii di Harry) ora ad Hogwarts, con interessanti escursioni nel centro di Londra, a Diagon Alley, Grimmauld Place e persino nel Ministero della Magia, ripercorrendo esattamente le tappe del viaggio del famoso terzetto.
Obiettivo principale quello della raccolta di monete e mattoncini dorati per incrementare il proprio punteggio ed ottenere, al termine di ciascun quadro, la valutazione migliore possibile. Ritorna dal preque la possibilità -in prossimità dei calderoni- di mescolare pozioni (predefinite) in maniera da dotare di nuove capacità i nostri eroi. Il tutto è contornato da un gradevolissimo backtracking, che impegnerà in maniera non banale anche qualche gamer smaliziato.
Le possibilità, che caratterizzano in definitiva la varietà dell'offerta ludica, aumentano nel momento in cui ci vengono presentati elementi particolari, con i quali potranno interagire solamente personaggi dotati di particolari abilità. Questo crea uno spirito cooperativo che nelle versioni casalinghe era appagato da un multiplayer cooperativo locale di tipo drop-in drop-out inquadrato da uno split screen dinamico assai efficace. Purtroppo questa opportunità non sarà trasposta su Playstation Vita attraverso la connessione wireless e, visto l'aumento esponenziale del divertimento garantito da questa opzione, ciò è innegabilmente un difetto.

Com'è su Vita?

Al contrario di Mortal Kombat dove gli sviluppatori si sono divertiti a scombinare le carte in tavola reimmaginando alcuni aspetti del gioco in funzione di Playstation Vita, Traveller Tales è stata assai più cauta proponendo sul debuttante handheld un porting fedele del titolo originario. Non ci saranno livelli aggiuntivi, né personaggi bonus come potevamo aspettarci dai mesi extra di sviluppo, ma vi sono delle novità riguardo il sistema di controllo.
Le magie potranno essere lanciate, oltre che con il tasto quadrato, premendo il touch screen anteriore: un veloce tap in un qualunque punto dello schermo e l'incantesimo selezionato sprigionerà dalla bacchetta. Non pensate che il pixel coperto dal vostro dito indicherà anche la direzione di lancio, legata ancora alla prospettiva dell'avatar in sincronia con una telecamera fissa.
In certi casi la mira può essere presa scivolando sul touch screen posteriore, ma la possibilità ci è parsa macchinosa, una ulteriore complicazione di un sistema di controllo non sempre liscio e intuitivo.
Senz'altro la decisione di abbandonare la precedente selezione circolare di personaggio utilizzato e magia in virtù di due icone switchabili al tocco una a in alto a destra e l'altra in alto a sinistra svecchia felicemente il concept grazie ai punti di forza di Playstation Vita.
Abbiamo avuto modo di riprovare la missione iniziale del gioco, lo scontro narrato nell'Ordine della Fenice dalle parti di Private Drive contro i Dissennatori interessati al cugino fifone di Harry, Dudley. Dal punto di vista grafico si rimane molto fedeli allo stile blocchettoso e al minimo affaticamento tecnologico delle versioni casalinghe, sfoggiando una serie di effetti grafici che sottolineano gli effetti prodotti dagli incantamenti degli accademici di Hogwarts e un "modello fisico" piuttosto credibile, sempre nell'ambito delle routine di smontaggio, montaggio e distruzione dei mitici mattoncini.
L'immagine è ben adattata allo schermo 5", più vicina alle proporzioni della versione casalinga grazie alla maggior larghezza rispetto al 16:9 di PSP. La brillantezza dell'OLED di Playstation Vita fa il resto, così da permettere a ciascun giocatore di scorgere i dettagli di oggetti e texture.

LEGO Harry Potter Anni 5 - 7 LEGO Harry Potter Anni 5-7 si presenta su Playstation Vita nella stessa veste con cui lo avevamo conosciuto lo scorso Novembre. Aldilà di alcuni menù rivisti a favore di touch screen ci troviamo di fronte ad un porting pari pari dal titolo originale, con il quale spartisce una certa confusione a livello di gameplay e una narrazione umoristica a misura di bimbo. L'eliminazione di una qualsiasi opzione cooperativa è forse il difetto più grande del prodotto...