Battlefield 1 (Patch Ottobre) Adesso online

Alla scoperta delle novità del Fall Update!

GCom11

Hands on Little Deviants

Provato alla Gamescom il Launch Title PsVita.

hands on Little Deviants
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PSVita
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

La strategia di Sony per PSP è sempre stata quella di trasferire sulla propria console portatile la stesse tipologie di esperienze disponibili su quella casalinga.
In seguito all’annuncio di Playstation Vita tale idea si è rinnovata, con lo sviluppo di titoli come Uncharted Golden Abyss che testimoniano la volontà di proseguire con tale trasferimento di IP da Playstation 3 verso il mobile.
Oltre alle grandi produzioni, però, ci sono anche titoli minori, alcuni dei quali sono stati presentati al pubblico in occasione della press conference di Sony che ha preceduto l’apertura del Gamescom di Colonia.
Tra questi era presente anche una versione giocabile di Little Deviants.

Minigames touch and roll

Little Deviants, insieme al recentemente annunciato Escape Plan, ha quindi l’onere di andare a rappresentare la prima ondata di titoli per tutti che verrà pubblicata al lancio della console.
Alla GDC 2011 di San Francisco Little Deviants era ancora una tech demo mentre ora sta diventando lentamente un gioco vero e proprio.
La demo si articolava in ben quattro differenti minigiochi, tutti studiati per cercare di sfruttare al massimo le funzionalità peculiari del nuovo portatile di Sony: touch screen, giroscopio e pannello posteriore sensibile al tocco.
Il primo minigioco è formato da livelli disposti verticalmente, nei quali uno dei simpatici protagonisti scende in caduta libera, cercando di afferrare più stelle possibili nel tragitto e sfruttando l’ambiente per rimbalzare e muoversi.
Per giocare basta inclinare la console verso destra o sinistra, andando quindi a far ruotare l’ambiente in una sorta di modalità affine a quanto visto negli episodi di LocoRoco.
Il secondo minigioco sfrutta invece entrambi i sistemi di input touch presenti nella console, sia lo schermo frontale che il pannello posteriore: una struttura di mattoni quadrata ha svariate finestrelle che si apriranno mostrando nuovamente uno dei Deviants e quest’ultimo potrà essere rivolto verso il giocatore o dargli le spalle.
In modo simile ai vari giochi in cui bisogna martellare le talpe che escono dal terreno basterà toccare gli animaletti per guadagnare dei punti, utilizzando il touch screen se rivolti frontalmente o il pannello posteriore se di spalle.
Il gameplay sembra quindi molto semplice anche se il numero e la rapidità con cui appariranno aumenterà vertiginosamente, trasformando la partita in una gara di abilità per riuscire a gestire con prontezza entrambi i lati della console, cercando di non commettere errori.
Il terzo minigioco è anche il più noto: dei livelli tridimensionali rappresentano uno scorcio di foresta nel quale i protagonisti possono rotolare come biglie. Toccando il pannello posteriore sarà possibile alterare la struttura dell’ambiente, creando delle collinette temporanee che serviranno a far spostare gli animaletti verso l’uscita.
La difficoltà è tutta nel prendere confidenza con un sistema di controllo tanto atipico, nel quale bisogna toccare il fondo della console praticamente alla cieca, muovendo lentamente le dita per trovare una corrispondenza tra il punto sfiorato e ciò che accade sullo schermo.
Infine è presente un minigioco che ricorda Face Raiders, incluso nel software di sistema di 3DS: la camera posteriore della console inquadra l’ambiente circostante, sovrapponendo al filmato dei razzi da colpire, guidati dai robot cattivi che vogliono imprigionare i Deviants.
Per mirare si muove la console in orizzontale e verticale, sparando semplicemente con uno dei tasti dorsali una volta che il mirino centrale ha inquadrato un nemico.

Little Deviants Little Deviants non è sicuramente uno dei titoli che sfrutterà la grande potenza della console nel primo periodo d’uscita ma ha il merito di avere uno stile particolare, basato sulla vegetazione e sul verde, con dei protagonisti folli e gommosi che ben si sposano con meccaniche puzzle che cercano in ogni modo di sfruttare le particolarità della console. Rimangono dei dubbi sulla varietà anche se il numero di minigiochi inclusi nella versione finale sarà sicuramente più alto rispetto ai quattro mostrati attualmente, divertenti ma limitati.

Che voto dai a: Little Deviants

Media Voto Utenti
Voti totali: 16
5.5
nd