(Dis)Comfort Zone: Outlast 2 Adesso online

Nuovo episodio della (dis)Comfort Zone dedicata ad Outlast 2

Hands on Nano Assault Neo

Provato lo shooter a doppio stick di Shin'en alla Wii U Experience

hands on Nano Assault Neo
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

La scena tedesca di sviluppatori specializzati in sparatutto a scorrimento è seconda solo a quella nipponica. Due sono le realtà alquanto attive, NG:DEV.TEAM che pubblica ancora su Dreamcast e Neo Geo e Shin'en. Quest'ultimi lavorano esclusiavamente su macchine Nintendo sin dal Game Boy Color, hanno sviluppato poi un autentica specializzazione verso gli shoot'em up con le serie di Iridion (GBA), Nanostray (DS) e ora Nano Assault (3DS).
Saranno presenti anche al day one di Wii U con Nano Assault Neo, un sequel dell'episodio portatile pensato appositamente per sfruttare appieno le specificità del tablet-controller. L'essenza è quella di uno shooter a doppio stick in stile Geometry Wars con l'importante novità di livelli non bidimensionali ma sviluppati attorno a modelli tridimensionali di batteri o altri virus microscopici.
Alla Wii U Experience abbiamo provato una manciata dei 16 livelli previsti, scoprendo un gameplay davvero accattivante e feature esclusive. Il gioco scaricabile dallo store digitale della console peserà appena 80 MB pur essendo farcito di "virus" tridimensionali e un sacco di modalità di gioco; se le dimensioni di Nano Assault Neo possono essere utilizzate come unità di misura dei futuri titoli scaricabili, allora l'hard disk da 8 GB della versione Basic non è poi così limitato!

Guerra ai microbi

Avendo giù a disposizione un concept di gioco derivato dalla versione Nintendo 3DS, i ragazzi di Shin'en si sono concentrati sull'ottimizzazione della versione Wii U e il risultato è di tutto rispetto. Anzitutto è possibile giocare a Nano Assault Neo con tutte le tipologie di controller della console: Wiimote+Nunchuck, Classic Controller Pro o ovviamente tablet-controller. L'esperienza di gioco consigliata, però, è quella in simbiosi con l'analogico e il touch screen; poi ovviamente potete sfoderare gli altri due controller per approntare sfide a 2 giocatori, ma nel single player o nell'arcade mode è strettamente consigliato il tablet-controller. Volete sapere il motivo?

"L'essenza è quella di uno shooter a doppio stick in stile Geometry Wars con l'importante novità di livelli sviluppati attorno a modelli tridimensionali di batteri microscopici"

Semplicemente perchè appoggiando un dito sullo schermo tattile l'azione di gioco entra in pausa e si può perlustrare una mappa in tre dimensioni del livello (particolarmente utile quando il tempo a disposizione sta per scadere e bisogna in tutta fretta individuare gli ultimi nemici), oltre che settare alcune opzioni dei power-up raccolti. Ad esempio nel caso dei satelliti è possibile disporli a proprio piacimento attorno all'astronave, nonchè definire la direzione di sparo: tutti vicini per una potenza di fuoco soverchiante oppure ciascuno rivolto verso una delle otto direzioni? Altri power-up presenti sono uno scudo capace di proteggere momentaneamente il mezzo spaziale dai colpi nemici e l'attractor, una calamita che attira a sé germi e batteri così da distruggerli uno dopo l'altro in men che non si dica.
Nano Assault Neo era inoltre uno dei pochi titoli presenti alla Wii U Experience ad offrire l'opportunità di testare il gioco sul televisore e anche sullo schermo del controller. Premendo START e aspettando un paio di secondi quanto visualizzato sul televisore da salotto si trasferisce sul piccolo schermo: si può continuare a giocare in santa pace (collegando magari un paio di cuffie) anche quando il padre sbraita per vedere il telegiornale. Anche in questo caso premendo in qualunque punto il touch screen si può visualizzare la mappa e giocare con le opzioni dei power-up.

Il level design di Nano Assault Neo è affascinante. Non siamo più nello spazio profondo dei Nanostray e di centinaia di altri esponenti del genere, bensì nelle viscere di un non meglio precisato organismo. Ciascuno stage di gioco è caratterizzato da un particolare microbo e questo offre importanti ripercussioni sulle cromie adottate, i nemici presenti e la flora batterica. Con Nanostray 2 il team di sviluppo ha dato prova di saper variare pesantemente la formula di gioco approdando a risultati freschi e originali, quindi

"E' come affrontare un pianeta di Super Mario Galaxy avendo come arma una mitragliatrice che non si inceppa mai"

è lecito aspettarsi una notevoli diversità tra i diversi virus.
Giocare un simil-Geometry Wars all'interno di uno spazio tridimensionale è una sensazione inconsueta. E' come affrontare un pianeta di Super Mario Galaxy avendo come arma una mitragliatrice che non si inceppa mai. Nei Bonus Stage che fanno capolino ogni tanto si entra all'interno di un tubo organico e mentre si sfreccia alla velocità della luce è necessario anche evitare le escrescenze prodotte dal virus pena l'immediato Game Over. Un trip ludico eguagliato solo dai livelli speciali di Sonic 2 e da un classico come Tempest.
Pur essendo un titolo scaricabile la longevità è alquanto elevata. Ci sono due modalità dedicate al single player, una competitiva al multiplayer e non appena finirete l'avventura in solitaria sbloccherete il Survival Mode che assomiglia - a detta degli sviluppatori - alla modalità Coin Rush di New Super Mario Bros 2).

Nano Assault Neo Nano Assault Neo farà da apripista per quanto riguarda la line-up dei titoli scaricabili Wii U. Trine 2 e Toki Tori 2 (di cui parleremo nei giorni a venire) arriveranno solo in un secondo momento all'interno della cosiddetta finestra di lancio. Nano Assault Neo è un gradevole shooter a doppio stick costruito su livelli tridimensionali infestati da ogni tipo di batterio. Si avvale di una forte collaborazione tra televisore e touch screen sul quale si possono impostare alcuni parametri dei power up raccolti. La buona longevità e l'ispirato comparto grafico fanno di Nano Assault Neo una piccola perla che non deve essere sottovalutata dai futuri acquirenti di Wii U. Aspettiamo di conoscere il prezzo, ma sapere che il peso è di appena 80 MB per tutto questo ben di dio ci conforta!

Che voto dai a: Nano Assault Neo

Media Voto Utenti
Voti totali: 6
5.3
nd