STRAFE Oggi alle ore 17:00

Giochiamo in diretta con Strafe, FPS dallo stile retrò.

E3 2011

Hands on Neverdead

Il nuovo action game di Konami si lascia provare per la prima volta all'E3 2011

hands on Neverdead
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Los Angeles - Konami, in occasione dell'E3 2010, annunciò NeverDead, un nuovo action shooter in terza persona per Xbox 360 e PlayStation 3. Il titolo, sviluppato in collaborazione con Rebellion (lo studio responsabile di Aliens vs Predator del 2010), sulla carta punta a distinguersi dai classici giochi d'azione, introducendo nuove dinamiche legate al personaggio protagonista, Bryce Boltzmann, un immortale che riesce a staccare parti del suo corpo durante il combattimento, così da utilizzare i suoi arti per eliminare i demoni che infestano la città.
Dopo il nuovo trailer presentato all'evento del 2 Giugno, abbiamo avuto occasione di provare per la prima volta il gioco, grazie ad una demo incentrata sulle principali caratteristiche del combat system di Neverdead.

Endless Revenge

500 anni fa Bryce era guerriero fiero e coraggioso, che aveva dedicato tutta la sua vita alla lotta contro il male. Durante uno scontro contro un potente Re Demone, cadde nelle mani del nemico, che lo tramuto in in uno di quegli esseri che da sempre aveva combattuto: un demone immortale. Costretto a vivere la sua esistenza per l'eternità, Bryce ha passato tutto questo tempo continuando a combattere i suoi nemici giurati, covando in seno un'accesa rivalsa contro l'artefice del suo destino.
Neverdead ha inizio ai giorni nostri: Bryce è entrato a far parte della N.A.D.A., l'Agenzia Nazionale Anti-Demoni, e con la sua partner Arcadia continua a rispedire negli inferi tutte le mostruose creature che infestano il nostro mondo.

Amputazione

La demo ci lascia giocare una delle prime missioni del titolo. Il nostro obiettivo è quello di riuscire ad entrare all'interno di un museo, in cui sono state registrate alcune insolite attività. Bryce e Arcadia giungono nel cortile esterno, alla ricerca di un metodo per entrare all'interno dell'edificio. Ma ad accogliergli li aspetta un bel "comitato di benvenuto": terribili creature a quattro zampe, pronti ad affondare le loro zanne nella nostra carne. Bryce potrà fare affidamento sulle sue due armi (una pistola e una mitragliatrice), ognuna assegnata ad una mano e utilizzabile tramite la pressione dei grilletti laterali. Un paio di colpi e metteremo a nanna i cuccioloni, ma l'attacco non sarà certo finito. Da una sorta di statua - un portale che collega il nostro mondo con quello dei demoni - vengono letteralmente sputati nuovi nemici. Ora i bestioni sono una mezza dozzina: come fare per eliminarli velocemente? C'è bisogno di un diversivo! Tenendo premuto uno dei due tasti dorsali, Bryce si stacca con violenza un braccio, mentre con quello che gli rimane lancia l'arto ai mostri. Ingolositi dall'odore della carne umana, i demoni corrono a spolpare l'arto, e non si accorgono della pioggia di piombo che gli lanciamo contro. Ovviamente continuare l'avventura con un braccio o una gamba amputata non è la soluzione più pratica: basterà dunque effettuare una capriola verso il "pezzo" mancante per rimetterlo al giusto posto. E se proprio andiamo di fretta, Bryce potrà auto-rigenerare le parti del suo corpo grazie al suo potere demoniaco, tramite la pressione dell'analogico destro.
Superato un cancello elettrico (aperto collegando "manualmente" i cavi elettrici, dal momento che lo shock elettrico, sebbene sia doloroso, non è di certo un pericolo per il nostro Bryce), ci ritroviamo davanti ad una nuova creatura da sconfiggere: un essere costituito essenzialmente da un'enorme lama affilata. I colpi delle nostre pistole sono del tutto inutili: per sconfiggerlo è necessario utilizzare la nostra spada, fidata compagna fin dai tempi in cui Bryce era un normale essere umano. Selezionata l'arma con il tasto Y, con il grilletto sinistro prenderemo la mira, mentre il movimento dell'analogico destro permetterà di menare fendenti.
L'area dinanzi al museo è finalmente sgombra dai demoni, ma purtroppo rimare il problema di riuscire ad entrare all'interno dell'edificio. Davanti a noi, una fontana danneggiata lancia uno spruzzo d'acqua in direzione di una finestra del palazzo: una situazione perfetta, da perdere letteralmente la testa! Premendo la croce direzionale verso l'altro, Bryce afferra con forza la sua testa, e con un movimento violento la stacca dal resto del corpo. Come se fosse una palla da bowling, la lanciamo in direzione del getto d'acqua. Sparati a tutta velocità verso la finestra, riusciamo finalmente ad entrare all'interno del museo, ma non c'è tempo di fare un giro tra scheletri di dinosauri e mummie egizie. Una piccola creatura denominata "GrandBaby" sembra essere particolarmente attratta dalla nostra testa, che continua a ruzzolare sul pavimento. Una situazione che rischia di mettere fine alle nostre imprese: n Neverdead risulta abbastanza difficile che Bryce possa tirare le cuoia, vista la sua immortalità, eppure l'"Highlander" di Konami non è immune alla morte. La testa è infatti il tallone d'Achille del nostro cacciatore di demoni: se viene inglobata da un GrandBaby, l'esistenza secolare di Bryce giungerà a termine. Inoltre nel corso delle nostre missioni dovremo prestare sempre uno sguardo alla nostra partner gestita dalla CPU. Se Arcadia cade vittima di un attacco, dovremo soccorrerla al più presto, avvicinandoci e premendo il tasto X. Se Arcadia muore, dovremo ricominciare la missione dall'ultimo checkpoint.
In ogni caso, per sfuggire alla creatura è sufficiente rigenerare velocemente il nostro copro: alla pressione dell'analogico destro vediamo materializzarsi poco a poco il tronco e gli arti. I combattimenti all'interno del museo continuano imperturbati, e gli scontri al chiuso ci mostrano un'accentuata distruttibilità degli scenari: un elemento che può essere sfruttato a nostro favore per eliminare i nemici: non è mai salutare ricevere in testa un pilastro di cemento armato, anche se sei un enorme demone corazzato! Inoltre il fuoco scaturito da un incendio, o l'elettricità di alcuni cavi scoperti possono essere utili strumenti per eliminare più velocemente gli avversari. Bryce può trasformarsi in una torcia umana, o caricarsi elettricamente, per poi utilizzare la furia degli elementi contro i nemici. La demo si conclude con una battaglia contro un boss finale: il bestione che affrontiamo si muove velocemente, ma dopo una serie di colpi d'arma da fuoco e qualche fendente con la nostra spada, cade al suolo inerme.

Da quando fu presentato al pubblico dell'E3 di un anno fa, Neverdead ci incuriosì molto, soprattutto per le originali doti del protagonista principale. Purtroppo la demo mostrata alla kermesse Losangelina di quest'anno ci ha lasciato abbastanza delusi. Di tutte le idee immaginabili per sfruttare i poteri di Bryce, Rebellion ha scelto le più banali: simpatica l'idea di lanciare arti ai nemici per infliggere danni in modo differente, ma il tutto non riesce a differenziare il prodotto dagli hack'n slash più canonici disponibili sul mercato. Anzi, il ritmo di gioco è quello che paga di più le scelte optate dalla software house: in molti punti della demo, mentre eravamo affaccendati a randellare i nemici, un singolo colpo ricevuto ci ha dismembrato completamente, costringendoci quindi a cercare e riassemblare tutti i pezzi prima di continuare a combattere. Nella porzione che abbiamo provato, abbiamo riscontrato dunque un gameplay molto frammentato e molto meno divertente di quanto potessimo aspettarci.

Neverdead La demo di Neverdead ci ha mostrato solo una piccola porzione di questo nuovo action-game: la sessione di prova durante l’E3 ha rivelato un prodotto con del potenziale ampiamente inespresso. L’idea che il protagonista possa amputarsi parti del corpo per usarle come armi non ci appare sfruttata a dovere, e in qualche frangente risulta addirittura un fattore limitante nelle dinamiche di gioco. Confidiamo che il titolo, atteso entro la fine dell’anno, mostri una varietà maggiore, sfruttando le buone idee di base in maniera più convincente e originale.

Che voto dai a: Neverdead

Media Voto Utenti
Voti totali: 54
5.6
nd