Yakuza Zero Oggi alle ore 17:00

Giappone, 1988: inizia l'epopea di Yakuza!

E3 2011

Hands on Resistance 3

Primo sguardo alla terza incarnazione di Resitance

hands on Resistance 3
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Ps3
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il nuovo capitolo di Resistance, sempre ad opera di Insomniac in esclusiva per Playstation 3, è stato mostrato in una breve demo in 3D durante la conference di Sony e con una versione giocabile nelle postazioni allestite subito dopo, offrendo due spunti ben differenti.

Caos in 3D

Normalmente le demo giocate durante le conference devono adeguarsi a canoni decisamente restrittivi: devono essere brevi, in quanto il tempo a disposizione per ogni titolo è limitato, e d'impatto, poiché devono rapidamente entrare nella mente dei presenti, in modo che la grande macchina dell’hype inneschi il suo perverso meccanismo.
Sfortunatamente Resistance 3 esce con le ossa rotte dalla cortissima demo mostrata durante la conference di Sony: inforcati gli occhialini 3D si è assistito a pochissimi minuti di caos incontrollato, con una serie di sparatorie ambientate in una strada popolata da rottami di auto e muri crollati, immersi in una pioggia battente che non fa altro che depositare centinaia di gocce in primo piano sulla visuale, negando di fatto la leggibilità dell’ambiente, del gameplay e dello stile del gioco.
Un passo falso quindi, per una dimostrazione che non riesce minimamente a riaccendere l’interesse per una serie che, probabilmente, con il secondo capitolo non ha convinto fino in fondo ed è ora alla soglia del terzo episodio, notoriamente passo difficile da compiere.

Provato con mano

La sezione da giocare nelle postazioni demo allestite da Sony a margine della conference, invece, è molto diversa e permette di cambiare radicalmente il parere che ci si era fatti in precedenza: la demo si apre con la resistenza che cerca di riorganizzarsi dopo un attacco dei Chimera, alla periferia di una cittadina che ha ceduto il passo all’avanzata nemica, come testimoniano le palazzine sventrate e le aree completamente distrutte, con le strade bloccate da numerosi veicoli ormai inutilizzabili.
La difficoltà di gioco si dimostra subito discreta con i Chimera che attaccano a testa bassa, costringendo gli umani ad una ritirata strategica all’interno di un caseggiato, il piano superiore del quale offre un punto di vista privilegiato per l’uso del fucile da cecchino.
La battaglia si sposta poi in una zona attigua più ampia, dominata da un posteggio nel quale sarà necessario utilizzare una delle armi più celebri della serie: il fucile Auger è nuovamente presente e permette di colpire rimanendo nascosti, con i proiettili che possono attraversare la materia solida per raggiungere il nemico.
Il progressivo inasprirsi dello scontro è accompagnato dal peggioramento delle condizioni atmosferiche, con un forte vento che inizia ad alzare la polvere presente ovunque nelle strade, seguito da una pioggia scrosciante che sale di intensità fino alla fine della sezione giocabile.

Un passo avanti

Dal punto di vista tecnico Resistance 3 si dimostra più solido che in passato, con una fluidità ottima e un ampio uso di filtri di post processing, in modo da migliorare notevolmente la resa finale su schermo.
La demo giocata è in semplice 2D, quindi non è possibile appurare se il 3D sia il vero responsabile del caos visivo percepito durante la conference.
Nella sezione giocata, però, non si è registrata la presenza dei Chimera più grandi, marchio di fabbrica della serie dopo i pachidermi presenti del secondo episodio, sicuramente in grado di garantire situazioni ad alto tasso d’adrenalina.
Rimane inoltre da saggiare la bontà del multiplayer, riportato verso i canonici sedici partecipanti, dopo che il secondo capitolo si era fregiato della possibilità di accogliere fino a sessanta giocatori nelle proprie mappe online, e il supporto a Playstation Move.

Resistance 3 Resistance 3 si riconferma come uno sparatutto solido e ben sviluppato che, come accade per quasi tutti i titoli più importanti in arrivo per Playstation 3, offrirà sia il supporto a Move che la possibilità di giocare in 3D con gli occhialini e un televisore compatibile. A Settembre avremo la possibilità di poter giocare alla versione completa, quindi l’attesa è quasi finita.